Italian Chinese (Simplified) English French German Spanish

Opg. Antigone li visiterà nei giorni della chiusura

opgIl 31 marzo, così come previsto dalla Legge 81/2014, chiuderanno definitivamente gli Ospedali Psichiatrici Giudiziari. Si tratta di una decisione importante frutto del lavoro di molti, di indagini e denunce partite da lontano. Non vanno creati allarmismi come fanno alcuni. Non c'è rischio sicurezza. Finalmente può ridiventare centrale la salute. Attualmente gli Opg sono sei. Gli internati sono circa 700. Molto è stato fatto. Molto c'è da fare. Noi monitoreremo questo processo.

Già domani e martedì gli osservatori dell'Associazione Antigone si recheranno in questi luoghi per verificare lo stato delle cose, come procede il trasferimento degli internati e se, per il 1 aprile, gli Opg saranno effettivamente vuoti.
Chiederemo inoltre ai direttori se il ministero e i provveditorati competenti stanno facendo valutazioni in merito all'utilizzo futuro di queste strutture.

Leggi tutto...

Antigone: Papa Francesco nel carcere che è stato il peggiore d’europa.

Papa-Francesco-nel-carcere-di-Castrovillari-AnsaNapoli, 21 marzo 2015. Francesco - il Papa che ha chiamato i cristiani e gli uomini di buona volontà a “lottare” per il miglioramento delle condizioni carcerarie - visita la Casa Circondariale di Napoli-Poggioreale: il carcere si era conquistato la fama di essere il peggiore d’Europa per le difficilissime condizioni detentive ed è stato sottoposto a visita ispettiva da parte della Commissione Libertà civili del Parlamento europeo. Poggioreale è l’istituto rispetto al quale sono ancora in corso le indagini della Magistratura per pregressi episodi di violenza che detenuti avrebbero subito da parte di agenti della Polizia Penitenziaria.

Leggi tutto...

Chiusura degli opg. Le “pre-rems” - nel paese dove il provvisorio ha durata infinita – non garantiscono i ricoverati.

opgNapoli, 19 marzo 2015. Alla fine di questo mese, l’orrenda esperienza degli ospedali psichiatrici giudiziari dovrebbe avere la sua fine: in prospettiva della chiusura, Antigone lunedì scorso (16 marzo) ha visitato il più antico manicomio criminale d'Italia: Aversa.

Dal 31 marzo 2015 l'O.P.G. di Aversa non accoglierà ulteriori persone in entrata, ma avrà come unico compito quello di dismettere gli internati rimasti: nonostante la predisposizione dei progetti personalizzati previsti dalla legge, ben 79 persone non sono in uscita, per mancanza di idonee strutture di accoglienza o di famiglie disposte ad accoglierli. Gli internati in uscita sono 29: di questi solo 15 sono campani, mentre 12 provengono dal Lazio e 2 dall'Abruzzo. Quanto alle future entrate, gli o.p.g. verranno sostituiti dalle R.e.m.s. (strutture esclusivamente sanitarie): tuttavia in Campania, le due Rems (a S. Nicola Baronia e a Calvi Risorta), alla data del 31 marzo 2015, certamente non saranno pronte.

Leggi tutto...

Digiuno per chiudere gli OPG

digiuno frame-cChiudere gli Ospedali Psichiatrici Giudiziari, senza proroghe e senza trucchi
“… luoghi indegni per un Paese appena civile” (Giorgio Napolitano)

La data per la chiusura degli OPG si avvicina: il 31 marzo 2015 è la scadenza fissata dalla legge.
Vogliamo essere sicuri che sarà rispettata.
E che al loro posto non si apriranno nuove strutture manicomiali.

Perciò continua la mobilitazione:
- per far chiudere gli OPG al 31 marzo 2015 senza proroghe e senza trucchi
- per la nomina di un Commissario per l’attuazione della legge 81/2014 sul superamento degli Opg
- per fermare i nuovi ingressi e favorire le dimissioni, con buone pratiche per la salute mentale, una buona assistenza socio sanitaria nel territorio,
- per evitare che al posto degli Opg crescano nuove strutture manicomiali (le cosiddette Rems: i “mini Opg” il cui numero può e deve essere invece drasticamente ridotto)

L’Appello è promosso per stopOPG da:
Stefano Cecconi (Cgil nazionale), don Luigi Ciotti (Gruppo Abele) Franco Corleone (Garante diritti dei detenuti Toscana), Adriano Amadei (Cittadinanzattiva referente salute mentale), Denise Amerini (Fp Cgil), Stefano Anastasia (Società della Ragione), Cesare Bondioli (Psichiatria Democratica), Antonella Calcaterra (Camera Penale di Milano), Enzo Costa (Auser nazionale), Vito D’Anza, Peppe Dell’Acqua (Forum Salute Mentale), Giovanna Del Giudice (Conferenza Permanente Salute Mentale nel Mondo), Maria Grazia Giannichedda (Fondazione Basaglia), Patrizio Gonnella (Antigone), Fabio Gui (Forum Salute e Carcere), don Giuseppe Insana (Ass. Casa di Barcellona Pozzo di Gotto, Elisabetta Laganà (Presidente Conf. Naz. Volontariato Giustizia), Aldo Mazza (Edizioni Alphabeta Verlag), Anna Poma (coop. Con.Tatto), Alessandro Sirolli (Associazione180Amici Aq), Gabriella Stramaccioni (Libera) Gisella Trincas (Unasam), don Armando Zappolini (Cnca)

Sito della campagna: http://www.stopopg.it/
Link per aderire all’ Appello e al Digiuno: http://www.stopopg.it/node/1091
Link alle informazioni: http://www.stopopg.it/node/1090
Link ai materiali: volantini, appello, banner con immagini: http://www.stopopg.it/node/1092

Ospedali psichiatrici giudiziari: la follia sta per chiudere?

coversitoE' pronto il nuovo numero della Rivista di Antigone dedicata interamente agli OPG che, dopo una serie di rinvii, dovranno chiudere - secondo l'attuale normativa - il 31 marzo prossimo. 

Di seguito riportiamo l'editoriale di Claudio Sarzotti, Direttore Responsabile, nonché l'indice completo di questo numero. Il costo del volume è di 15 € e potrà essere richiesto scrivendo all'indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. ed effettuando il versamento della somma sul conto intestato ad "Associazione Antigone Piemonte Onlus", IBAN: IT21W0326801000052847567560.

EDITORIALE - Claudio Sarzotti

Abbiamo già affrontato in un recente passato sulla nostra rivista la questione dei folli-rei, ma abbiamo deciso di dedicargli un numero monografico in un momento che appare decisivo per il definitivo superamento degli Ospedali psichiatrici giudiziari. Come si potrà notare leggendo alcuni dei saggi presenti nel numero della rivista, questo settore del sistema penale e penitenziario è stato uno di quelli su cui ha maggiormente e positivamente operato il Governo Renzi, in particolare emanando una normativa (la legge n. 81 del 30 maggio 2014) che ha posto un termine ultimativo alla chiusura degli Opg (31 marzo 2015) e ha stabilito alcuni princìpi di civiltà giuridica da tempo invocati da gran parte degli addetti ai lavori (in primis la limitazione della misura di sicurezza detentiva alla durata della pena massima edittale prevista per il reato commesso dal folle reo, rendendo in tal modo anche formalmente illegittimi i cd. ergastoli bianchi).

Leggi tutto...

Droghe. Sentenza della Suprema Corte di Cassazione. Le dichiarazioni di Patrizio Gonnella (Antigone)

n-FINI-GIOVANARDI-INCOSTITUZIONALE-large570La Sezioni unite della Cassazione hanno ribadito un principio sacrosanto, ovvero che chi ha subito gli eccessi di pena previsti dalla legge Fini-Giovanardi deve ora ottenere un ricalcolo della pena stessa.

Va ricordato che quella legge è stata responsabile della tragedia del sovraffollamento penitenziario italiano, fra le cause principali della condanna che l’Italia ricevette dalla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo. Ha rovinato vite di giovani buttati in carcere per pochi grammi di cannabis. Una legge che era fra le più repressive in tutta Europa.

Dopo la sentenza della Corte Costituzionale dello scorso anno e dopo la sentenza odierna della Suprema Corte di Cassazione, bisogna immediatamente aprire una nuova stagione legislativa che, con coraggio, depenalizzi e decriminalizzi la vita dei consumatori di droga.

E’ arrivato il momento per affrontare una scelta di legalizzazione che, tra le altre cose, rappresenta l’unica via per sottrarre ricchezza e potere alla criminalità organizzata.

Alla biblioteca Norberto Bobbio dell’Università di Torino inaugurato il fondo Antigone

bibliocarcereUn patrimonio librario composta da circa 2000 volumi sul tema del carcere e dell'amministrazione della giustizia penale, è stato donato dall’Associazione Antigone alla Biblioteca Norberto Bobbio dell’Università di Torino. I volumi tracciano la storia del sistema carcerario del nostro Paese nell’epoca repubblicana (sistema che quest’anno celebra il quarantennale della riforma dell’ordinamento penitenziario). In questo modo, la Biblioteca Norberto Bobbio avrà a disposizione un patrimonio librario sul tema carcere che non ha riscontri di pari qualità e quantità in Italia e si colloca tra i più qualificati a livello europeo.

"Il nostro intento - ha dichiarato Patrizio Gonnella, presidente Associazione Antigone, durante la presentazione avvenuta stamattina al Campus Luigi Einaudi – è quello di valorizzare i volumi e metterli a disposizione di una utenza che li sappia usare, creando per un ambito di studio fondamentale. Il patrimonio librario, grazie all’Associazione Antigone, sarà arricchito ogni sei mesi".

Leggi tutto...

Stati generali sulle pene e sul carcere con i detenuti

stefano anastasiadi Stefano Anastasia (Presidente onorario di Antigone)

Il Ministro Orlando ha giustamente risposto in senso affermativo alla richiesta che gli è venuta da più parti, e principalmente dalla redazione di Ristretti orizzonti, di fare degli annunciati Stati generali sulle pene e sul carcere un’occasione di confronto anche con i diretti interessati, i condannati e le condannate, i detenuti e le detenute che vivono direttamente tale condizione e che possono offrire un punto di vista non solo “diverso”, ma essenziale, anzi – meglio – imprescindibile alla comprensione dei problemi e dei limiti del nostro sistema penitenziario.

Ciò detto, vorrei spezzare una lancia anche a favore della interlocuzione diretta con una realtà come quella di Ristretti. 

Leggi tutto...

Santacroce/Inaugurazione anno giudiziario: il commento di Antigone ai passaggi su droga e sovraffollamento delle carceri

santacroceHa ragione Giorgio Santacroce, primo presidente della Corte suprema di cassazione, nei passaggi su droga e sovraffollamento carcerario della sua relazione tenuta durante la cerimonia di inaugurazione dell'anno giudiziario.

Oggi ancora migliaia di persone stanno scontando una pena illegittima in quanto ancora non è stata rideterminata la sanzione dopo la sentenza della Consulta che ha dichiarato illegittima la Fini-Giovanardi. Ci vuole una nuova legge che punti sulla depenalizzazione e decarcerizzazione. Ci vuole coraggio e puntare sulla legalizzazione come stanno iniziando a fare gli Usa. La War on drugs ha fallito.

Tutto ciò avrebbe effetti positivi sul sovraffollamento che è un problema non risolto. Vi sono ancora alcune migliaia di persone in più rispetto ai posti letto regolamentari.

Iscriviti ad Antigone

IMG-20150113-WA0000"Dopo oltre 25 anni l'Italia non ha ancora il reato contro la tortura. Anche il 2014 si è chiuso senza che il Parlamento lo approvasse. Antigone lavorerà perché nel 2015 ciò avvenga. Per questo è importante sostenere l'Associazione" Patrizio Gonnella

Iscriviti ad Antigone e partecipa alla campagna tesseramento 2015. Mandaci una tua foto con la nostra tessera e spiegaci il perché hai deciso di sostenerci.

Iscriversi è semplice.
Scopri come fare ---> www.associazioneantigone.it/sostieni

Iscriviti alla newsletter
Acconsento al trattamento dei miei dati personali

Emergenza coronavirus

Scopri cosa stiamo facendo e come possiamo aiutarti

Pagina Coronavirus

BANNER rapporti precedenti

Dona il 5x1000
AntigoneCinquePerMille

Sostieni Antigone
con una donazione

bottone mappatura