Italian Chinese (Simplified) English French German Spanish

Papa Francesco contro ergastolo e tortura. Gonnella (Antigone): "La politica italiana prenda esempio"

carceriCon le parole pronunciate oggi di fronte all'Associazione Internazionale di Diritto Penale, Papa Francesco ha dimostrato qualcosa di più di una generica attitudine cristiana verso la vita. Nel pronunciarsi contro ogni forma di pena di morte incluso l'ergastolo, ha parlato di pene che devono rispettare la dignità umana e non essere forme di tortura, ha parlato di una giustizia selettiva che è forte con i deboli e debole con i forti, ha parlato di un sistema penale troppo invasivo e dell'assurdità del fatto che il carcere sia la sola pena prevista. Tutte cose che noi andiamo dicendo da sempre.

La Chiesa guidata da Bergoglio mostra di avere una lettura profonda della società. Siamo stati abituati a decenni in cui il problema principale sembrava essere quello dell'inizio o della fine della vita. Adesso la Chiesa dimostra di occuparsi della vita stessa e di essere davvero vicina ai più bisognosi. Che la politica impari dalle parole di Bergoglio. Si cominci con l'introdurre il delitto di tortura e con l'abolire subito la pena dell'ergastolo, dando lo stesso segnale di civiltà giuridica che ha saputo dare il Papa facendo queste cose alcuni mesi fa nell'ordinamento Vaticano.

Iscriviti alla newsletter
Acconsento al trattamento dei miei dati personali

Emergenza coronavirus

Scopri cosa stiamo facendo e come possiamo aiutarti

Pagina Coronavirus

BANNER rapporti precedenti

Dona il 5x1000
AntigoneCinquePerMille

Sostieni Antigone
con una donazione

bottone mappatura