Menu

XV rapporto sulle condizioni di detenzione

Lavoro, formazione e previdenza

Lavoro, formazione e previdenza

Lavoro, formazione e previdenza

1024 561 XV rapporto sulle condizioni di detenzione

In cerca di lavoro

La formazione professionale è da anni in calo ed il lavoro, che non basta certo per tutti, è quasi tutto alle dipendenze del carcere. I detenuti che in carcere lavorano per aziende o cooperative esterne sono molto pochi.

La formazione professionale

Nel corso del secondo semestre del 2018 sono stati attivati 152 corsi di formazione professionale che hanno coinvolto 1.757 iscritti. Nello stesso semestre i corsi conclusi sono stati 104, e sono stati promossi 437 partecipanti. E’ un numero molto modesto, se raffrontato alla quasi 60.000 presenze nel periodo, d’altronde la quantità di detenuti che partecipano ai corsi di formazione professionale è un dato in costante calo.

Percentuale dei detenuti coinvolti nei corsi di formazione professionale sul totale dei presenti

Fonte: nostra elaborazione su dati DAP

Periodo Detenuti
Corsi attivati
Corsi terminati
di presenti
rilevazione alla fine
del semestre Nº corsi
Detenuti iscritti
% iscritti Nº corsi Detenuti Detenuti % promossi
attivati su presenti terminati % iscrittti promossi su iscritti
ai corsi terminati
I sem.92 44.424 230 3.697 8,32 133 57,8% 1.724 631 36,6
II sem.92 47.316 205 2.998 6,34 83 40,5% 979 479 48,93
I sem.93 51.937 241 3.604 6,94 105 43,6% 1.393 752 53,98
II sem.93 50.348 256 3.239 6,43 94 36,7% 1.088 595 54,69
I sem.94 54.616 289 3.707 6,79 158 54,7% 1.986 975 49,09
II sem.94 51.165 274 3.702 7,24 132 48,2% 1.501 765 50,97
I sem.95 51.973 289 4.011 7,72 168 58,1% 2.097 1.039 49,55
II sem.95 46.908 283 3.619 7,72 135 47,7% 1.603 797 49,72
I sem.96 48.694 310 4.063 8,34 174 56,1% 1.981 928 46,85
II sem.96 47.709 237 2.961 6,21 144 60,8% 1.724 882 51,16
I sem.97 49.554 288 4.008 8,09 136 47,2% 1.719 919 53,46
II sem.97 48.495 278 3.383 6,98 126 45,3% 1.509 1.053 69,78
I sem.98 50.578 306 4.038 7,98 137 44,8% 1.635 1.001 61,22
II sem.98 47.811 281 3.705 7,75 117 41,6% 1.466 1.043 71,15
I sem.99 50.856 240 2.959 5,82 121 50,4% 1.407 873 62,05
II sem.99 51.814 256 3.018 5,82 144 56,3% 1.859 1.192 64,12
I sem.00 53.537 292 3.624 6,77 186 63,7% 2.138 1.556 72,78
II sem. 00 53.165 255 3.598 6,77 156 61,2% 1.810 1.237 68,34
I sem. 01 55.393 353 4.235 7,65 252 71,4% 2.971 1.926 64,83
II sem. 01 55.275 246 2.892 5,23 192 78,0% 2.167 1.459 67,33
I sem. 02 56.277 364 4.461 7,93 199 54,7% 2.324 1.617 69,58
II sem. 02 55.670 311 3.802 6,83 163 52,4% 1.933 1.337 69,17
I sem. 03 56.403 361 3.879 6,88 266 73,7% 3.030 1.706 56,3
II sem. 03 54.237 223 2.688 4,96 211 94,6% 2.435 1.684 69,16
I sem. 04 56.532 367 4.132 7,31 274 74,7% 3.236 2.189 67,65
II sem. 04 56.068 305 3.760 6,71 220 72,1% 2.615 1.691 64,67
I sem. 05 59.125 309 3.541 5,99 213 68,9% 2.567 1.803 70,24
II sem. 05 59.523 295 3.417 5,74 215 72,9% 2.416 1.699 70,32
I sem. 06 59.523 316 3.569 6 231 73,1% 2.847 1.909 67,05
II sem. 06 39.005 213 2.227 5,71 162 76,1% 1.877 1.143 60,9
I sem. 07 43.957 317 3.667 8,34 168 53,0% 1.975 1.261 63,85
II sem.07 48.693 239 2.798 5,75 158 66,1% 2.474 1.209 48,87
I sem. 08 55.057 293 3.570 6,48 180 61,4% 2.219 1.568 70,66
II sem. 08 58.127 224 2.959 5,09 223 99,6% 2.812 1.997 71,02
I sem. 09 63.630 351 3.864 6,07 208 59,3% 2.622 1.830 69,79
II sem. 09 64.791 278 3.228 4,98 228 82,0% 2.624 1.915 72,98
I sem.10 68.258 297 3.584 5,25 207 69,7% 2.657 1.898 71,43
II sem. 10 67.961 279 3.592 5,29 228 81,7% 2.670 2.178 81,57
I sem. 11 67.394 279 3.508 5,21 149 53,4% 1.952 1.355 69,42
II sem. 11 66.897 211 2.434 3,64 142 67,3% 1.707 1.368 80,14
I sem. 12 66.528 237 2.974 4,47 179 75,5% 2.254 1.684 74,71
II sem. 12 65.701 267 2.983 4,54 212 79,4% 2.340 1.972 84,27
I sem. 13 66.028 251 2.989 4,53 173 68,9% 2.109 1.711 81,13
II sem. 13 62.536 165 1.791 2,86 145 87,9% 1.688 1.303 77,19
I sem. 14 58.092 217 2.342 4,03 139 64,1% 1.524 1.162 76,25
II sem. 14 53.623 214 2.598 4,84 157 73,4% 1.888 1.456 77,12
I sem. 15 52.754 169 1.918 3,64 185 109,5% 2.254 1.815 80,52
II sem. 15 52.164 213 2.376 4,55 165 77,5% 2.013 1.779 88,38
I sem. 16 54.072 166 1.590 2,94 161 97,0% 1.470 1.112 75,65
II sem. 16 54.653 120 1.363 2,49 94 78,3% 1.055 785 74,41
I sem. 17 56.919 157 2.227 3,91 128 81,5% 1.779 1.498 84,2
II sem. 17 57.608 165 2.184 3,79 121 73,3% 1.534 1.260 82,14
I sem. 18 58.759 198 2.441 4,15 121 61,1% 1.547 1.266 81,84
II sem. 18 59.655 152 1.757 2,95 104 68,4% 1.246 1.048 84,11

Fonte: Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria – Ufficio del Capo del Dipartimento – Segreteria Generale – Sezione Statistica

“Pur calando il numero dei corsi avviati, è fortunatamente cresciuta nel tempo la percentuale di corsi conclusi rispetto al totale di quelli partiti”

Raggiunto il suo apice dopo l’indulto del 2006, coinvolgendo nel 2008 in un semestre l’8,34% dei presenti, questo numero è andato sempre calando, in conseguenza dei progressivi tagli alle risorse che l’Amministrazione penitenziaria e le regioni sono stati in grado di impegnare in questo settore. Ma pur diminuendo il numero dei corsi avviati, è fortunatamente cresciuta nel tempo la percentuale di corsi conclusi rispetto al totale di quelli partiti. Negli anni novanta veniva conclusa in media meno della metà dei corsi di formazione, ma dal duemila questa percentuale è virtuosamente salita, superando anche l’80%. Probabilmente le minori risorse disponibili sono state investite in maniera più accorta. Dispiace vedere che questa percentuale nel 2018 è tornata a scendere (61,1% nel primo semestre, 68,4% nel secondo).

“Incredibilmente, in regioni come la Campania o la Sardegna, nel secondo semestre del 2018 non risultano attivati corsi di formazione professionale”

Dispiace registrare anche le solite ormai usuali differenze da regione a regione. Mettendo in relazione il numero di iscritti nel corso del secondo semestre 2018 con le presenze in carcere al 30 giugno, si rileva che se in media in Italia gli iscritti erano il 3% dei presenti, in una grande regione come la Puglia erano l’8,9%, in Lombardia il 6,6%, ma in Veneto erano l’1,7%, in Sicilia lo 0,5% e incredibilmente, in regioni come la Campania o la Sardegna, nel secondo semestre del 2018 non risultano attivati corsi di formazione professionale.
I corsi che hanno coinvolto più detenuti riguardavano giardinaggio e agricoltura (12%), arte e cultura (13%) e cucina e ristorazione (17%).

Stupisce in tutto questo il messaggio dell’INPS del 5 marzo 2019, n. 909, che ha previsto la non erogabilità della prestazione di disoccupazione NASpI nei confronti delle migliaia di detenuti che hanno lavorato in carcere alle dipendenze dell’istituto penitenziario.

Il lavoro

Al 31 dicembre 2018 su 59.655 detenuti complessivamente presenti nelle carceri italiane, i lavoranti erano 17.614, di cui 6.373 stranieri e 809 donne. Questo dato registra il primo – seppure lieve – calo dopo un costante incremento nella serie storica delle rilevazioni che, dall’inizio degli anni novanta, hanno visto sostanzialmente crescere in modo progressivo il numero dei detenuti impiegati in attività lavorative.

Percentuale degli occupati tra i detenuti

Fonte: nostra elaborazione su dati DAP

Detenuti lavoranti
Serie storica semestrale degli anni: 1991 – 2018
Data Detenuti Lavoranti % Lavoranti Lavoranti % Lavoranti Totale % Lavoranti
Rilevazione Presenti alle dipendenze alle dipendenze non alle dipendenze non alle dipendenze lavoranti sui detenuti
dell’Amministrazione sul totale dell’Amministrazione sul totale presenti
Penitenziaria dei lavoranti Penitenziaria lavoranti
6/30/1991 31.053 9.594 89,66 1.106 10,34 10.700 34,46
12/31/1991 35.469 9.615 88,19 1.287 11,81 10.902 30,74
6/30/1992 44.424 10.698 91,21 1.031 8,79 11.729 26,4
12/31/1992 47.316 9.766 88,68 1.247 11,32 11.013 23,28
6/30/1993 51.937 9.861 88,34 1.301 11,66 11.162 21,49
12/31/1993 50.348 9.398 87,35 1.361 12,65 10.759 21,37
6/30/1994 54.616 9.995 86,98 1.496 13,02 11.491 21,04
12/31/1994 51.165 10.061 87,59 1.426 12,41 11.487 22,45
6/30/1995 51.973 9.979 83,83 1.925 16,17 11.904 22,9
12/31/1995 46.908 10.351 86,59 1.603 13,41 11.954 25,48
6/30/1996 48.694 9.989 85,11 1.747 14,89 11.736 24,1
12/31/1996 47.709 10.222 85,41 1.746 14,59 11.968 25,09
6/30/1997 49.554 10.156 84,45 1.870 15,55 12.026 24,27
12/31/1997 48.495 10.033 85,68 1.677 14,32 11.710 24,15
6/30/1998 50.578 10.691 86,55 1.661 13,45 12.352 24,42
12/31/1998 47.811 10.356 87,47 1.483 12,53 11.839 24,76
6/30/1999 50.856 10.253 85,66 1.717 14,34 11.970 23,54
12/31/1999 51.814 10.421 87,55 1.482 12,45 11.903 22,97
6/30/2000 53.537 10.978 87,19 1.613 12,81 12.591 23,52
12/31/2000 53.165 11.121 86,85 1.684 13,15 12.805 24,09
6/30/2001 55.393 11.784 85,3 2.031 14,7 13.815 24,94
12/31/2001 55.275 11.784 85,25 2.039 14,75 13.823 25,01
6/30/2002 56.277 12.110 84,36 2.245 15,64 14.355 25,51
12/31/2002 55.670 11.213 83,22 2.261 16,78 13.474 24,2
6/30/2003 56.403 11.198 82,16 2.432 17,84 13.630 24,17
12/31/2003 54.237 11.463 83,23 2.310 16,77 13.773 25,39
6/30/2004 56.532 11.951 84,08 2.263 15,92 14.214 25,14
12/31/2004 56.068 12.152 82,75 2.534 17,25 14.686 26,19
6/30/2005 59.125 11.824 81,01 2.771 18,99 14.595 24,68
12/31/2005 59.523 12.723 81,68 2.853 18,32 15.576 26,17
6/30/2006 61.264 12.591 81,23 2.910 18,77 15.501 25,3
12/31/2006 39.005 10.483 87,21 1.538 12,79 12.021 30,82
6/30/2007 43.957 11.005 87,29 1.603 12,71 12.608 28,68
12/31/2007 48.693 11.717 87,93 1.609 12,07 13.326 27,37
6/30/2008 55.057 11.633 86,73 1.780 13,27 13.413 24,36
12/31/2008 58.127 12.165 86,95 1.825 13,05 13.990 24,07
6/30/2009 63.630 11.610 86,59 1.798 13,41 13.408 21,07
12/31/2009 64.791 12.376 86,72 1.895 13,28 14.271 22,03
6/30/2010 68.258 12.058 85,42 2.058 14,58 14.116 20,68
12/31/2010 67.961 12.110 85,44 2.064 14,56 14.174 20,86
6/30/2011 67.394 11.508 83,6 2.257 16,4 13.765 20,42
12/31/2011 66.897 11.700 83,8 2.261 16,2 13.961 20,87
6/30/2012 66.528 10.979 82,69 2.299 17,31 13.278 19,96
12/31/2012 65.701 11.557 83,7 2.251 16,3 13.808 21,02
6/30/2013 66.028 11.579 84,35 2.148 15,65 13.727 20,79
12/31/2013 62.536 12.268 84,34 2.278 15,66 14.546 23,26
6/30/2014 58.092 11.735 83,23 2.364 16,77 14.099 24,27
12/31/2014 53.623 12.226 84,03 2.324 15,97 14.550 27,13
6/30/2015 52.754 12.345 84,73 2.225 15,27 14.570 27,62
12/31/2015 52.164 13.140 84,64 2.384 15,36 15.524 29,76
6/30/2016 54.072 12.903 84,49 2.369 15,51 15.272 28,24
12/31/2016 54.653 13.480 82,95 2.771 17,05 16.251 29,73
6/30/2017 56.919 15.307 86,96 2.295 13,04 17.602 30,92
12/31/2017 57.608 15.924 86,52 2.480 13,48 18.404 31,95
6/30/2018 58.759 15.643 87,22 2.293 12,78 17.936 30,52
12/31/2018 59.655 15.228 86,45 2.386 13,55 17.614 29,53

Fonte: Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria – Ufficio del Capo del Dipartimento – Segreteria Generale – Sezione Statistica

L’anno precedente, ad esempio, a fronte di un più basso numero di detenuti presenti nei nostri istituti penitenziari (57.608) i lavoranti erano, infatti, 18.804.
Inoltre, scomponendo il dato dell’ultima rilevazione, si può capire meglio quali siano le peculiarità del lavoro in carcere.

Detenuti alle dipendenze dell'amministrazione penitenziaria

fonte: rielaborazione dati Dap

Detenuti lavoranti alle dipendenze dell’Amministrazione Penitenziaria
Situazione al 31 Dicembre 2018
Regione
Lavorazioni
Colonie Servizi d’istituto Manutenzione ordinaria fabbricati Servizi extramurari (Art. 21)
Totale
di agricole
detenzione (ex
art.21
L. 354/75)
(*)
Lavorazioni Colonie agricole Servizi d’istituto Manutenzione ordinaria fabbricati Servizi extramurari (Art. 21)
ABRUZZO 102 0 488 25 20 635
BASILICATA 0 0 129 5 16 150
CALABRIA 8 0 588 47 66 709
CAMPANIA 91 0 1.409 122 66 1.688
EMILIA ROMAGNA 7 0 960 45 49 1.061
FRIULI VENEZIA GIULIA 0 0 109 8 6 123
LAZIO 75 0 1.337 133 61 1.606
LIGURIA 0 0 263 13 10 286
LOMBARDIA 7 0 1.456 92 121 1.676
MARCHE 6 0 204 11 22 243
MOLISE 0 0 161 9 13 183
PIEMONTE 47 0 876 55 57 1.035
PUGLIA 9 0 852 37 36 934
SARDEGNA 5 224 533 52 51 865
SICILIA 76 0 1.396 160 92 1.724
TOSCANA 144 25 856 59 147 1.231
TRENTINO ALTO ADIGE 4 0 100 6 5 115
UMBRIA 56 0 364 33 15 468
VALLE D’AOSTA 0 0 44 2 0 46
VENETO 0 0 397 24 29 450
Totale 637 249 12.522 938 882 15.228
(*) Sono conteggiati i detenuti beneficiari dell’art.21 L.354/75 stipendiati dall’Amministrazione Penitenziaria e impiegati in servizi esterni all’istituto.
Lavorazioni Colonie agricole Servizi d’istituto Manutenzione ordinaria fabbricati Servizi extramurari (Art. 21)
Totale 637 249 12.522 938 882 15.228

Fonte: Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria – Ufficio del Capo del Dipartimento – Segreteria Generale – Sezione Statistica 

Detenuti alle dipendenze di datori di lavoro esterni

Detenuti lavoranti alle dipendenze dell’Amministrazione Penitenziaria
Situazione al 31 Dicembre 2018
Regione
Lavorazioni
Colonie Servizi d’istituto Manutenzione ordinaria fabbricati Servizi extramurari (Art. 21)
Totale
di agricole
detenzione (ex
art.21
L. 354/75)
(*)
Lavorazioni Colonie agricole Servizi d’istituto Manutenzione ordinaria fabbricati Servizi extramurari (Art. 21)
ABRUZZO 102 0 488 25 20 635
BASILICATA 0 0 129 5 16 150
CALABRIA 8 0 588 47 66 709
CAMPANIA 91 0 1.409 122 66 1.688
EMILIA ROMAGNA 7 0 960 45 49 1.061
FRIULI VENEZIA GIULIA 0 0 109 8 6 123
LAZIO 75 0 1.337 133 61 1.606
LIGURIA 0 0 263 13 10 286
LOMBARDIA 7 0 1.456 92 121 1.676
MARCHE 6 0 204 11 22 243
MOLISE 0 0 161 9 13 183
PIEMONTE 47 0 876 55 57 1.035
PUGLIA 9 0 852 37 36 934
SARDEGNA 5 224 533 52 51 865
SICILIA 76 0 1.396 160 92 1.724
TOSCANA 144 25 856 59 147 1.231
TRENTINO ALTO ADIGE 4 0 100 6 5 115
UMBRIA 56 0 364 33 15 468
VALLE D’AOSTA 0 0 44 2 0 46
VENETO 0 0 397 24 29 450
Totale 637 249 12.522 938 882 15.228
(*) Sono conteggiati i detenuti beneficiari dell’art.21 L.354/75 stipendiati dall’Amministrazione Penitenziaria e impiegati in servizi esterni all’istituto.
Lavorazioni Colonie agricole Servizi d’istituto Manutenzione ordinaria fabbricati Servizi extramurari (Art. 21)
Totale 637 249 12.522 938 882 15.228

Fonte: Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria – Ufficio del Capo del Dipartimento – Segreteria Generale – Sezione Statistica 

Dei detenuti impiegati, 15.228 risultano lavorare alle dipendenze dell’Amministrazione penitenziaria (pari al 86,45 %) e 2.386 alle dipendenze di altri lavoratori (pari al 13,55 %). All’interno della prima categoria, 637 sono impiegati in lavorazioni, 249 nelle colonie agricole, ben 12.522 nei servizi di istituto, 938 nella manutenzione ordinaria di fabbricati e solo 882 in servizi extramurari ex art. 21 OP. Tra coloro che non lavorano alle dipendenze dell’Amministrazione penitenziaria, i semiliberi impiegati in attività lavorative sono 661, di cui 39 lavorano in proprio e 622 per datori di lavoro esterni; 749 detenuti lavorano all’esterno ex art. 21, mentre lavorano in istituto ma per conto di imprese o cooperative rispettivamente 245 e 686 detenuti.
La stragrande maggioranza dei detenuti lavoratori, dunque, presta la propria attività per la stessa Amministrazione penitenziaria e, per lo più, all’interno dell’istituto. Secondo quanto rilevato dall’Osservatorio di Antigone nel corso delle visite del 2018 sono ben 17 gli istituti (pari al 20%) in cui non ci sono lavoratori alle dipendenze di soggetti diversi dall’amministrazione.
Il lavoro è dunque poco, certo non basta per tutti, e per molti detenuti è impossibile mandare qualche soldo a casa. E’ difficile anche solo sopravvivere in maniera dignitosa. Stupisce in tutto questo il messaggio dell’INPS del 5 marzo 2019, n. 909, che ha previsto la non erogabilità della prestazione di disoccupazione NASpI nei confronti delle migliaia di detenuti che hanno lavorato in carcere alle dipendenze dell’istituto penitenziario. Resta invece erogabile, incomprensibilmente, per le poche decine che hanno lavorato per datori di lavoro esterni.