Italian Chinese (Simplified) English French German Spanish

Carcere di Asti. Confermate le condanne per le violenze di due poliziotti su detenuto convertito all'Islam

preghieradetenutiLa Corte di Cassazione ha chiuso la vicenda dell'aggressione avvenuta nel carcere di Asti nel 2010. Dichiarando inammissibile il ricorso, sono state confermate le condanne inflitte a due poliziotti penitenziari (un sovrintendente e un agente) che pestarono il giovane C.G., "colpevole" di essersi convertito all'Islam.  
Un'aggressione islamofoba, avvenuta nei locali dell'infermeria, che aveva causato lesioni guaribili in 30 giorni.
In primo grado il giudice aveva inflitto condanne superiori ai 2 anni, poi ridotte in appello a 1 anno e 5 mila euro di risarcimento del danno.


La vicenda è stata recentemente esaminata dal Comitato ONU per la prevenzione della tortura, su segnalazione di Antigone. 
Pochi anni prima, nel carcere di Asti erano avvenuti i violenti pestaggi nel reparto di isolamento, classificati come atti di tortura dalla Corte Europea dei Diritti dell'Uomo. 

Oggi C.G. si trova ancora in carcere e non può ottenere il trasferimento nell'istituto più vicino a casa perché uno degli agenti condannati è in servizio in quel carcere. 

"È molto importante ora che il ministero della Giustizia assicuri protezione al detenuto e che sempre più nei programmi di formazione dello staff si parli anche di libertà religiosa" è il commento sulla vicenda di Patrizio Gonnella, presidente di Antigone.

Iscriviti alla newsletter di Antigone
L'indirizzo al quale desideri ricevere le newsletter.
Acconsento al trattamento dei miei dati personali (decreto legislativo 196 del 30/Giugno/2003)

Dona il 5x1000
AntigoneCinquePerMille

Sostieni Antigone
con una donazione

bottone mappatura