Torna sul portale di Antigone.it

Casa di Reclusione di Carinola

Casa di Reclusione di Carinola

Via San Biagio n° 6 – 81030, Carinola (Ce)  

Tel: 0823/939311 – 939249; mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Dislocazione: extraurbana.

Tribunale di Sorveglianza: Napoli. Ufficio di Sorveglianza: Santa Maria Capua Vetere. 

 

NODI IDENTIFICATIVI:

L’istituto aveva una pregressa destinazione all’alta sicurezza. Attualmente, si caratterizza per la sperimentazione di modelli di “sorveglianza dinamica” e di “custodia attenuata”.   Sono presenti anche detenuti “a regime differenziato”, in quanto collaboratori di Giustizia.

 

STRUTTURA

Anno di apertura: 08 marzo 1982.

Condizioni generali della struttura: l’istituto presenta un c.d. “nuovo padiglione”, con videosorveglianza e meccanismi automatici di apertura delle celle; la parte restante dell’istituto meriterebbe interventi di manutenzione ordinaria e, in alcuni casi, straordinaria.   

Condizioni generali delle celle: la doccia in cella è assicurata a tutti i detenuti solo nel nuovo padiglione, nel resto dell’istituto la doccia è comune, sono presenti  – tuttavia – alcune celle ristrutturate e con il servizio doccia.    

Numero di reparti: 5, di cui: il primo caratterizzato dalla presenza dei detenuti lavoranti, il secondo destinato alla custodia attenuata, il terzo e il quarto al “regime differenziato/collaboratori di Giustizia” e il quinto (“Nuovo Padiglione”) alla vigilanza dinamica.     

Dimensioni e caratteristiche degli spazi comuni esterni. Un fondo agricolo di 6 ettari, di pubblica proprietà, serve l’istituto: è destinato ad accogliere un birrificio e il trattamento del politilene; è in corso di allestimento, uno spazio esterno destinato ai colloqui padri-figli.      

Numero di detenuti per cella: quattro, due. Una sezione è composta solo da celle singole.  

Numero di ore in media trascorse fuori dalla cella dai detenuti: 8 ore; 11 ore nel “nuovo padiglione” (naturalmente, a tali regimi non accedono i detenuti “a regime differenziato”).    

Cucina: l’istituto dispone di due cucine.

 

DETENUTI

Numero nella media: 500, con punte di 550.  

Caratteristiche della popolazione detenuta

stranieri: 10%  

collaboratori di giustizia: 7

in misura alternativa: un detenuto in art. 21.  

 

STAFF

Direttore: Carmen CAMPI.

Polizia penitenziaria: 240 agenti realmente in servizio (250 previsti dalla pianta organica).

Comandante: Cerare MARTUCCI (comandante ad interim).

Area educativa: educatori realmente in servizio: 7. 

capo area educativa: Crescenzo MARTINO. 

Medici: è garantita l’assistenza medica continua h 24, con almeno un medico e un infermiere.   

 

VOLONTARI

Un gruppo di volontari forma i detenuti nella lavorazione del cuoio. Presente anche “Libera” e la Cooperativa “Carla Laudante”.       

 

SANITA’

Situazione tossicodipendenze: è presente il Sert e ha luogo la somministrazione del metadone. I tossicodipendenti sono distribuiti nelle celle con gli altri detenuti.   

 

LAVORO

Numero medio di lavoranti: 90. 

 

FORMAZIONE PROFESSIONALE

Sono in corso di attivazione n° 12 corsi di formazione organizzati dalla Regione Campania. La formazione nella lavorazione del cuoio, attualmente impartita a titolo di volontariato, verrà assorbita in un corso di 600 h finalizzato all’attribuzione di una qualifica.    

 

ISTRUZIONE

Presente un corso di scuola media con 35 frequentant

 Stampa    Email

Se hai informazioni da inviarci o richieste puoi registrarti al sito e compilare il form.
Registrati e torna su questa pagina. Grazie.