Torna sul portale di Antigone.it

Casa Circondariale di Oristano “Salvatore Soro”

ISTITUTO   
Nome Casa di reclusione Oristano – Massama “Salvatore Soro”
Tipologia Casa di reclusione
Indirizzo Località Su Pedriaxiu Massama (OR) 09710
  Indirizzo google maps 
Telefono e e-mail  telefono: 0783-71031
  fax: 0783-71032
  mail:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Dislocazione (urbana o extraurbana) Dislocazione extraurbana: raggiungibile con la linea 5 del servizio urbano dell’ARST
Tribunale, Ufficio di Sorveglianza e UEPE di riferimento. Tribunale e Ufficio di Sorveglianza di riferimento: Cagliari. 
  Due magistrati di sorveglianza assegnati.
  Uepe di riferimento: Oristano
NODI IDENTIFICATIVI E PROBLEMATICI 
Analisi e sintesi dei caratteri essenziali e condizioni di vivibilità generale   La struttura, consegnata a settembre del 2012, ha  fin da subito presentato delle carenze strutturali alle quali è andato ad aggiungersi un forte incremento di detenuti classificati come “alta sicurezza” (AS).  
  La struttura, nata in sostituzione della vecchia Casa Circondariale di Oristano, è ora una Casa di Reclusione in cui  delle 6 sezioni, ben 5 rientrano nel circuito di AS. Tale fattore ha comportato una sostanziale riduzione delle attività trattamentali. L’organizzazione e la quotidianità nell’istituto prevedono uno svolgimento della giornata essenzialmente nelle sezioni detentive e sono predisposte scarse attività da svolgere. Tale penuria ha comportato nel corso del 2016 diverse proteste dei detenuti, nonché una visita del Garante Nazionale, che ha individuato una serie di problematiche e delle indicazioni per la Direzione, alcune delle quali sono state affrontate, altre che appaiono al momento della visita di difficile risoluzione .
   Il Direttore al momento della visita ha riferito che a partire dai prossimi mesi dovrebbero essere attivati dei progetti, tra i quali la prosecuzione degli scavi archeologici, la riorganizzazione della biblioteca e dell’archivio comunale, il coinvolgimento in attività inerenti il carnevale oristanese.
  Anche in merito all’attività fisica, la palestra, seppur presente e attrezzata, non è mai stata utilizzata, se non come magazzino. Il direttore, rispetto a tale criticità, ha riferito che prossimamente potrà essere utilizzata da parte dei detenuti una volta alla settimana. 
  Un’altra criticità lamentata dai detenuti ha per oggetto gli orari dei colloqui con i famigliari, e nello specifico l’interruzione durante la pausa pranzo, incompatibile con la presenza di famigliari che vengono da lontano. In tal senso non sembra esserci stato sinora nessun intervento da parte della direzione. 
  Dal punto di vista più strettamente organizzativo, occorre segnalare che il direttore divide il proprio impegno tra l’incarico di vice provveditore vicario del Provveditorato di Cagliari e la reggenza della casa di reclusione “Is Arenas”, motivo per il quale la sua presenza e i contatti con i detenuti sono ridotti. 
   
STRUTTURA  
Anno di costruzione e di consegna  2012
Tipologia della struttura. L’istituto è strutturato in blocchi autonomi: un blocco centrale di tipo neo-filadelfiano e una sezione separata per semiliberi e detenuti in articolo 21 o.p.. Nel blocco principale sono presenti 6 sezioni, 5 sezioni sono destinate al circuito dell’alta sicurezza e 1 sezione è destinata ai detenuti comuni.
   
Condizioni generali della struttura  Nonostante l’edificio sia di nuova costruzione, esistono alcuni problemi di tipo strutturale. In particolare si segnala, che fin dalla prima visita dell’osservatorio di Antigone si sono potuti constatare i segni dell’umidità in alcune pareti e muri, tanto nei corridoi quanto nelle celle. In alcune pareti l’intonaco è cadente. Alcuni tubi sono arrugginiti.
  Esistono tentativi apprezzabili di miglioramento della struttura tramite murales realizzati dai detenuti durante un corso di formazione.
Numero e tipologia di reparti e/o sezioni.  Nel blocco principale sono presenti 6 sezioni, ciascuna con 20 stanze:
  5 sezioni sono destinate al circuito dell’alta sicurezza.
  1 sezione è destinata ai detenuti comuni.
  In un blocco autonomo è presente 1 sezione con 5 stanze, destinata ai detenuti semiliberi e ai detenuti in articolo 21 o.p..
  Ad ogni sezione sono assegnati circa 50 detenuti. 
   
Condizioni generali delle celle. Dall’osservazione emerge che nelle celle sono garantiti i 3 mq calpestabili per detenuto. In generale le celle sono organizzate con 3 letti (un letto a castello più un letto aggiuntivo). 
  Il bagno, composto da lavandino, doccia e water, è collocato in un ambiente separato all’interno delle singole celle. 
  Le celle sono riscaldate ma non climatizzate, dotate di televisore e di un dispositivo per comunicare con il personale.
  Non è garantito l’isolamento notturno. 
Numero di detenuti per cella.  2-3 detenuti per cella
Tipologia, dimensioni, caratteristiche degli spazi comuni interni. Ogni sezione è dotata di una saletta per la socialità, spoglia e priva di arredo, ad eccezione di un  tavolino, qualche sedia, un calcio balilla e un tavolo da ping-pong solo nella sezione AS 3.
  Ogni sezione ha anche una sala hobby da un posto, attrezzata con un tavolino e qualche sedia, in cui possono svolgere attività solo due persone alla volta.
  E’ presente una palestra tuttora inutilizzata che dovrebbe essere convertita in sala polivalente. 
  L’istituto è dotato di un teatro che in passato veniva utilizzato con più frequenza rispetto al presente.
  E’ presente una cappella cattolica con soffitto parzialmente trasparente. Nei mesi estivi si surriscalda eccessivamente e non può essere utilizzata.
  Nell’area trattamentale sono presenti 3 stanze adibite ad aule scolastiche, piccole e spoglie. 
   
   
Dimensioni e caratteristiche degli spazi comuni esterni. All’esterno sono presenti un’area verde attualmente inutilizzata, anche se si ipotizzano dei progetti in tal senso, ed un campo da calcetto utilizzato durante i mesi caldi. Le aree “passeggio” sono abbastanza ampie ma non sono dotate di idonee coperture tali da consentirne un utilizzo anche in condizioni atmosferiche sfavorevoli. Ad eccezione di un tavolo e quattro sedili fissi situati al centro dell’area, non sono presenti attrezzature che consentano lo svolgimento di attività diverse dal camminare.
   
Cucina. Sono presenti due cucine (al momento della visita alcune migliorie relative dell’igiene erano possibili). In entrambe lavorano anche detenuti.
   L’area verde e la palestra, nonostante si ipotizzino cambiamenti in tal senso, al momento non risultano utilizzate.
DETENUTI  
Numero al momento della visita 266
Capienza regolamentare 260
Caratteristiche della popolazione detenuta  La popolazione detenuta è composta, in misura maggioritaria, da detenuti di nazionalità italiana con condanne lunghe, in regime di alta sicurezza . 
Donne   
Stranieri   21
Nazionalità più presente in istituto (numero assoluto e percentuale su totale)  Italiana
Transgender Nessuno
Alta sicurezza (AS1      AS2      AS3        )     I detenuti in AS1 e AS3 rappresentano circa l’85 % della popolazione reclusa.
41 bis Nessuno
Collaboratori di giustizia Nessuno
Giovani adulti 2
Art. 21, 7
Semiliberi 3
“In Osservazione” (tossicodipendenti, sieropositivi, psichiatrici). 52
Isolamento. ND
   
STAFF   
Direttore   Dott. Pierluigi Farci 
Vicedirettori   
Polizia penitenziaria. 1 comandante 
  6 ispettori
  4 sovraintendenti
  136 agenti
Comandante.  Dott. Cadeddu dal 2011
Educatori  3 educatori + 1 in missione
   
Cappellano e ministri di culto Nell’istituto è presente 1 cappellano, nominato di recente dal vescovo di Oristano.
  Prestano la loro attività di assistenza religiosa anche 1 testimone di Geova e 1 rabbino
   
   
   
Volontari. E' presente un volontario. Collabora storicamente con l’istituto (prima collaborava con la vecchia casa circondariale di Oristano) l’associazione Pro Carceri. Di rencente si sono proposte nuove associazioni, anche se viene lamentata una bassa propensione dell’associazionismo locale a collaborare con il carcere.
EVENTI CRITICI   Vengono riferiti 66 eventi critici relativi all’anno precedente
Autolesionismo  ND
Suicidi   ND
Esiste un “Protocollo di prevenzione del rischio suicidario in Istituto” così come richiesto dall’OMS e dal Dap? ND
Evasioni   ND
Scioperi della fame  Nel corso del 2016 si sono verificati alcuni scioperi della fame. Un primo, nel mese di gennaio, è stato effettuato da un detenuto, studente universitario, per protestare contro l’impossibilità di utilizzare il computer. Un secondo sciopero, durato oltre venti giorni, ha coinvolto 35 detenuti nella sezione AS1, che denunciavano una serie di problematiche dell’istituto: sovraffollamento, difficoltà degli incontri con i familiari, con il magistrato di sorveglianza etc. Sulla base di tale protesta è stata effettuata la già citata visita del Garante Nazionale delle persone detenute. A questo sciopero sono seguiti ulteriori proteste dei detenuti nel mese di aprile e di ottobre. 
Rivolte  NR
   
SANITÀ   
Adeguatezza delle strutture e delle attrezzature, del servizio e dell’assistenza. 7200 prestazioni annuali interne;
  630 prestazioni annuali esterne;
  8 interventi del 118 in istituto;
Numero medici, infermieri  e OSS. Quotidianamente è presente 1 medico h 24; complessivamente sono presenti 5 medici più 4 infermieri convenzionati.
Responsabile area sanitaria.  Alfredo Asuni
Principali prestazioni sanitarie garantite all’interno dell’istituto. Cardiologo
  Diabetologo
  Infettivologo
  Urologo
  Ortopedico
  Psichiatra
   
   
Cartella clinica informatizzata.  No
Situazione tossicodipendenze.  42
Situazione patologie psichiatriche.  2
Situazione detenuti disabili.   
LAVORO  
Numero di lavoranti al momento della visita  67
   
Lavori interni.  ND
Lavori esterni.  10
   
Numero di ore retribuite sul totale del lavoro prestato.  169
Budget annuale per mercedi.  ND
Presenza di iniziative per il reinserimento lavorativo per i dimittendi.  
FORMAZIONE PROFESSIONALE 
Numero e tipologia di corsi e numero di partecipanti ad ogni corso    Nessuno
ISTRUZIONE  
Numero di corsi.  Sono presenti due corsi di scuola superiore, un corso di scuola media e dovrebbe essere attivato un corso di agraria per privatisti.
Media frequentanti per livello di scuola  10/12
QUOTIDIANITA’ DETENTIVA E “SORVEGLIANZA DINAMICA” 
   
Regime detentivo sezione per sezione.  Nell’istituito, secondo quanto riferito al momento della visita, la sorveglianza dinamica non è attuata in relazione alle particolarità del regime detentivo di Alta Sicurezza.
Ore trascorse fuori dalla sezione detentiva   ND
Spazi di socialità all’interno della sezione  Ogni sezione è dotata di una saletta per la socialità, spoglia e priva di arredo, ad eccezione di un  tavolino, qualche sedia, un calcio balilla e un tavolo da ping-pong, solo nella sezione AS 3.
  Ogni sezione ha anche una sala hobby da un posto, attrezzata con un tavolino e qualche sedia, in cui possono svolgere attività solo due persone alla volta.
   
E’ prevista una sala mensa/refettorio dove consumare i pasti in comune.  No
   
   
   
Opinioni degli operatori circa l’applicazione della “sorveglianza dinamica”.  ND
CONTATTI CON L’ESTERNO 
Colloqui: orari e giorni   I colloqui avvengono sei giorni alla settimana, dalle 8.15 alle 13.15 in alcuni giorni, e dalle 13.15 alle 17.15 in altri. Possono essere prenotati online. 
Stima dei tempi accesso al colloquio.   
   
Telefonate. È previsto l’uso della scheda telefonica? E’ previsto il servizio di colloqui a distanza via Skype o simili?  Non sono previste video-telefonate né colloqui via skype. 
Internet. E' prevista una qualche forma di accesso al web per i detenuti?Se sì, chi sono i beneficiari e con quali limiti?  ND
   
Data della visita:  

 Stampa    Email

Se hai informazioni da inviarci o richieste puoi registrarti al sito e compilare il form.
Registrati e torna su questa pagina. Grazie.