Italian Chinese (Simplified) English French German Spanish

Regeni, nessuna novità dall'audizione del ministro Alfano. Resta nostra contrarietà a ritorno ambasciatore

Giulio-RegeniCOMUNICATO STAMPA - "Le parole pronunciate oggi dal ministro degli Esteri Alfano non contengono alcuna novità significativa, relativamente al caso di Giulio Regeni, tale da giustificare il ritorno dell'ambasciatore italiano al Cairo". A dirlo è Patrizio Gonnella, presidente di Antigone e della Coalizione Italiana per le Libertà e i Diritti civili (CILD), in merito all'audizione in Parlamento sul caso del ricercatore ucciso in Egitto e il ripristino dei rapporti politici tra questo paese e l'Italia.  

"Alfano - prosegue Gonnella - ha sottolineato ancora una volta quanto detto alla vigilia di ferragosto, quando il governo aveva annunciato il nuovo invio dell'ambasciatore, sul fatto che la presenza dell'ambasciatore garantirà una azione più incisiva di pressione sulle autorità giudiziarie egiziane affinché collaborino con quelle italiane. Se così fosse - sottolinea il presidente di Antigone e CILD - lo stesso governo dovrebbe fare un mea culpa per averlo ritirato quasi un anno e mezzo fa".

Leggi tutto...

Caso Regeni. Sul ritorno dell'Ambasciatore italiano in Egitto le dichiarazioni di Patrizio Gonnella (presidente Antigone e CILD)

Regeni sit inCOMUNICATO STAMPA - Ritirato dall'Egitto come strumento di pressione affinché il governo di Al-Sisi collaborasse per ottenere la verità sui colpevoli del rapimento, delle torture e dell'uccisione di Giulio Regeni, l'Ambasciatore italiano tornerà al Cairo.  

Come nella peggiore tradizioni italiana, a cavallo di ferragosto, si prende una decisione così fondamentale su un caso che da oltre un anno e mezzo vede impegnata la famiglia del ricercatore, i suoi legali e grande parte della società civile italiana in questa richiesta di giustizia.  

Stando al ministro degli Esteri Alfano il ritorno dell'ambasciatore sarà uno strumento in più per le autorità italiane nel ricercare questa verità. Se così fosse il governo allora dovrebbe fare un mea culpa per averlo ritirato nell'aprile 2016. La verità è che da tempo si cercava una normalizzazione nei rapporti tra Italia ed Egitto, importante partner commerciale ed economico del nostro paese. Una normalizzazione che andasse oltre alle violenze commesse dal regime di Al-Sisi e oltre alla ricerca dei colpevoli per la morte di Giulio Regeni.  

Leggi tutto...

Inizia una nuova stagione per l'Atletico Diritti. Dai campi di periferia al Camp Nou per l'inclusione dei rifugiati

12800382 537823293057545 4337168250578402130 nInizia ufficialmente la quarta stagione dell'Atletico Diritti, la squadra di calcio cui Antigone e Progetto Diritti hanno dato vita nel giugno del 2014. Ieri abbiamo presentato la richiesta di iscrizione al campionato di Terza Categoria del Lazio.

Un anno in cui speriamo di poter avere in campo con noi anche i tanti ragazzi rifugiati che, fino alla passata stagione sportiva, potevano solo allenarsi senza partecipare alle partite ufficiali a causa dei regolamenti della Federazione.  

Un tema questo che ci sta particolarmente a cuore, essendo quello dell'inclusione e della lotta al razzismo attraverso lo sport una delle ragioni fondanti dell'Atletico Diritti.

Nell'ottobre dello scorso anno abbiamo presentato un dossier sulle discriminazioni nel calcio dove raccontavamo gli ostacoli burocratici e formali che venivano posti ai cittadini stranieri. Abbiamo inoltre aderito a "We Want To Play". Nell'ambito di questa campagna promossa da numerose realtà calcistiche popolari italiane abbiamo scritto nei giorni scorsi agli organi competenti affinché venga modificato il regolamento Noif al comma 1.1. (punti B e C) dell'art. 40.  

Leggi tutto...

Le nostre proposte per la riforma dell'ordinamento penitenziario

carceriDurante la conferenza stampa di presentazione del pre rapporto 2017, tenutasi nei giorni scorsi a Roma, abbiamo illustrato anche le nostre proposte per il nuovo ordinamento penitenziario.

Lo scorso 14 giugno la Camera dei Deputati ha votato infatti in via definitiva una legge recante ‘Modifiche al codice penale, al codice di procedura penale e al’ordinamento penitenziario’;. Per quanto riguarda quest’ultimo, il comma 85 della legge elenca i principi e criteri direttivi secondo i quali il Governo è delegato a scrivere i decreti legislativi recanti sue modifiche. Lo scorso 19 luglio il Ministero della Giustizia ha annunciato la costituzione presso l’Ufficio Legislativo di tre Commissioni per la loro elaborazione. Le tre Commissioni, che lavoreranno fino al 31 dicembre 2017, si occuperanno delle modifiche alla disciplina delle misure di sicurezza e di assistenza sanitaria, della riforma dell’ordinamento penitenziario minorile e della riforma dell’ordinamento penitenziario nel suo complesso. Esse dovranno avvalersi di quanto elaborato dagli Stati Generali dell’esecuzione penale.

Attraverso le nostre proposte, intendiamo dialogare con il lavoro di scrittura dei decreti legislativi che noi auspichiamo possa dare vita a un nuovo ordinamento penitenziario a oltre quarant’anni dall’entrata in vigore di quello oggi vigente.

LEGGI LE NOSTRE PROPOSTE

Conferenza nazionale sulle droghe: la nostra diffida al Governo

palazzo chigi governo-1080x675Antigone, Forum Droghe, Lega Italiana Lotta all’AIDS (LILA), l’Associazione Luca Coscioni e la Società della Ragione hanno inviato oggi 31 luglio una diffida al Governo per denunciare la mancata piena applicazione della legge sulle droghe.  

Il Testo unico sulle droghe 309/90 prevede che “ogni tre anni, il Presidente del Consiglio dei Ministri convochi una conferenza nazionale sui problemi connessi alla diffusione delle sostanze stupefacenti e psicotrope, alla quale invita soggetti pubblici e privati che esplicano la loro attività nel campo della prevenzione e della cura della tossicodipendenza. Le conclusioni di tali conferenze sono comunicate al Parlamento anche al fine di individuare eventuali correzioni alla legislazione antidroga dettate dall’esperienza applicativa” recita la diffida in premessa.  

Leggi tutto...

Suicidi in carcere. Sono 29 nel 2017. Vanno subito assunti provvedimenti per prevenirli

164728414-2df8e99f-3ee3-4c2c-865b-2fe7786beed1COMUNICATO STAMPA - Il suicidio avvenuto oggi a Rebibbia è il ventinovesimo dall'inizio dell'anno. Un calcolo triste e tragico.  
Al di là delle motivazioni che hanno portato a quest'ultimo episodio c'è necessità di rimettere al centro dell'attenzione pubblica e istituzionale la questione carceraria.  

"Vanno subito assunti provvedimenti diretti a migliorare lecondizioni materiali di detenzione - sostiene Patrizio Gonnella, presidente di Antigone. Inoltre, da un lato, vanno rispettate le indicazioni ministeriali sulla prevenzione dei suicidi e, dall'altro, vanno individuate riforme da subito realizzabili.

Leggi tutto...

Continua a crescere il numero dei detenuti e si torna sotto i 3mq

20280566 1198765443563348 4578616087715920841 oContinua la crescita dei detenuti (il tasso di sovraffollamento è al 113,2%) e in alcune carceri si torna a scendere sotto lo spazio minimo previsto di 3 mq per detenuto. E’ quanto emerge dal pre-rapporto 2017 che abbiamo presentato oggi a Roma, frutto dei primi sei mesi di visite del nostro Osservatorio.
Già nell’ultimo rapporto, non a caso chiamato #TornailCarcere, si era posta l’attenzione sul ritorno del sovraffollamento con tassi di crescita che, se continuassero all’attuale ritmo, porterebbero in pochi anni l’Italia ai livelli che costarono la condanna da parte della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo.  
Ma quali sono le ragioni della crescita del numero dei detenuti? Da una parte il numero enorme di processi penali pendenti. Oltre 1,5 milioni di cui più di 300 mila dalla durata irragionevole e quindi prossimi alla violazione della legge Pinto. I tempi lunghi dei processi influiscono sull’eccessivo ricorso alla custodia cautelare che continua a crescere arrivando all’attuale 34,6%, quando solo due anni fa era al 33,8%. Dall’altra c’è il fatto che si registra un cambiamento anche nelle pratiche di Polizia e giurisdizionali, effetto questo della pressione dell’opinione pubblica a partire da casi eclatanti (di come le sirene del populismo penale potessero influire avevamo parlato in un nostro recente approfondimento).

Leggi tutto...

Proposte per la riforma dell'Ordinamento Penitenziario

17834387 1096261093813784 8324479450938082368 oUn gruppo di studiosi coordinato dai professori Glauco Giostra e Pasquale Bronzo ha elaborato proposte per dare attuazione alla legge delega per la riforma dell'Ordinamento Penitenziario. Antigone sta elaborando anche le sue proposte che a breve renderà pubbliche. Questi lavori fanno seguito anche al convegno organizzato dalla nostra associazione lo scorso 10 aprile nel quale facemmo il punto sul lavoro seguito agli Stati Generali dell'Esecuzione Penale. Un dibattito su questo che prosegue.

Ringraziamo l'Editore per la concessione alla pubblicazione anticipata on line del lavoro.

Attivista accusato di vilipendio alle istituzioni della Repubblica. Il rischio è venga meno diritto di opinione e di critica

vilipendioCOMUNICATO STAMPA - Nelle settimane scorse un giovane attivista della rete Resistenze Meticce, intervenendo in piazza del Pantheon durante una manifestazione promossa da Amnesty International Italia, aveva criticato il ministro dell'Interno Marco Minniti e i decreti immigrazione e sicurezza che portano il suo nome. A seguito dell'intervento le forze dell'ordine presenti in piazza avevano fermato e denunciato l'attivista al quale è stata ora notificata l'accusa di vilipendio alle istituzioni della Repubblica (art. 290 c.p.).

"Il vilipendio è un reato che andrebbe abrogato. A maggior ragione quando la denuncia per vilipendio arriva, pare dalle immagini viste, solo per avere criticato il ministro che nella vulgata giornalistica ha dato il proprio nome ai decreti su immigrazione e sicurezza. A dirlo è Patrizio Gonnella, presidente di Antigone. Chiediamo al ministro Minniti - prosegue Gonnella - di esprimersi a riguardo. Centinaia di volte uomini politici, giornalisti, accademici, noi stessi abbiamo criticato leggi citando i nomi dei proponenti. Nessuno è mai stato accusato di vilipendio né denunce sono arrivate dai diretti interessati. Neanche quando questi erano Giovanardi, Bossi, Fini o Fornero. Quanto sta accadendo su questo caso - conclude il presidente di Antigone - mette a repentaglio il diritto di opinione e di critica, capisaldi di ogni stato democratico".

Roma, 13/07/2017

Relazioni bilateriali Italia-Egitto. Per rasserenarle si chieda maggiore collaborazione sul caso Regeni

154557120-fd6e3a09-1365-4b0b-86a4-f648ccfcb018COMUNICATO STAMPA - Dichiarazione congiunta di Antonio Marchesi (presidente di Amnesty International Italia) e Patrizio Gonnella (presidente di Antigone e CILD)  

In queste ore una delegazione della commissione difesa del Senato, guidata dal presidente Nicola Latorre, è impegnata in una visita ufficiale in Egitto. Durante la visita lo stesso senatore Latorre - come riportato da un'agenzia di stampa - avrebbe sottolineato la necessità di rasserenare l’atmosfera fra i due paesi per superare le difficoltà che stanno vivendo le relazioni bilaterali.  

Una frase che può essere letta come una possibile apertura al ritorno dell'ambasciatore italiano al Cairo, dopo che l'Italia aveva ritirato il suo rappresentante a seguito della morte del giovane ricercatore Giulio Regeni. Un caso per il quale la collaborazione delle autorità egiziane è sempre stata assente.  

Leggi tutto...

Iscriviti alla newsletter
Acconsento al trattamento dei miei dati personali

Dona il 5x1000
AntigoneCinquePerMille

Sostieni Antigone
con una donazione

bottone mappatura