Torna sul portale di Antigone.it

Casa Circondariale di Sondrio

ISTITUTO   
Nome Casa Circondariale Di Sondrio
Tipologia (CC, CR, ICATT, OPG…) CC
Indirizzo Via Antonio Caimi n. 80 23100 SONDRIO
Telefono e e-mail (se è disponibile e-mail di qualcuno del personale, direttore o altri, va nella nota riservata) Tel. 0342212031 - mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Dislocazione (urbana o extraurbana) urbana
Tribunale, Ufficio di Sorveglianza e UEPE di riferimento (quanti magistrati e operatori sono assegnati all’istituto, quali nella nota riservata). Provveditorato regionale: LOMBARDIA - Ufficio esecuzione penale esterna: COMO - Tribunale di sorveglianza: MILANO - Ufficio di sorveglianza: VARESE
NODI IDENTIFICATIVI E PROBLEMATICI  
Analisi e sintesi dei caratteri essenziali e condizioni di vivibilità generale   La presenza di una quota di stranieri di norma non inferiore al 70% é una criticità in quanto trattasi di detenuti che, avendo meno riferimenti e appoggi esterni, accedono con maggiore difficoltà alle misure alternative alla detenzione. Le attività per i detenuti - anche a causa della mancanza di fondi - sono poche. Anche la carenza di spazi, trattasi di struttura dei primi del '900 situata in pieno centro e di fatto mai sottoposta a significative ristrutturazioni od ampliamenti, pregiudica in partenza la possibilità di avviare quelle attività riabilitative e/o lavorative e/o di svago che per definizione necessitano di spazi abbastanza ampi. La Direzione segnala poi come elemento critico il continuo avvicendamento di personale con compiti di direzione (é imminente l'abbandono della struttura da parte del comandante, peraltro distaccato in missione dal carcere di Bergamo e quindi presente in struttura solo 2 giorni a settimana) e l'assenza in organico di personale con mansioni di coordinamento ed supervisione (ispettori e sovrintendenti) le cui mansioni vengono di fatto svolte dagli agenti ed assistenti di polizia penitenziaria che di conseguenza vengono sottratti al personale addetto alle attività di sorveglianza in sezione. Si registra infine una particolare attenzione mediatica dovuta alle recenti dimissioni da parte del garante dei detenuti, con tanto di successiva interrogazione parlamentare e raccolta firme, che avrebbe rinunciato all’incarico per la presunta impossibilità di operare a seguito dell’insediamento della nuova direttrice. Raccolta la versione dei fatti della direttrice, del tutto in contrasto con quella dell'ex garante, il DAP non si é ancora pronunciato e così pure il Consiglio Comunale di Sondrio (cui spetta la nomina del garante).
STRUTTURA  
Anno di costruzione e di consegna 1908
Tipologia della struttura (Com’è strutturato l’istituto – blocchi a raggiera, blocchi autonomi, blocchi “ad H”?). Monoblocco - una sola sezione con ballatoio
Condizioni generali della struttura   Le celle ed i bagni delle sezioni si presentano in buone condizioni, idem gli spazi comuni interni ed il passeggio esterno. Al momento è in fase di ristrutturazione una cella in virtù dell'avvio dei lavori di ristrutturazione che riguarderanno progressivamente tutte le celle con l'introduzione delle docce nei bagni (progetto finanziato da Cassa Ammende). Si presenta in ottimo stato la palestra, recentemente ristrutturata. Tramite un altro progetto finanziato dalla Cassa Ammende in un locale sarà allestito un locale odontoiatrico al fine di evitare le numerose traduzioni dei detenuti fuori dal carcere a tale scopo.
Numero e tipologia di reparti e/o sezioni  Vi è una sola sezione distribuita su 2 piani che ospita solo detenuti sono di media o bassa sicurezza. La sezione è aperta dalle 9 alle 21. Fuori dalla sezione vi sono due celle dedicate ai nuovi giunti o a detenuti in isolamento o a detenuti protetti o psichiatrici (i quali vengono comunque trasferiti rapidamente in altre strutture detentive). Stante la massiccia presenza di stranieri, la allocazione dei detenuti delle celle viene di regola attuata sul base etnica e/o religiosa.
Condizioni generali delle celle  In totale vi sono 18 celle: le celle hanno letti a castello e sono occupate da 2 detenuti (quelle più piccole da 7 o da 9 metri quadri) o da 5 detenuti (quelle più grandi da 27 metri), tutte in buone condizioni. Gli spazi in cella sono stretti ma il regime aperto attenua fortemente il disagio. I bagni sono in cella ma sono completamente separati tramite una parete e si presentano anch'essi in buone condizioni. L'acqua calda non é presente nei bagni delle celle che tuttavia, come detto, a breve vedranno l'installazione di una doccia e quindi anche l'arrivo dell'acqua calda. Le due celle destinate ai nuovi giunti o all'isolamento misurano 8 metri quadri, vengono utilizzate come singole e sono le uniche ad avere il bagno " a vista" (non isolato da pareti quindi). Le docce in comune si presentano anch'esse in buone condizioni.
Numero di detenuti per cella  Le celle sono occupate da 2 detenuti (quelle più piccole da 7 o da 9 metri quadri) o da 5 detenuti (quelle più grandi da 27 metri quadri). Le due celle destinate ai nuovi giunti o all'isolamento misurano 8 metri quadri e vengono utilizzate come singole.
Tipologia, dimensioni, caratteristiche degli spazi comuni interni   E' presente una bella biblioteca (utilizzata anche come "cineforum"), un'aula scolastica, una splendida cappella, un locale destinato occasionalmente a spazio di culto per detenuti non cattolici. Il piano superiore è a ballatoio (con balaustre aperte) e muoversi nei corridoi risulta poco agevole visto che gli spazi sono molto stretti.
Dimensioni e caratteristiche degli spazi comuni esterni  Esiste un “passeggio” all'aperto (con tettoia perimetrale sotto la quale ripararsi in caso di pioggia), non c'è nessuna area verde né per i detenuti né per i colloqui nei mesi estivi, è presente una bella palestra fornita di attrezzi recentemente rinnovata ed accessibile dalle 9 alle 21.
Cucina  La cucina, nella quale lavorano stabilmente 2 detenuti, si presenta in buone condizioni. 
Specificare se esistono sezioni detentive o spazi comuni attualmente non sono in uso per inagibilità o per ristrutturazione, e se la capienza regolamentare è scesa a causa di della mancanza di questi spazi. Al momento è in fase di ristrutturazione una cella in virtù dell'avvio dei lavori di ristrutturazione che riguarderanno progressivamente tutte le celle con l'introduzione delle docce nei bagni (progetto finanziato da Cassa Ammende). E' attualmente inutilizzato anche un altro locale nel quale sarà approntato uno studio odontoiatrico, sempre tramite progetto finanziato da Cassa Ammende.
DETENUTI  
Numero al momento della visita 40
Capienza regolamentare 29 (tollerabile 62)
Caratteristiche della popolazione detenuta Detenuti di media o bassa sicurezza, percentuale di stranieri alta (minimo 70%).
Donne (e donne con bambini) Nessuna
Stranieri (numero assoluto e percentuale sul totale) 28 stranieri su 40 detenuti (70%)
Nazionalità più presente in istituto (numero assoluto e percentuale su totale) Marocco (40%), Romania (15%), Albania (10%).
Transgender Nessuno
Alta sicurezza (AS1      AS2      AS3        )    Nessuno
41 bis Nessuno
Collaboratori di giustizia Nessuno
Giovani adulti 6
Art. 21, 7
Semiliberi 0
“In Osservazione”  24 (tutti tossicodipendenti, 4 dei quali in terapia metadonica, nessun sieropositivo)
Isolamento  Nessun detenuto in isolamento. Le due celle destinate ai nuovi giunti o all'isolamento misurano 8 metri quadri, vengono utilizzate come singole e sono le uniche ad avere il bagno " a vista" (non isolato da pareti quindi).
STAFF (Precisare prima il numero previsto e quello effettivamente in servizio)  
Direttore (nome e anno da cui è in servizio nell’istituto) Dr.ssa Stefania Mussio, in struttura da giugno 2015
Vicedirettori (numero) Nessuno
Polizia penitenziaria   Numero previsto dalla pianta organica: 30 - Assegnati: 23 - Distaccati: 3 - Effettivamente in struttura: 20
Comandante  Presente 2 giorni a settimana distaccato dal carcere di Bergamo
Educatori Numero previsto dalla pianta organica: 2 - Assegnati: 2 - Effettivamente in servizio: 1
Cappellano e ministri di culto  Il cappellano garantisce una presenza quotidiana e celebra la messa al sabato. Non accedono ministri di culto di altre religioni ma pare non vi siano mai state specifiche richieste in questo senso da parte della popolazione detenuta.
Volontari  Nessun volontario art.78. 2 volontari prestano servizio in palestra con corsi di ginnastica, 3 operano in biblioteca, 1 volontario tiene un corso di impiantistica elettrica e 2 corsi di educazione civica. A breve dovrebbe aggiungersi un volontario per un corso di pasticceria.
EVENTI CRITICI (riferiti ai casi avvenuti nell'anno precedente)  
Autolesionismo 2 atti di autolesionismo nel 2014, da allora non si registra nessun ulteriore atto di autolesionismo
Suicidi  nessuno (dal 2014 ad oggi)
Esiste un “Protocollo di prevenzione del rischio suicidario in Istituto” così come richiesto dall’OMS e dal Dap? I nuovi giunti vengono sottoposti a visita medica, ad un colloquio con l'educatrice e con lo psicologo e, se necessario, con lo psichiatra.
Evasioni  nessuna (dal 2014 ad oggi)
Scioperi della fame nessuno (dal 2014 ad oggi)
Rivolte nessuna (dal 2014 ad oggi)
SANITÀ   
Adeguatezza delle strutture e delle attrezzature, del servizio e dell’assistenza  La maggiorparte delle prestazioni vengono erogate in convenzione con l'Azienda Ospedaliera di Valtellina e Valchiavenna Sondrio. 
Numero medici  Lo staff consiste in 2 medici, 2 infermieri professionali e 3 specialisti (che accedono in media 1 gg a settimana a testa): trattasi di figure tutte NON dipendenti ma in convenzione. Il Responsabile area sanitaria é presente in struttura tutte le mattine, é poi presente un medico di guardia dalle 19 alle 23 (inviato dall'Ospedale). Rari gli interventi del 118 in istituto.
Responsabile area sanitaria  Dr. Alì  Hazaymeh, da oltre 10 anni
Principali prestazioni sanitarie garantite all’interno dell’istituto  Non vengono segnalate particolari criticità, la convenzione con l'Azienda Ospedaliera di Valtellina e Valchiavenna Sondrio pare essere efficace.  
Cartella clinica informatizzata  Non ancora introdotta
Situazione tossicodipendenze  (percentuale di detenuti  24 detenuti tossicodipendenti (60%), 4 dei quali in terapia metadonica. Proficua la colaborazione con il Sert.
Situazione patologie psichiatriche  Non si rilevano problematiche particolari anche perché eventuali casi critici vengono prontamente trasferiti in istituti maggiormente attrezzati (é successo con 1 detenuto nell'ultimo anno). Pochi detenuti tossicodipendenti assumono psicofarmaci.
Situazione detenuti disabili   Nessuno
LAVORO  
Numero di lavoranti al momento della visita 10
Lavori interni  8
Lavori esterni  7 (dei quali 2 sono dipendenti da ditte esterne, una cooperativa ed una ditta)
Numero di ore retribuite sul totale del lavoro prestato. Tutte
Budget annuale per mercedi. 43.000 euro lordi (annualità 2015)
Presenza di iniziative per il reinserimento lavorativo per i dimittendi. Nessuna. E' tuttavia in progetto l'allestimento di un pastificio in un locale tramite una cooperativa esterna, nel quale potrebbero lavorare alcuni detenuti in art. 21
FORMAZIONE PROFESSIONALE  
Numero e tipologia di corsi e numero di partecipanti ad ogni corso   Nessun corso di formazione professionale al momento
ISTRUZIONE  
Numero di corsi divisi per livello  Tramite il CPA di Morbegno é erogato un corso di alfabetizzazione per stranieri per 3 giorni a settimana
Media frequentanti per livello di scuola 6-7 detenuti (corso di alfabetizzazione)
QUOTIDIANITA’ DETENTIVA E “SORVEGLIANZA DINAMICA”  
Regime detentivo sezione per sezione  La sezione è aperta dalle 9 alle 21.
Ore trascorse fuori dalla sezione detentiva  La sezione è aperta dalle 9 alle 21.
Spazi di socialità all’interno della sezione  E' presente una bella biblioteca (utilizzata anche come "cineforum"), un'aula scolastica, una splendida cappella, un locale destinato occasionalmente a spazio di culto per detenuti non cattolici.
E’ prevista una sala mensa/refettorio dove consumare i pasti in comune. No
Opinioni degli operatori circa l’applicazione della “sorveglianza dinamica” La sala regia é installata in portineria, gli operatori di polizia penitenziaria forniscono una opinione positiva circa l’applicazione della “sorveglianza dinamica”.
CONTATTI CON L’ESTERNO  
Colloqui: orari e giorni (Specificare se sono previsti nel fine settimana e nel pomeriggio. Su prenotazione o no?) Sono prevsiti 2 colloqui a settimana oltre ad una domenica al mese. La sala colloqui é molto piccola. Una peculiarità positiva é l'ammissione degli animali ai colloqui.
Stima dei tempi accesso al colloquio (quanto tempo intercorre tra la richiesta e l’effettivo colloquio?).  Tempi velocissimi visto il numero ristretto di detenuti.
Telefonate. È previsto l’uso della scheda telefonica? E’ previsto il servizio di colloqui a distanza via Skype o simili? È previsto l’uso della scheda telefonica. Sono ammesse 2 telefonate a settimana di 10 minuti l'una, eventuali concessioni straordinarie vengono autorizzate dal Direttore ed accordate a detenuti che non ricevono visite o le ricevono molto raramente (es. stranieri senza riferimenti sul territorio, per i quali la Direzione segnala la diffusa difficoltà per la verifica tramite i consolati della reale identità della persona chiamata dal detenuto). Non é previsto il servizio di colloqui a distanza via Skype o simili.
Internet. (E' prevista una qualche forma di accesso al web per i detenuti?Se sì, chi sono i beneficiari e con quali limiti?) Non é presente internet
Data della visita: 10 giugno 2016

 Stampa    Email

Se hai informazioni da inviarci o richieste puoi registrarti al sito e compilare il form.
Registrati e torna su questa pagina. Grazie.