Torna nella pagina principale

 

 
 
I sottoscritti chiedono di interpellare il Presidente del Consiglio dei ministri, il Ministro degli affari esteri, il Ministro della giustizia, per sapere - premesso che:
martedì 1o marzo 2005 le associazioni Amnesty International - sezione italiana, Antigone e Medici contro la tortura hanno inviato ai parlamentari italiani un pressante appello del seguente tenore:
«Desideriamo segnalare nuovamente alla Vostra attenzione la perdurante grave inadempienza del Parlamento circa l'introduzione del reato di tortura nel codice penale italiano, anche alla luce degli appuntamenti internazionali previsti nel corso del 2005.
Come le nostre associazioni vi hanno più volte segnalato fin dall'inizio della legislatura, l'Italia dovrebbe approvare ormai da 16 anni una specifica legge contro la tortura anche per ottemperare ai propri obblighi internazionali, derivanti soprattutto dalla ratifica della Convenzione delle Nazioni Unite contro la tortura del 1988.
L'inadempienza del nostro paese non è passata inosservata negli organismi intergovernativi, tanto da essere stata stigmatizzata negli ultimi anni dal Comitato delle Nazioni Unite sui diritti umani (organismo di controllo istituito in base al Patto internazionale per i diritti civili e politici), dal Comitato delle Nazioni Unite contro la tortura (organismo di controllo istituito in base alla omonima Convenzione), dal Comitato delle Nazioni Unite sui diritti del fanciullo e dal Comitato europeo per la prevenzione della tortura (del Consiglio d'Europa).
Nei prossimi mesi, l'Italia sarà nuovamente chiamata a rendere conto dell'attuazione del diritto internazionale in materia di diritti umani davanti al Comitato sui diritti umani e al Comitato contro la tortura. In entrambi i casi, rischia di farlo senza aver introdotto la fattispecie specifica di tortura nel codice penale e senza aver ratificato il Protocollo opzionale alla Convenzione contro la tortura.
Spiace notare che neanche la XIV legislatura ha posto l'impegno contro la tortura, in Italia e nel mondo, tra le sue

 



Pag. 18213

 


priorità. Nonostante la presentazione di otto progetti di legge, sottoscritti da oltre cento deputati e senatori di tutti i gruppi parlamentari, l'esame dei testi - iniziato alla Camera il 18 aprile 2002 - è stato infatti caratterizzato da tempi inspiegabilmente lunghi e da inaccettabili tentativi di introdurre una definizione di tortura più restrittiva di quella internazionale.
In particolare, quando manca ormai poco più di un anno alla fine della Legislatura, risulta difficilmente comprensibile la ragione per cui da ormai dieci mesi il nuovo testo unificato sia fermo alla Commissione Giustizia della Camera dei Deputati. Se la legge non verrà approvata, il ricordo più forte sarà purtroppo associato al voto del 22 aprile 2004, quando venne approvato l'inaccettabile emendamento che intendeva limitare la nozione di tortura ai soli comportamenti ripetuti.
Amnesty International, Antigone e Medici contro la tortura valuteranno, anche pubblicamente, nei prossimi mesi e in vista della fine del Vostro mandato, l'operato della XIV legislatura in relazione al tema dei diritti umani. Il nostro sincero auspicio è di poterci complimentare con la Camera dei Deputati e con il Senato della Repubblica per l'introduzione del reato di tortura nel codice penale italiano, piuttosto che dover sottolineare l'assenza di misure concrete a tutela dei diritti umani.» -:
quale sia il giudizio del Governo sul documento-appello riportato in premessa;
quali iniziative il Governo, per quanto di propria competenza sotto il profilo dei rapporti internazionali, intenda assumere al riguardo.
(2-01491) «Boato, Pecoraro Scanio, Zanella, Cento, Bulgarelli, Cima, Lion».

_________________________________________________
Daniela Carboni
Relazioni esterne e istituzionali
Amnesty International - Sezione Italiana
tel: +39 06 4490228, +39 348 2894276, fax: +39 06 4490222

MAI PIU' VIOLENZA SULLE DONNE
Sostieni la campagna di Amnesty
per i diritti delle donne su www.amnesty.it

Stampa articolo

Invia articolo