Italian Chinese (Simplified) English French German Spanish

La confessione di Agostino. Una vita in gioco tra guardie e ladri

cartolina le confessioni fronte“Mi chiamo Agostino, ho cinquantasei anni e vivo in una casa lavoro, si chiama così il limbo in cui mi trovo a penare. Non assomiglia per niente a una casa, e' galera, con porte blindate e angeli poliziotti a vegliare sulla mia noia. Sotto il tetto in cui sto scontando il mio 'ergastolo bianco' non ho alcun mestiere a cui dedicarmi, giusto una manciata di giorni al mese faccio lo 'scopino', pulisco il passaggio di chi striscia inerte accanto a me. Da bambino sognavo un mondo ordinato, per questo diventai sbirro; il gioco d'azzardo mi fece cadere, per questo diventai ladro. Mi chiamo Agostino e sogno la libertà.”

"La confessione di Agostino. Una vita in gioco tra guardie e ladri" è uno spettacolo scritto e diretto da Gianfelice Facchetti, patrocinato da Antigone e Amnesty International Italia, che sarà in scena da oggi fino al 20 marzo allo Spazio Tertulliano a Milano.

Qui ulteriori informazioni.

Iscriviti alla newsletter di Antigone
L'indirizzo al quale desideri ricevere le newsletter.
Acconsento al trattamento dei miei dati personali (decreto legislativo 196 del 30/Giugno/2003)

Dona il 5x1000
AntigoneCinquePerMille

Sostieni Antigone
con una donazione

bottone mappatura