Statistiche UNHCR sull’asilo: nel 2006 iracheni gruppo più numeroso di richiedenti, unhcr.it, 23/03/07

Statistiche UNHCR sull’asilo: nel 2006 iracheni gruppo più numeroso di richiedenti

Continua a diminuire il numero complessivo di domande. In Italia leggero aumento

In base a statistiche, ancora provvisorie, compilate dall’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) sulla base di informazioni fornite dai Governi, nel 2006 i cittadini iracheni sono stati il gruppo più numeroso di richiedenti asilo nei paesi industrializzati presi in esame dal rapporto, mentre per il quinto anno consecutivo è diminuito il numero complessivo di domande d’asilo presentate negli stessi paesi.

In particolare, durante lo scorso anno il numero di domande d’asilo presentato nei paesi industrializzati da cittadini iracheni è cresciuto del 77 per cento, passando dalle 12.500 del 2005 alle 22.200 del 2006. In precedenza, l’Iraq era stato il principale paese d’origine di richiedenti asilo nei paesi industrializzati anche nel 2002, prima della caduta del precedente regime.

Nel corso del 2006, l’aumento è stato particolarmente significativo nell’ultimo trimestre, quando ben 8.100 iracheni hanno inoltrato una richiesta d’asilo in uno dei 36 paesi che forniscono statistiche all’UNHCR su base mensile, come conseguenza della crescente violenza settaria in Iraq.

Nonostante il numero di richiedenti asilo iracheni sia aumentato nella maggior parte dei paesi più industrializzati, le cifre del 2006 sono ben al di sotto del picco di 50mila domande presentate da cittadini iracheni nel 2002 nei paesi europei e negli altri paesi industrializzati.

La maggior parte di domande presentate da iracheni nel 2006 è stata inoltrata in Svezia (9mila domande), seguita da Paesi Bassi (2.800), Germania (2.100) e Grecia (1.400).

Attualmente circa 2 milioni di iracheni si trovano fuori del proprio paese devastato dal conflitto, soprattutto nei paesi limitrofi come Siria (1 milione) e Giordania (750mila), che non sono tuttavia incluse nel rapporto. L’UNHCR, che lo scorso gennaio ha lanciato un appello per 60 milioni di dollari necessari a finanziare le proprie attività in Iraq nel 2007, ha convocato per i prossimi 17 e 18 aprile a Ginevra una conferenza internazionale incentrata sulle necessità umanitarie delle persone in fuga dal conflitto.

Il netto aumento delle domande d’asilo presentate da cittadini iracheni risulta ancora più significativo se confrontato con la generale tendenza alla diminuzione del numero totale di domande nei paesi industrializzati. Nei 50 paesi considerati dal rapporto, lo scorso anno sono state inoltrate complessivamente 300mila domande, il 10 per cento in meno del 2005. Nel continente europeo, così come nei 25 paesi che lo scorso anno componevano l’Unione Europea, il numero di domande d’asilo è stato il più basso degli ultimi 20 anni. Durante gli ultimi 5 anni, il numero di domande d’asilo nei paesi industrializzati si è più che dimezzato.

In base al rapporto dell’UNHCR, la diminuzione del numero di richieste d’asilo può essere attribuita al miglioramento delle condizioni in alcuni dei principali paesi d’origine di richiedenti asilo, ma anche l’introduzione di politiche restrittive in molti paesi industrializzati può avere scoraggiato i richiedenti dal fare domanda. L’UNHCR ha ripetutamente espresso la preoccupazione che la spinta a tenere il numero di domande d’asilo più basso possibile potrebbe avere la conseguenza che ad alcuni rifugiati venga negata la protezione di cui hanno bisogno.

Dopo l’Iraq, con 22.200 domande, i principali paesi d’origine dei richiedenti asilo nel 2006 sono stati Cina (18.300 domande), Federazione Russa (15.700), Serbia e Montenegro (15.600) e Turchia (8.700). Per Serbia e Montenegro non sono ancora disponibili statistiche separate. Oltre agli iracheni, altri gruppi nazionali che hanno registrato un aumento significativo del numero di domande sono stati richiedenti asilo provenienti da Libano (66 per cento), Eritrea (59 per cento) e Bangladesh (42 per cento).

Al primo posto tra i paesi che hanno ricevuto il maggior numero di domande d’asilo nel 2006 si trovano gli Stati Uniti, che nel 2004 e 2005 erano al secondo posto. La Francia, prima nel 2005, ha invece fatto registrare una netta diminuzione del 39 per cento.

Le 51mila domande d’asilo presentate nel 2006 negli Stati Uniti costituiscono il 17 per cento del totale delle domande inoltrate complessivamente nei paesi industrializzati. Tuttavia, confrontando il numero di domande d‘asilo ricevute con la popolazione nazionale, negli Stati Uniti si è avuta solo una domanda d’asilo ogni mille abitanti, mentre la media dell’unione Europea è di 3,2 domande ogni mille abitanti.

Dopo Stati Uniti e Francia, i paesi che nel 2006 hanno ricevuto il maggior numero di domande d’asilo sono Regno Unito, Svezia, Canada, Germania, Paesi Bassi, Austria, Grecia e Belgio. In Italia lo scorso anno sono state presentate oltre 10mila domande d’asilo, circa il 10 per cento in più delle 9.350 del 2005. Il maggior numero di domande d’asilo in Italia è stato presentato da cittadini eritrei (circa il 20 per cento), seguiti da nigeriani (8 per cento) e togolesi (6 per cento).

Il rapporto Asylum levels and Trends in Industrialised Countries 2006 è stato redatto dalla Field Information and Coordination Support Section dell’UNHCR ed è disponibile sul sito internazionale dell’UNHCR.
Iscriviti alla newsletter
Acconsento al trattamento dei miei dati personali

Emergenza coronavirus

Scopri cosa stiamo facendo e come possiamo aiutarti

Pagina Coronavirus

BANNER rapporti precedenti

Dona il 5x1000
AntigoneCinquePerMille

Sostieni Antigone
con una donazione