Torna sul portale di Antigone.it

Casa Circondariale "Petrusa" di Agrigento

CASA CIRCONDARIALE “PETRUSA” DI AGRIGENTO

Contrada Petrusa, piazzetta Di Lorenzo, 92100, Agrigento, 0922/605576

Maschile e femminile

Dislocazione extraurbana

Tribunale  e Ufficio di Sorveglianza di riferimento: Palermo

UEPE di riferimento: Palermo

NODI IDENTIFICATIVI E PROBLEMATICI

Il carcere di Agrigento si trova in condizioni meno peggiori di altre strutture detentive siciliane ed italiane. Ciò è dovuto principalmente al fatto che si tratta di una casa di reclusione. Esiste tuttavia un problema di sovraffollamento (350 presenze contro i 253 di capienza regolamentare). Inoltre, mancano ancora spazi come la palestra, e gli spazi deputati alla socialità non sono del tutto sufficienti. Un altro problema è quello dell’insufficienza di personale trattamentale e sanitario. Non esistono medici specialistici, e di conseguenza i detenuti vengono curati dalle strutture esterne, con conseguenti disagi dovuti ai tempi di prenotazione e di effettuazione delle visite. Un altro nodo problematico riguarda gli inesistenti rapporti col territorio, dovuti soprattutto alla scarsa sensibilità della realtà locale.

STRUTTURA

Anno di costruzione e di consegna: 1987

La struttura si presenta sostanzialmente integra, seppur con qualche segno di usura.

Le celle si presentano in condizioni relativamente non preoccupanti, pur avvertendo il peso del sovraffollamento. Il 6% delle celle è costituito da celle singole, il 50% da celle doppie, il 44% da celle triple (che arrivano però a ospitare anche 4 detenuti). Le condizioni igieniche generali sono accettabili, anche se il sovraffollamento si riverbera in un po’ di angustia degli spazi. Comunque, non si percepiscono ancora segni di obsolescenza o fatiscenza. C’è una cucina in ogni sezione.

Reparti e/o Sezioni: Alta Sicurezza, Comuni, Detenuti in attesa di giudizio, Donne.

Spazi comuni interni: Sale socialità (una per ogni piano), Cappelle (una per ogni piano), Biblioteca, Aule Scolastiche, Laboratori.

Spazi comuni esterni: Passeggi

DETENUTI

Capienza regolamentare: 253 (di cui 220 uomini e 33 donne).

Detenuti presenti: 350.

Di cui: 22 donne (senza bambini), 117 stranieri, 160 in Alta Sicurezza, 118 comuni, 50 in attesa di giudizio, 50 tossicodipendenti, 4 in articolo 21, 4 semiliberi, 10 HIV.

STAFF

direttore: Dott. Mazzone + 2 vice (uno è il dott. Valerio Pappalardo).

polizia penitenziaria: 350, di cui 200 in servizio effettivo.

comandante: Lo Faro

educatori realmente in servizio: 3

assistenti sociali assegnati: 0

medici: 4 medici (tutti generici), 4 infermieri, 3 medici di guardia, SER.T.

VOLONTARI

Volontariato cattolico e testimoni di Geova.

CONDIZIONI MATERIALI

Le celle sono aperte nei seguenti orari: 9,30-11,30; 13,30-15,30; 17-19.

Le docce sono accessibili durante le ore d’aria.

Non si segnalano problemi quanto alla distribuzione del kit in dotazione (carta igienica, ecc.).

Le cucine sono in ogni sezione, ma è diffuso il sopravvitto.

Ci sono lavanderie in ogni sezione.

C’è una cella di isolamento per ogni sezione.

EVENTI CRITICI

Nel 2004 si è registrato un caso di suicidio tra i detenuti comuni. Ci sono casi sporadici di autolesionismo sempre tra i detenuti comuni.

SANITA’

Si segnala una certa lentezza relativamente alle visite. Un altro problema è costituito dalla mancanza di medici specialistici. Tuttavia, in ogni sezione è garantito un presidio sanitario attivo 24 ore su 24. Gli psicofarmaci sono somministrati secondo le dosi consentite e richieste dalle terapie. Non si segnalano particolari abusi. Ci sono possibilità di terapie odontoiatriche e oculistiche. Non c’è un reparto di osservazione psichiatrica. Nell’istituto opera un SER.T.

ATTIVITA’

gestite dall’Amministrazione: teatro (laboratorio pirandelliano), ginnastica aerobica (per le detenute di sesso femminile)

gestite dal volontariato: attività attinenti al culto e all’assistenza

LAVORO

Si eseguono i soliti lavori domestici (scopino, spesino, cuoco, giardinaggio, manutenzione), di mattina, con una retribuzione di 200 euro al mese

Gli articolo 21 e i semiliberi dipendono dall’amministrazione penitenziaria.

FORMAZIONE PROFESSIONALE

scuola professionale, scuola alberghiera (CPT)

ISTRUZIONE

Corsi di alfabetizzazione, scuola elementare e media, alberghiera, professionale, elettricista.

Media frequentanti per livello di scuola: 5-6.

Un allievo universitario (Formatore multimediale, Università di Palermo, sede distaccata di  Agrigento; hanno il permesso del magistrato di frequentare questo corso anche una persona agli arresti domiciliari e due in libertà vigilata).

CONTATTI CON L’ESTERNO

Colloqui: 4 al mese, un giorno a rotazione per sezioni.

Non si registra alcuna restrizione in particolare relativa ai pacchi dei famigliari.

Telefonate: possibilmente 4 al mese per i detenuti comuni e 2 al mese per i detenuti in Alta Sicurezza.

RECLAMI E DOMANDINE

Esiste una commissione interna detenuti, da cui sono esclusi i detenuti in Alta Sicurezza.

 Stampa    Email

Se hai informazioni o notizie ulteriori mandacele usando il form che trovi qui sotto. Indica possibilmente a che titolo ne sei venuto a conoscenza (detenuto, operatore, volontario, etc.) e a quale periodo si riferiscono. Se vuoi lascia pure i tuoi recapiti.Le informazioni che ci invii non verranno rese pubbliche ma eventualmente andranno ad integrare la scheda di questo istituto. Grazie