Italian Chinese (Simplified) English French German Spanish

Arrestato in Russia difensore dei diritti umani. L'Italia faccia pressione per il suo rilascio

oyub titievIl 9 gennaio 2018, Oyub Titiev, Direttore della sede regionale del Human Rights Center “Memorial” di Grozny (Repubblica Cecena), è stato arrestato con l’accusa di possesso di stupefacenti. Oyub Titiev è uno stimato difensore dei diritti umani, diventato Direttore dell’Ufficio di Grozny dopo l’assassino della sua collega Natalia Estemirova nel 2009.

La pratica di arrestare gli attivisti accusandoli di possesso di stupefacenti sta crescendo in Cecenia come in Russia al fine di scoraggiare il loro lavoro di difesa dei diritti umani.

L’arresto di Oyub Titiev è stato eseguito in violazione dei suoi diritti e gli abusi e le intimidazioni contro di lui e la sua famiglia continuano tuttora. Una parte della sua famiglia ha dovuto lasciare la Repubblica Cecena dopo aver ricevuto minacce, mentre Oyub Titiev attraverso una lettera ha dichiarato che una sua eventuale ammissione di colpevolezza sarebbe il risultato di torture o minacce. 

Abbiamo scritto al Ministro degli Esteri italiano, Angelino Alfano, perché faccia pressioni per ottenere il suo rilascio.

Elezioni 2018, le nostre cinque proposte per un garantismo penale

Carcere italiano chiaveDa quasi trent’anni Antigone propone una riflessione sul diritto penale improntata al paradigma di una sua minimizzazione, a quel diritto penale minimo capace di limitare il potere punitivo dell’istituzione al più basso livello necessario.

L’elenco dei reati andrebbe oggi ripensato sulla base di un serio principio di offensività. Andrebbero previste pene non detentive, togliendo al carcere la sua attuale centralità e riservandolo alla sola prevenzione e punizione di quei comportamenti capaci davvero di arrecare gravi danni ai diritti fondamentali della persona e alla convivenza sociale.

Alcuni punti più specifici e di immediata possibile attuazione devono costituire una priorità della prossima legislatura. Sono quelli che abbiamo incluso in un documento inviato a tutti i candidati alle prossime elezioni politiche del 4 marzo. Eccoli:

Leggi tutto...

Stranieri in carcere. Marietti (Antigone): "sono gli stessi di quando il leghista Castelli era ministro della Giustizia. E' bene, dunque, chiarire le idee a Matteo Salvini"

Detenuti stranieriDopo le dichiarazioni di Matteo Salvini secondo cui il numero degli stranieri in carcere è sintomo di scontro sociale, è utile chiarire le idee al segretario della Lega. 

Innanzitutto I detenuti stranieri reclusi nelle carceri italiane non sono il 40% del totale, ma il 34% che, con i numeri attuali, significano 3.500 persone in meno rispetto a quanto lui dice.  Dieci anni fa, nei periodi di governo del centro-destra (Lega compresa) erano di più, arrivando ad oltre il 37% del totale.  Anche nel periodo del secondo governo Berlusconi (2001-2006), con il leghista Castelli al ministero della Giustizia, erano circa 20.000, lo stesso dato che si registra oggi, quando la retorica sull'invasione e sulla presunta criminalità straniera, agitata da Salvini, vorrebbe far pensare ad una situazione di allarme diffuso.

Inoltre gli stranieri hanno pene mediamente più basse dei detenuti di origine italiana, questo perché finiscono molto più facilmente in carcere, anche per quei reati per cui gli italiani accedono a misure alternative alla detenzione. Finiscono mediamente di più in carcere anche da presunti innocenti. Tra quelli in custodia cautelare gli stranieri sono il 41%.  Dati questi che dimostrano come ci sia una sovra-rappresentazione nella presenza di stranieri nelle carceri italiane, anche a fronte del numero degli arresti. Ogni 100 persone fermate dalle forze dell'ordine solo 29 sono infatti straniere. Questi vengono quindi arrestati di meno ma finiscono di più in carcere.

Leggi tutto...

Elezioni 2018, si mettano i detenuti in condizione di votare alle prossime elezioni

Statistiche detenuti votanti“Con l'avvicinarsi della scadenza elettorale è importante che tutti i cittadini italiani che hanno diritto al voto possano esercitare questa loro prerogativa. Questo deve valere anche per i detenuti”. A dirlo è Patrizio Gonnella, presidente di Antigone. 

“Il voto è un diritto costituzionalmente garantito, per questo, in occasioni di scadenze elettorali di questo rilievo è importante e necessario affermare ancora i diritti nella Costituzione contenuti, attivando tutte le misure necessarie affinché i tanti detenuti senza interdizione possano esprimere la propria opinione” dichiara ancora Gonnella. 

Nelle ultime elezioni politiche del 24 e 25 febbraio del 2013 i votanti furono complessivamente 3.426, pari a circa il 5,2% dei reclusi, mentre alle ultime elezioni europee del 25 maggio 2014 furono 1.236, pari al 2% circa dei reclusi. Questi dati tuttavia tengono conto dei presenti e non degli aventi effettivamente diritto. 

“Chiediamo all’Amministrazione Penitenziaria e alle direzioni delle carceri di attivarsi - conclude il presidente di Antigone - affinché ci sia informazione sul voto, sulla possibilità di votare e sulle procedure che i detenuti devono attivare per vedere garantito questo loro diritto”. 

Il grafico dell'immagine, contentente tutte le percentuali relative ai detenuti che hanno votato nelle ultime tornate nazionali, suddivisi per regione, si trova a questo link.

Monitorare per aumentare gli standard

Garante Nazionale Norme e normalitàIl lavoro del Garante Nazionale dei diritti delle persone private della libertà perrsonale confluisce in “Norme e Normalità”, una raccolta di raccomandazioni che gettano le basi per il miglioramento delle condizioni di detenzione. Monitorare per aumentare gli standard dei luoghi di privazione della libertà, un'attività che Antigone porta avanti da 20 anni.

Standard di detenzione non minimi, bensì elementari; questi i contenuti della raccolta “Norme e Normalità” presentata nella conferenza stampa del 29 Gennaio dal Garante Nazionale dei diritti delle persone detenute o private della libertà personale. Si tratta una lavoro in progress, come ha sottolineato lo stesso presidente dell’ufficio del Garante, Mauro Palma, perché raccoglie in un unico volume le raccomandazioni relative ai 59 Istituti Penitenziari per adulti che il Garante ha visitato in quasi due anni di attività e perché con il proseguire delle visite aumenteranno le raccomandazioni che definiscono gli standard.

I luoghi di privazione della libertà personale che cadono sotto il monitoraggio del Garante, nonostante abbiano caratteristiche comuni, sono profondamente diversi fra loro. Per questo motivo gli standard raccolti si riferiscono alla realtà specifica degli Istituti Penitenziari. A questo volume ne seguiranno altre che comprenderanno gli standard relativi ad altri luoghi di detenzione.

Leggi tutto...

Cannabis terapeutica. Con numerose associazioni ci siamo appellati al governo

Conferenza-stampa-Cannabis-ultimo-atto-1136x430Nel giorno in cui un’impresa tedesca si aggiudica tutti i lotti del bando da 100 kg di cannabis terapeutica destinati all’Istituto Chimico Farmaceutico di Firenze, Antigone insieme alle associazioni A Buon Diritto, Associazione Cannabis Terapeutica, Associazione Luca Coscioni, Cannabis Cura Sicilia Social Club, CGIL, CILD, Comitato Pazienti Cannabis Medica, Forum Droghe, FP CGIL, LaPiantiamoCSC, la Società della Ragione, Legalizziamo.it, LegaCoopSociali, LILA, SIRCA abbiamo scritto al governo per chiedere il potenziamento di produzione nazionale, studi scientifici e trial clinici.

Con le stesse associazioni con cui il 30 novembre scorso abbiamo organizzato una conferenza in Senato per chiedere che si adottasse la legge sulla cannabis terapeutica, chiediamo oggi al governo di applicare pienamente la legge e far fronte alla permanente mancanza di prodotti. 

Queste le richieste fatte ai ministri Lorenzin, Fedeli, Pinotti, Orlando e Minniti:

Leggi tutto...

Riforma ordinamento penitenziario. Antigone invia sue proposte a componenti commissione Giustizia della Camera

16616189218 441c0ed5e5 oUna prima parte della riforma dell'ordinamento penitenziario è giunta al parere delle commissioni giustizia della Camera e a seguire del Senato. L'associazione Antigone ha inviato le sue proposte ai parlamentari. 

"Si sta concludendo un lungo percorso di riforme che ha avuto la sua origine nella sentenza pilota di condanna della Corte europea dei diritti dell'Uomo nel caso Torreggiani del 2013. Un percorso da noi seguito passo dopo passo e che riteniamo sia essenziale per migliorare le condizioni di vita detentive riportandole nell'alveo della legalità e del rispetto della dignità umana" dichiara Patrizio Gonnella, presidente di Antigone. 

Leggi tutto...

Internato affetto da una gravissima patologia trattenuto senza titolo a Vasto. Antigone ne chiede l'immediata scarcerazione

8197402220 564af88270 o“Un’immediata scarcerazione”. È quanto chiede Patrizio Gonnella, presidente di Antigone, in merito ad un ragazzo di 24 anni attualmente detenuto presso la Casa di Lavoro di Vasto. 

Il caso riguarda A.C., malato psichiatrico affetto da una forma di epilessia cronica e da una gravissima schizofrenia paranoide, nonché da disturbi di personalità. Dopo essere stato condotto presso la Casa di Lavoro ha subito un tracollo psichico sviluppando una gravissima depressione, con una totale dissociazione dalla realtà, con un quadro delirante e tendenze suicide. 

Proprio questo ha portato gli psichiatri della struttura penale a sollecitare l’immediata sospensione delle misure di sicurezza, per le evidenti incompatibilità dell’internato con il trattamento inframurario. 
Dopo queste istanze e quelle del legale della famiglia, lo scorso 7 dicembre, il Magistrato di Sorveglianza di Pescara ha preso atto della assoluta incompatibilità di A.C. con il regime penitenziario.

Leggi tutto...

Telefono in carcere. Un passo fondamentale per il diritto all'affettività

telefono carcereE' notizia degli ultimi giorni il bando del Ministero della Giustizia francese grazie al quale verranno installati telefoni fissi in quasi tutte le celle (oltre 50.000) delle carceri d'oltralpe. E' una buona notizia. Da un lato si garantisce il diritto alla comunicazione di persone isolate dagli altri, dall'altro c'è una ragione securitaria, e cioè il contrasto del traffico illecito di telefonini, pratica ben più diffusa in Francia che in Italia. Si potranno chiamare solo 4 numeri, e le chiamate saranno tutte registrate: ma è già qualcosa.

E da noi? Come comunicano i detenuti? Male, e soprattutto poco. Il regolamento penitenziario autorizza una telefonata a settimana, di soli 10 minuti e in orari che coincidono con il lavoro dei coniugi e la scuola dei figli. I numeri devono essere preliminarmente identificati: si deve cioè verificare che dietro al numero ci sia quella persona e non un'altra. Sicché vengono facilmente autorizzati i numeri fissi ma non i cellulari, considerati meno affidabili. Senonché molte famiglie, soprattutto all'estero, non hanno il fisso (e gli stranieri in carcere sono circa il 35%). Perché un portatile venga autorizzato non si devono effettuare colloqui visivi o telefonici per 2 settimane.

Leggi tutto...

Carcere di Asti. Confermate le condanne per le violenze di due poliziotti su detenuto convertito all'Islam

preghieradetenutiLa Corte di Cassazione ha chiuso la vicenda dell'aggressione avvenuta nel carcere di Asti nel 2010. Dichiarando inammissibile il ricorso, sono state confermate le condanne inflitte a due poliziotti penitenziari (un sovrintendente e un agente) che pestarono il giovane C.G., "colpevole" di essersi convertito all'Islam.  
Un'aggressione islamofoba, avvenuta nei locali dell'infermeria, che aveva causato lesioni guaribili in 30 giorni.
In primo grado il giudice aveva inflitto condanne superiori ai 2 anni, poi ridotte in appello a 1 anno e 5 mila euro di risarcimento del danno.

Leggi tutto...

Iscriviti alla newsletter di Antigone
L'indirizzo al quale desideri ricevere le newsletter.
Acconsento al trattamento dei miei dati personali (decreto legislativo 196 del 30/Giugno/2003)

Dona il 5x1000
AntigoneCinquePerMille

Sostieni Antigone
con una donazione

bottone mappatura