Italian Chinese (Simplified) English French German Spanish

Tortura: l’Italia non può più aspettare. Il 13 ottobre in piazza per il reato

reato

A dicembre saranno 28 anni che l’Italia aspetta l’introduzione del reato di tortura nel proprio codice penale.  

Tanti ne sono passati da quando il nostro Paese ha ratificato la Convenzione delle Nazioni Unite contro la tortura, impegnandosi ad inserire questo delitto nella propria legislazione.  

All’inizio di questa legislatura una proposta di legge aveva iniziato il suo iter parlamentare. Approvata al Senato nel marzo 2014, successivamente fu approvata alla Camera, all’indomani della condanna dell’Italia per le torture nella scuola Diaz da parte della Corte Europea per i Diritti dell’Uomo, nell’aprile del 2015. Il testo, qui modificato, fu spedito nuovamente al Senato dove è stato affossato.  

Leggi tutto...

REGENI/ANTIGONE. L’autopsia conferma le torture. L’azione del governo italiano si faccia più incisiva.

RegeniSitInREGENI/ANTIGONE. L’autopsia conferma le torture. L’azione del governo italiano si faccia più incisiva. Le dichiarazioni di Patrizio Gonnella, presidente di Antigone e CILD.  

“I risultati dell’autopsia dimostrano quello che da mesi andiamo ripetendo, Giulio Regeni fu torturato in maniera crudele e sistematica. Il suo corpo porta i segni di torturatori professionisti.  

Per questo, ad oltre sette mesi dal ritrovamento del corpo del giovane ricercatore al Cairo, continuiamo a chiedere la verità sulle cause e i responsabili del rapimento, le torture e la morte di Regeni, respingendo tutte le verità di comodo e i depistaggi tentati dalle autorità egiziane.  

Oggi gli investigatori italiani si incontreranno nuovamente con i loro omologhi egiziani. Ci auguriamo che stavolta la collaborazione da parte di questi ultimi sia massima e venga fornita tutta la documentazione richiesta, a partire dai tabulati telefonici.

Leggi tutto...

Caso Regeni: l'ambasciatore italiano non deve tornare in Egitto

Giulio-RegeniTra pochi giorni, il 3 settembre, saranno trascorsi sette mesi dalla tragica morte di Giulio Regeni, il ricercatore italiano ventottenne rapito, torturato e ucciso al Cairo.

In un'intervista rilasciata a Riccardo Iacona (Presa diretta, lunedì 29 agosto) la madre, Paola Regeni, ha affermato: "È importante che il nuovo ambasciatore Cantini non scenda al Cairo: non dobbiamo dare questa immagine distensiva".  

Condividiamo la sua preoccupazione. Il ritorno in Egitto del nostro ambasciatore, infatti, sarebbe  inteso dalle autorità egiziane come un segnale della volontà di ristabilire normali rapporti politico-diplomatici tra i due Paesi. Riteniamo che ciò sarebbe assai inopportuno, tanto più alla vigilia dell'incontro tra gli investigatori italiani e quelli egiziani, previsto per l'8 e 9 settembre.    

Leggi tutto...

Poggioreale/Antigone. "Bene si faccia chiarezza. Se le denunce fossero provate, ancora una volta mancherebbe il reato di tortura"

napoli-cella-zero-di-poggioreale-le-denunce-salgono-a-70Si è chiusa oggi l’inchiesta sulle violenze che sarebbero avvenute nel carcere di Poggioreale – e in particolare nella cosiddetta “cella zero” – tra il 2012 e il 2014. A denunciarle furono alcuni detenuti che, direttamente, avrebbero subito tali violenze per le quali oggi 23 persone (22 agenti di polizia penitenziaria e un medico) risultano indagate.

La cella zero sarebbe una stanza vuota, senza videosorveglianza, sporca di sangue sulle pareti.  

I reati ipotizzati a vario titolo dalla Procura di Napoli – che segue l’inchiesta – vanno dal sequestro di persona, all’abuso di autorità, maltrattamenti, lesioni, violenza privata.  

“Ogni tentativo di fare chiarezza è sempre importante, soprattutto nei casi di violenze che avvengono quando un cittadino è sottoposto all’affidamento dello Stato” dichiara Patrizio Gonnella, presidente di Antigone. “Quello che ci auguriamo è che si arrivi presto ad appurare eventuali responsabilità senza che, nel caso di colpevolezza degli indagati, intervenga la prescrizione come già avvenuto in altri casi simili”.  

Leggi tutto...

Ordinamento penitenziario/Antigone. Approvati emendamenti a firma Lo Giudice su proposta di Antigone

Secondigliano 1In questi giorni la Commissione giustizia del Senato è impegnata a discutere un disegno di legge governativo che, tra l'altro, contiene "principi e criteri direttivi per la riforma dell'ordinamento penitenziario".  

Proprio questa Commissione ha approvato, con parere favorevole del Ministro della Giustizia Orlando, alcuni emendamenti presentati del senatore Lo Giudice; emendamenti basati sulle proposte che Antigone aveva inviato lo scorso mese di gennaio a tutti i componenti della Commissione stessa.  

"Già durante il primo passaggio alla Camera dei Deputati di questo disegno di legge - dichiara Patrizio Gonnella, presidente di Antigone - alcune nostre indicazioni furono accolte".

Leggi tutto...

I detenuti hanno ricominciato a crescere. Il Pre-rapporto 2016 di Antigone

carcereinsideIl 30 novembre del 2010 l’Italia raggiunse il massimo storico della popolazione detenuta ovvero 69.155 unità.

Nel gennaio del 2013 il nostro Paese è stato condannato dalla Corte Europei dei diritti umani per le condizioni degradanti di vita presenti nelle sue carceri a causa del sovraffollamento (oltre che per l’assenza di rimedi giurisdizionali nel caso di reclami dei detenuti per i loro diritti violati). A differenza di altri Stati (ad esempio Ungheria e Bulgaria ambedue condannate dalla Corte per le condizioni di affollamento nelle proprie prigioni) l’Italia ha dialogato in modo positivo con la Corte di Strasburgo e ha avviato un percorso di riforme per ridurre i numeri della popolazione detenuta e migliorare la qualità della vita dentro gli istituti penitenziari. Da pochi mesi si sono chiusi gli Stati generali sull’esecuzione della pena, importante iniziativa voluta dal ministero della Giustizia per ragionare in modo partecipato sulle prospettive di cambiamento.

Nel frattempo però i numeri della popolazione detenuta tendono a salire di nuovo, dopo un paio di anni di decrescita.

Leggi tutto...

Non isoliamo i diritti. La campagna di Antigone per la riforma dell'isolamento

isolamentoNel solo 2015 l’isolamento disciplinare è stato comminato per ben 7.307 volte. Nel 29,6% dei casi è la sanzione prescelta dal consiglio di disciplina oggi composto dal direttore, dall’educatore e dal medico. Non vi sono dati sulla durata media dell’isolamento disciplinare ma l’esperienza dice che spesso si attesta sulla sua durata massima ovvero 15 giorni. La legge inoltre non impedisce che vi siano più provvedimenti di isolamento che si susseguono nel tempo. Agli osservatori di Antigone è capitato che sia stato detto che il detenuto veniva rimandato in sezione per poche ore e poi nuovamente messo in isolamento, al fine di aggirare la regola dei 15 giorni al massimo.

Non vi sono dati sull’isolamento giudiziario.

Antigone ha elaborato una proposta di legge che vuole ridurre al minimo l’uso dell’isolamento nella consapevolezza dei rischi che esso ha per la salute psico-fisica della persona detenuta. La proposta si muove nel rispetto di quanto previsto dalle regole penitenziarie europee del 2006 e dalle Mandela Rules dell’Onu del 2015.

Essa prevede che:

Leggi tutto...

Verità per Giulio Regeni. Il 25 luglio, a sei mesi dalla scomparsa, una mobilitazione per Giulio Regeni

unnamed"Verità per Giulio Regeni".  
Il 25 luglio, a sei mesi dalla scomparsa al Cairo, Amnesty International Italia, Antigone e CILD promuovono una mobilitazione per Giulio Regeni  

Lunedì 25 luglio saranno trascorsi sei mesi dalla scomparsa di Giulio Regeni al Cairo. Nonostante siano passati 180 giorni, la verità su quanto accaduto al giovane ricercatore italiano è ancora lontana.    

Per continuare a chiedere "Verità per Giulio Regeni" Amnesty International Italia, Antigone e la Coalizione Italiana per le Libertà e i Diritti civili hanno organizzato una mobilitazione in piazza della Rotonda, a Roma, di fronte al Pantheon.    

Leggi tutto...

Tortura. La nostra lettera a Renzi e Orlando: "chiediamo parole forti e inequivocabili"

Gentile presidente del Consiglio Matteo Renzi e gentile ministro della Giustizia Andrea Orlando,
ieri in Senato si è consumata una farsa che assomiglia tanto a una commedia. Ha vinto ancora una volta la linea della melina, della tattica, della insensibilità ai diritti umani.

In Italia la tortura non è ancora reato. L’Italia è il paese dell’impunità per i torturatori.
Questo non fa onore al nostro Paese e a chi lo governa.

Chi ieri ha consentito che si fermasse tutto e che  la legge non fosse approvata ha la corresponsabilità morale e politica dell’accaduto.
Vi chiediamo di intervenire con parole forti e inequivocabili nonché per mettere fine a questa brutta pagina umana e politica.

Patrizio Gonnella, Presidente Antigone

Tortura/Senato. La discussione è stata rinviata. Gonnella (Antigone): "Sulla tortura è Alfano il capo del governo"

torturaHa vinto Alfano. Il Senato ha rinviato poco fa la discussione del disegno di legge per l'introduzione del reato di tortura a data da destinarsi. Evidentemente nel giro di una notte il ministro dell'Interno è riuscito a convincere il presidente del Consiglio Matteo Renzi a non tenere fede all'impegno assunto nell'aprile dello scorso anno quando disse che la risposta di chi governa un paese era di rispondere alla condanna di Strasburgo, per le torture nella scuola Diaz, approvando una legge che le punisse quelle torture.  
Ora il rischio tangibile è che per l'ennesima volta, come nei 28 anni passati, l'Italia resti senza una legge che consenta di perseguire chi si macchia di questo crimine contro l'umanità.  

Leggi tutto...

Iscriviti alla newsletter
Acconsento al trattamento dei miei dati personali

Dona il 5x1000
AntigoneCinquePerMille

Sostieni Antigone
con una donazione

bottone mappatura