Torna sul portale di Antigone.it

Centro Penitenziario Napoli Secondigliano

ISTITUTO   
Nome Centro Penitenziario Napoli Secondigliano
Tipologia Casa di reclusione
Indirizzo Via Roma verso Scampia, 350
80100 - Napoli
Telefono e e-mail Telefono: 081.7021414 - 7022701-7022410
Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Dislocazione Extraurbana
Tribunale, Ufficio di Sorveglianza e UEPE di riferimento Tribunale: 4 Magistrati di Sorveglianza assegnati all'Istituto
Ufficio di Sorveglianza di riferimento: Napoli
UEPE di riferimento: Napoli
NODI IDENTIFICATIVI E PROBLEMATICI
Analisi e sintesi dei caratteri essenziali e condizioni di vivibilità generale

Sebbene le celle siano piccole e progettate per una sola persona, quasi tutte vengono utilizzate per prassi consolidata da due detenuti, attraverso l’utilizzo di letti a castello.I bagni sono piccoli e privi della doccia interna. Le celle hanno uno spazio ristretto e insufficiente per due persone. Questo costringe i detenuti a gravi situazioni di difficoltà, soprattutto durante il periodo estivo. L'80% dei detenuti presenti è in regime di alta sicurezza. La direzione differenzia tra capienza regolamentare e capienza massima, e ci riferisce di una forte carenza di agenti e educatori (12 per circa 1400 detenuti). E' presente un'articolazione psichiatrica. Vi sono aree per l'attività sportiva, corsi scolastici di diverso ordine e grado e laboratori vari. Va segnalato un problema, ricorrente in diversi reparti, di inflitrazioni d'acqua.
Il carcere è destinato in buona parte anche ai detenuti imputati. Questo crea notevoli problemi organizzativi e non sempre consente una fattiva e concreta progettualità.
La situazione è - ad oggi - temperata dall’adeguamento del carcere al “regime a celle aperte”, che consente ai detenuti maggiore libertà di movimento e la possibilità di trascorrere diverse ore fuori dalle celle, all’interno delle sale ricreative, scolastiche e dei cortili esterni all’Istituto. Va solo segnalato un problema, ricorrente in diversi reparti, di infiltrazioni d'acqua.

STRUTTURA  
Anno di costruzione e di consegna Finita di costruire nel 1991, la struttura viene consegnata nell'anno successivo.
Tipologia della struttura  
Condizioni generali della struttura Le condizioni strutturali del Centro sono parzialmente migliorate, grazie ad alcuni interventi di manutenzione che hanno interessato infiltrazioni esistenti su diversi piani.
I lavori ancora in corso riguardano le docce comuni e l'impianto elettrico, per l'installazione del comando interno ad ogni cella, finora non esistente. Nel reparto Ligure sono stati installati pannelli solari sul tetto, allo scopo di migliorare l'utilizzo dell'acqua calda per tutti i detenuti, ancora insufficiente.
Numero e tipologia di reparti e/o sezioni Nel Centro sono presenti 4 reparti: Ionio, Ligure, Tirreno e Adriatico.
I primi tre sono destinati all'Alta Sicurezza. Solo l'ultimo è utilizzato dai detenuti comuni.
Condizioni generali delle celle L'Istituto si compone di 600 camere, tutte progettate come singole ma “raddoppiate”, attraverso l'utilizzo di letti a castello. I bagni sono all'interno della cella, ma nessuno di questi reca la doccia interna. Le stanze possiedono il termosifone ma non è garantita l'acqua calda, tranne che in alcuni reparti.
Numero di detenuti per cella 2
Tipologia, dimensioni, caratteristiche degli spazi comuni interni Esiste una palestra polifunzionale (adibita anche a teatro), una biblioteca, 26 aule in uso per i corsi scolastici e di formazione, una cappella per i detenuti cattolici.
Non esistono, invece, luoghi di preghiera predisposti per altre confessioni e vengono, a tale scopo, utilizzati gli spazi di socialità.
Esiste una sezione psichiatrica di circa 20 posti.
Dimensioni e caratteristiche degli spazi comuni esterni E' presente un'area verde, utilizzata d'estate anche per i colloqui con i minori.
Esiste un campo da calcetto e un campo agricolo, la  cui produzione, gestita da una Associazione (Regina Pacis), viene venduta ad una rete di diversi acquirenti.
Da diversi anni, inoltre, esiste una Cooperativa impegnata nella lavorazione e nel riciclo dei rifiuti solidi e organici.
 
Cucina Il servizio mensa copre l'intera popolazione detenuta e prevede un costo a persona di euro 3.74 al giorno (colazione, pranzo e cena).
Il sopravvitto si aggira intorno ai 200.000,00 al mese.
Sezioni detentive o spazi comuni attualmente non sono in uso  
DETENUTI  
Numero al momento della visita 1347
Capienza regolamentare Circa la metà
Caratteristiche della popolazione detenuta Imputati (al 30.04.2015): 716
Condannati (al 30.04.2015): 631
Donne (e donne con bambini) No
Stranieri 10%
Nazionalità più presente in istituto Albanese, rumena e nigeriana
Transessuali No
Alta sicurezza Detenuti in Alta Sicurezza: 900, di cui 27 in AS1
Nessun detenuto AS2
41 bis No
Collaboratori di giustizia 14
Giovani adulti 20%
Art. 21, 5
Semiliberi 155
“In Osservazione” 50
Isolamento Dal 01.01.2014 al 25.05.2015
Isolamento sanitario: 4
Isolamento giudiziario: 3
Isolamento disciplinare: 17
Altro  
STAFF  
Direttore Liberato Guerriero
Vicedirettori 4 + 1 in distacco
Polizia penitenziaria 1239 unità su 1250 previsti dalla pianta organica.
Direttivo: 4
Ispettori: 60
Sovrintendenti: 60
Agenti: 1115
Comandante Comandante: Cicala, in servizio in Istituto dalla scorsa estate.
Vicecomandanti: 2 su 7 previsti da pianta organica
Educatori 8 +2 distaccati in entrata
Responsabile: Ermanno Olmo
Assistenti sociali assegnati A richiesta, all'UEPE
Altro personale Mediatori: 4/5, ma solo sulla carta.
In realtà vengono richiesti in Ambasciata in caso di necessità.
Volontari Ex art.78: 84
Ex art. 17: 833
Si tratta sia di singoli che di associazioni.
Diverse revoche dell'autorizzazione sono intervenute a cause delle numerose assenze riscontrate nel corso del tempo. Viene lamentato che, dall'inizio di quest'anno, si è già provveduto a 2/3 revoche. Su 6 mesi ci sono riscontrate circa 15/16 assenze.
EVENTI CRITICI (Dal 01.01.2014 al 25.05.2015)
Autolesionismo 67
Suicidi Suicidi: 1
Tentati suicidi:13
Esiste un “Protocollo di prevenzione del rischio suicidario in Istituto” così come richiesto dall’OMS e dal Dap?
Evasioni 7
Scioperi della fame 225
Rivolte  
Altro Manifestazioni di protesta collettiva: 51
Evasioni: 8 (da permessi premio, da semilibertà, esterno istituto)
SANITÀ   
Adeguatezza delle strutture e delle attrezzature, del servizio e dell’assistenza Si riscontrano tempi molto lunghi per ottenere i posti letto in Ospedale.
Numero medici, infermieri e OSS Medici: 10
Guardia Medica: 2 medici (1 in infermeria centrale e 1 al CDT)
Psichiatri: 4
Viene lamentata la mancanza di continuità contrattuale dei medici presenti in Istituto. Tale precarietà impedisce la continuità terapeutica e personale tra pazienti detenuti e dottori.
Situazione malattie infettive:
Pazienti affetti da HIV: 33 (in trattamento con terapia TARV)
Pazienti affetti da epatite: 10%
L'infettivologo è presente a turnazione e saltuariamente, anche a distanza di un paio di mesi, a seconda del risultato delle analisi e del trattamento prescritto.
Responsabile area sanitaria De Iasio
Principali prestazioni sanitarie garantite all’interno dell’istituto Ortopedia: ambulatoriale per 2 volte a settimana
Odontoiatria; Dermatologia; Oculistica, Cardiologia; Pneumologia; Otorino; Radiografia
Le altre visite vengono svolte esternamente.
Accesso alle diete
Possibilità reali di terapie odontoiatriche e oculistiche;
Uso/abuso di farmaci e livello di comunicazione dell’esito delle analisi effettuate e di informazione sugli effetti dei farmaci somministrati. Tempi di comunicazione delle analisi: da 2/3 giorni a 10 giorni, a seconda dei casi
Cartella clinica informatizzata No
Situazione tossicodipendenze Soggetti in carico presso il CP di Secondigliano nell'anno 2014: 190
In trattamento con farmaci agonisti (eroinomani): 30
Cocainomani puri e/o consumatori di cocaina: 43
Alcolisti puri e/o consumatori di alcool: 9
Poliabusatori di sostanze  - cocaina, eroina, alcool THC (sostanza primaria cocaina): 108

Il SerT lamenta una mancata collaborazione della Magistratura di Sorveglianza rispetto alla  richiesta di misure alternative alla detenzione.
Nel 2014, delle istanze presentate, solo 11 sono state accolte.

Il SerT area penale  è presente a Secondigliano tutti i giorni.
Personale in servizio: un medico dipendente con funzione di responsabile; due medici specialisti ambulatoriali con 38 ore settimanali; due medici specialisti ambulatoriali con 28 ore settimanali; 7 psicologi specialisti ambulatoriali con 38 ore settimanali; un IP dipendente a tempo pieno; due infermiere convenzionate a tempo  pieno.

Situazione patologie psichiatriche Da poco è entrata in funzione il reparto di osservazione psichiatrica che da tempo era stato predisposto. Risulta, ad oggi, quasi completo. 5/6 delle persone ivi detenute provengono da O.P.G.
Situazione detenuti disabili 4/5 detenuti disabili
LAVORO  
Numero medio di lavoranti 249
Tipi di lavori:  
Interni 220
esterni 25 presso la Secondigliano rifiuti
e 4 assunti dall'Associazione che si occupa della lavorazione dell'orto.
Modalità di accesso al lavoro e turnazione. Turnazione per alcune mansioni
Numero di ore retribuite sul totale del lavoro prestato. ¾ ore
Budget annuale per mercedi.  
Presenza di iniziative per la possibilità di sbocchi per il reinserimento lavorativo per i dimittendi. No
FORMAZIONE PROFESSIONALE  
Numero e tipologia di corsi e numero di partecipanti ad ogni corso Ad oggi sono presenti 3 corsi di formazione regionale: informatica, manutenzione delle aree verdi, cura e benessere della persona.
E' prevista un'indennità oraria di circa 0,85 cent.
ISTRUZIONE  
Numero di corsi divisi per livello Iscritti scolastici: 420
Elementari: 13  
Medie inferiori: 90
Medie superiori: 310
3 Universitari
Agli iscritti bisogna togliere un 20% di frequenza
Media frequentanti per livello di scuola  
QUOTIDIANITA’ DETENTIVA E “SORVEGLIANZA DINAMICA”
Regime detentivo sezione per sezione  
Ore trascorse fuori dalla sezione detentiva I detenuti possono stare fuori dalle proprie celle dalle h 8,00 alle h 20,00.
Nell'Adriatico fino alle 18,30
In Alta Sicurezza: per 2 ore al mattino, 2 ore per socialità, 2 ore per attività scolastiche
Spazi di socialità all’interno della sezione  
E’ prevista una sala mensa/refettorio dove consumare i pasti in comune No
Presenza di una “sala regia” collegata con un sistema di videosorveglianza interno.  
Presenza di particolari supporti tecnologici che limitano/sostituiscono compiti tradizionalmente affidati al personale  
Particolari disposizioni poste in essere dalla direzione dell’istituto per regolamentare l’apertura delle celle Divieti di raggruppamenti vengono predisposti per motivi di sicurezza o per  opportunità, a seguito di notizie pervenute all'Istituto, non necessariamente per via giudiziaria (anche tramite stampa e altre fonti di informazione).
Opinioni degli operatori circa l’applicazione della “sorveglianza dinamica” La direzione, pur ritenendo migliorato il clima detentivo in seguito all'applicazione della “sorveglianza dinamica”, lamenta una mancanza di contenuti che le permetta di organizzare in modo produttivo il tempo a disposizione dei detenuti.
CONTATTI CON L’ESTERNO  
Colloqui: orari e giorni I colloqui si svolgono tutti i giorni dalle 8,00 alle 17,00 per i detenuti in Alta Sicurezza e per il Centro Clinico.
Dalle 8,00 alle 15,00 quelli per la Media Sicurezza.
Non esiste un sistema di prenotazione dei colloqui con i familiari.
E', invece, prevista una linea telefonica per prenotare i colloqui con gli avvocati. È possibile prenotare la sala per 50 minuti e per 5 detenuti al massimo.
Tali incontri si svolgono dal lunedì al venerdì, dalle 8,00 alle 15,00
Stima dei tempi accesso al colloquio  
È presente il bancone divisorio? No
Telefonate: quante e durata reale. È previsto l’uso della scheda telefonica? E’ previsto il servizio di colloqui a distanza via Skype o simili? Si può telefonare 4 volte al mese per 10 minuti + situazioni straordinarie.
Non è previsto l'uso della scheda telefonica o il servizio di chiamata a distanza.
   
Data della visita: 25-mag-15

 

ISTITUTO   
Nome Centro Penitenziario Napoli Secondigliano
Tipologia Casa di reclusione
Indirizzo Via Roma verso Scampia, 350
80100 - Napoli
Telefono e e-mail Telefono: 081.7021414 - 7022701-7022410
Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Dislocazione Extraurbana
Tribunale, Ufficio di Sorveglianza e UEPE di riferimento Tribunale: 4 Magistrati di Sorveglianza assegnati all'Istituto
Ufficio di Sorveglianza di riferimento: Napoli
UEPE di riferimento: Napoli
NODI IDENTIFICATIVI E PROBLEMATICI
Analisi e sintesi dei caratteri essenziali e condizioni di vivibilità generale Nonostante il sovraffollamento carcerario sia inferiore rispetto a quello di altri Istituti, la capienza regolamentare del Centro viene regolarmente raddoppiata. Sebbene le celle siano piccole e progettate per una sola persona, quasi tutte vengono utilizzate per prassi consolidata da due detenuti, attraverso l’utilizzo di letti a castello.
I bagni sono piccoli e privi della doccia interna. Le celle hanno uno spazio ristretto e insufficiente per due persone. Questo costringe i detenuti a gravi situazioni di difficoltà, soprattutto durante il periodo estivo.
L’accoglienza del carcere è destinata in buona parte anche ai detenuti imputati. Questo crea notevoli problemi organizzativi e non sempre consente una fattiva e concreta progettualità.
La situazione è - ad oggi - temperata dall’adeguamento del Centro al “sistema a celle aperte” che consente ai detenuti maggiore libertà di movimento e la possibilità di trascorrere diverse ore fuori dalle celle, all’interno delle sale ricreative, scolastiche e dei cortili esterni all’Istituto.
STRUTTURA  
Anno di costruzione e di consegna Finita di costruire nel 1991, la struttura viene consegnata nell'anno successivo.
Tipologia della struttura  
Condizioni generali della struttura Le condizioni strutturali del Centro sono parzialmente migliorate, grazie ad alcuni interventi di manutenzione che hanno interessato infiltrazioni esistenti su diversi piani.
I lavori ancora in corso riguardano le docce comuni e l'impianto elettrico, per l'installazione del comando interno ad ogni cella, finora non esistente. Nel reparto Ligure sono stati installati pannelli solari sul tetto, allo scopo di migliorare l'utilizzo dell'acqua calda per tutti i detenuti, ancora insufficiente.
Numero e tipologia di reparti e/o sezioni Nel Centro sono presenti 4 reparti: Ionio, Ligure, Tirreno e Adriatico.
I primi tre sono destinati all'Alta Sicurezza. Solo l'ultimo è utilizzato dai detenuti comuni.
Condizioni generali delle celle L'Istituto si compone di 600 camere, tutte progettate come singole ma “raddoppiate”, attraverso l'utilizzo di letti a castello. I bagni sono all'interno della cella, ma nessuno di questi reca la doccia interna. Le stanze possiedono il termosifone ma non è garantita l'acqua calda, tranne che in alcuni reparti.
Numero di detenuti per cella 2
Tipologia, dimensioni, caratteristiche degli spazi comuni interni Esiste una palestra polifunzionale (adibita anche a teatro), una biblioteca, 26 aule in uso per i corsi scolastici e di formazione, una cappella per i detenuti cattolici.
Non esistono, invece, luoghi di preghiera predisposti per altre confessioni e vengono, a tale scopo, utilizzati gli spazi di socialità.
Esiste una sezione psichiatrica di circa 20 posti.
Dimensioni e caratteristiche degli spazi comuni esterni E' presente un'area verde, utilizzata d'estate anche per i colloqui con i minori.
Esiste un campo da calcetto e un campo agricolo, la  cui produzione, gestita da una Associazione (Regina Pacis), viene venduta ad una rete di diversi acquirenti.
Da diversi anni, inoltre, esiste una Cooperativa impegnata nella lavorazione e nel riciclo dei rifiuti solidi e organici.
 
Cucina Il servizio mensa copre l'intera popolazione detenuta e prevede un costo a persona di euro 3.74 al giorno (colazione, pranzo e cena).
Il sopravvitto si aggira intorno ai 200.000,00 al mese.
Sezioni detentive o spazi comuni attualmente non sono in uso  
DETENUTI  
Numero al momento della visita 1347
Capienza regolamentare Circa la metà
Caratteristiche della popolazione detenuta Imputati (al 30.04.2015): 716
Condannati (al 30.04.2015): 631
Donne (e donne con bambini) No
Stranieri 10%
Nazionalità più presente in istituto Albanese, rumena e nigeriana
Transessuali No
Alta sicurezza Detenuti in Alta Sicurezza: 900, di cui 27 in AS1
Nessun detenuto AS2
41 bis No
Collaboratori di giustizia 14
Giovani adulti 20%
Art. 21, 5
Semiliberi 155
“In Osservazione” 50
Isolamento Dal 01.01.2014 al 25.05.2015
Isolamento sanitario: 4
Isolamento giudiziario: 3
Isolamento disciplinare: 17
Altro  
STAFF  
Direttore Liberato Guerriero
Vicedirettori 4 + 1 in distacco
Polizia penitenziaria 1239 unità su 1250 previsti dalla pianta organica.
Direttivo: 4
Ispettori: 60
Sovrintendenti: 60
Agenti: 1115
Comandante Comandante: Cicala, in servizio in Istituto dalla scorsa estate.
Vicecomandanti: 2 su 7 previsti da pianta organica
Educatori 8 +2 distaccati in entrata
Responsabile: Ermanno Olmo
Assistenti sociali assegnati A richiesta, all'UEPE
Altro personale Mediatori: 4/5, ma solo sulla carta.
In realtà vengono richiesti in Ambasciata in caso di necessità.
Volontari Ex art.78: 84
Ex art. 17: 833
Si tratta sia di singoli che di associazioni.
Diverse revoche dell'autorizzazione sono intervenute a cause delle numerose assenze riscontrate nel corso del tempo. Viene lamentato che, dall'inizio di quest'anno, si è già provveduto a 2/3 revoche. Su 6 mesi ci sono riscontrate circa 15/16 assenze.
EVENTI CRITICI (Dal 01.01.2014 al 25.05.2015)
Autolesionismo 67
Suicidi Suicidi: 1
Tentati suicidi:13
Esiste un “Protocollo di prevenzione del rischio suicidario in Istituto” così come richiesto dall’OMS e dal Dap?
Evasioni 7
Scioperi della fame 225
Rivolte  
Altro Manifestazioni di protesta collettiva: 51
Evasioni: 8 (da permessi premio, da semilibertà, esterno istituto)
SANITÀ   
Adeguatezza delle strutture e delle attrezzature, del servizio e dell’assistenza Si riscontrano tempi molto lunghi per ottenere i posti letto in Ospedale.
Numero medici, infermieri e OSS Medici: 10
Guardia Medica: 2 medici (1 in infermeria centrale e 1 al CDT)
Psichiatri: 4
Viene lamentata la mancanza di continuità contrattuale dei medici presenti in Istituto. Tale precarietà impedisce la continuità terapeutica e personale tra pazienti detenuti e dottori.
Situazione malattie infettive:
Pazienti affetti da HIV: 33 (in trattamento con terapia TARV)
Pazienti affetti da epatite: 10%
L'infettivologo è presente a turnazione e saltuariamente, anche a distanza di un paio di mesi, a seconda del risultato delle analisi e del trattamento prescritto.
Responsabile area sanitaria De Iasio
Principali prestazioni sanitarie garantite all’interno dell’istituto Ortopedia: ambulatoriale per 2 volte a settimana
Odontoiatria; Dermatologia; Oculistica, Cardiologia; Pneumologia; Otorino; Radiografia
Le altre visite vengono svolte esternamente.
Accesso alle diete
Possibilità reali di terapie odontoiatriche e oculistiche;
Uso/abuso di farmaci e livello di comunicazione dell’esito delle analisi effettuate e di informazione sugli effetti dei farmaci somministrati. Tempi di comunicazione delle analisi: da 2/3 giorni a 10 giorni, a seconda dei casi
Cartella clinica informatizzata No
Situazione tossicodipendenze Soggetti in carico presso il CP di Secondigliano nell'anno 2014: 190
In trattamento con farmaci agonisti (eroinomani): 30
Cocainomani puri e/o consumatori di cocaina: 43
Alcolisti puri e/o consumatori di alcool: 9
Poliabusatori di sostanze  - cocaina, eroina, alcool THC (sostanza primaria cocaina): 108

Il SerT lamenta una mancata collaborazione della Magistratura di Sorveglianza rispetto alla  richiesta di misure alternative alla detenzione.
Nel 2014, delle istanze presentate, solo 11 sono state accolte.

Il SerT area penale  è presente a Secondigliano tutti i giorni.
Personale in servizio: un medico dipendente con funzione di responsabile; due medici specialisti ambulatoriali con 38 ore settimanali; due medici specialisti ambulatoriali con 28 ore settimanali; 7 psicologi specialisti ambulatoriali con 38 ore settimanali; un IP dipendente a tempo pieno; due infermiere convenzionate a tempo  pieno.
Situazione patologie psichiatriche Da poco è entrata in funzione il reparto di osservazione psichiatrica che da tempo era stato predisposto. Risulta, ad oggi, quasi completo. 5/6 delle persone ivi detenute provengono da O.P.G.
Situazione detenuti disabili 4/5 detenuti disabili
LAVORO  
Numero medio di lavoranti 249
Tipi di lavori:  
Interni 220
esterni 25 presso la Secondigliano rifiuti
e 4 assunti dall'Associazione che si occupa della lavorazione dell'orto.
Modalità di accesso al lavoro e turnazione. Turnazione per alcune mansioni
Numero di ore retribuite sul totale del lavoro prestato. ¾ ore
Budget annuale per mercedi.  
Presenza di iniziative per la possibilità di sbocchi per il reinserimento lavorativo per i dimittendi. No
FORMAZIONE PROFESSIONALE  
Numero e tipologia di corsi e numero di partecipanti ad ogni corso Ad oggi sono presenti 3 corsi di formazione regionale: informatica, manutenzione delle aree verdi, cura e benessere della persona.
E' prevista un'indennità oraria di circa 0,85 cent.
ISTRUZIONE  
Numero di corsi divisi per livello Iscritti scolastici: 420
Elementari: 13  
Medie inferiori: 90
Medie superiori: 310
3 Universitari
Agli iscritti bisogna togliere un 20% di frequenza
Media frequentanti per livello di scuola  
QUOTIDIANITA’ DETENTIVA E “SORVEGLIANZA DINAMICA”
Regime detentivo sezione per sezione  
Ore trascorse fuori dalla sezione detentiva I detenuti possono stare fuori dalle proprie celle dalle h 8,00 alle h 20,00.
Nell'Adriatico fino alle 18,30
In Alta Sicurezza: per 2 ore al mattino, 2 ore per socialità, 2 ore per attività scolastiche
Spazi di socialità all’interno della sezione  
E’ prevista una sala mensa/refettorio dove consumare i pasti in comune No
Presenza di una “sala regia” collegata con un sistema di videosorveglianza interno.  
Presenza di particolari supporti tecnologici che limitano/sostituiscono compiti tradizionalmente affidati al personale  
Particolari disposizioni poste in essere dalla direzione dell’istituto per regolamentare l’apertura delle celle Divieti di raggruppamenti vengono predisposti per motivi di sicurezza o per  opportunità, a seguito di notizie pervenute all'Istituto, non necessariamente per via giudiziaria (anche tramite stampa e altre fonti di informazione).
Opinioni degli operatori circa l’applicazione della “sorveglianza dinamica” La direzione, pur ritenendo migliorato il clima detentivo in seguito all'applicazione della “sorveglianza dinamica”, lamenta una mancanza di contenuti che le permetta di organizzare in modo produttivo il tempo a disposizione dei detenuti.
CONTATTI CON L’ESTERNO  
Colloqui: orari e giorni I colloqui si svolgono tutti i giorni dalle 8,00 alle 17,00 per i detenuti in Alta Sicurezza e per il Centro Clinico.
Dalle 8,00 alle 15,00 quelli per la Media Sicurezza.
Non esiste un sistema di prenotazione dei colloqui con i familiari.
E', invece, prevista una linea telefonica per prenotare i colloqui con gli avvocati. È possibile prenotare la sala per 50 minuti e per 5 detenuti al massimo.
Tali incontri si svolgono dal lunedì al venerdì, dalle 8,00 alle 15,00
Stima dei tempi accesso al colloquio  
È presente il bancone divisorio? No
Telefonate: quante e durata reale. È previsto l’uso della scheda telefonica? E’ previsto il servizio di colloqui a distanza via Skype o simili? Si può telefonare 4 volte al mese per 10 minuti + situazioni straordinarie.
Non è previsto l'uso della scheda telefonica o il servizio di chiamata a distanza.
   
Data della visita: 25-mag-15

 Stampa    Email

Se hai informazioni o notizie ulteriori mandacele usando il form che trovi qui sotto. Indica possibilmente a che titolo ne sei venuto a conoscenza (detenuto, operatore, volontario, etc.) e a quale periodo si riferiscono. Se vuoi lascia pure i tuoi recapiti.Le informazioni che ci invii non verranno rese pubbliche ma eventualmente andranno ad integrare la scheda di questo istituto. Grazie