Scompare barcone di immigrati. A bordo 57 persone, di cui 6 bambini, La Repubblica, 24/05/07

Lunedì l'ultimo contatto. I passeggeri fotografati da un aereo da ricognizione
a 80 miglia dalla costa maltese. Appello dell'Onu per proseguire le ricerche

Scompare barcone di immigrati. A bordo 57 persone, di cui 6 bambini

di GIOVANNI MARIA BELLU

ROMA - Dal pomeriggio di lunedì si è perso ogni contatto con una barca di dieci metri partita dalla Libia con un carico di 57 cittadini eritrei. Un appello a proseguire nelle ricerche, lanciato ieri mattina da Laura Boldrini, portavoce dell'ufficio dell'Onu per i rifugiati (Unhcr), non ha ancora avuto risposta. Tutto fa pensare all'ennesima tragedia dell'immigrazione nel Mediterraneo.

Eppure lunedì mattina, alle 9,30, i passeggeri avevano visto un aereo maltese volteggiare sulle loro teste e avevano creduto di essere in salvo. In quel momento, uno di loro stava parlando con Lepeten, una donna eritrea residente a Bologna. Le ha detto di quel piccolo aereo che da un paio d'ore passava e ripassava. Ha aggiunto che dalla barca avevano già fatto, col telefono satellitare, molte chiamate per chiedere aiuto. E per fortuna l'aiuto era arrivato.

In realtà l'aereo partito da Malta stava svolgendo una ricognizione e non era idoneo a un intervento di salvataggio. Il pilota ha segnato le coordinate, ha scattato foto, ed è tornato alla base. Sulla barca la situazione è diventata sempre più difficile. Entrava acqua. E le telefonate continuavano. Con Bologna, con Bergamo, con l'Inghilterra. Appelli disperati, ma precisi, indicando il numero esatto dei passeggeri: non 53 come dicevamo i maltesi, ma 57. Un errore determinato dal fatto che oltre agli uomini (28) e alle donne (23) c'erano anche sei bambini piccoli, così piccoli che quasi tutti erano sfuggiti al conteggio.

Tra le 14,30 e le 15 di lunedì le comunicazioni tra i passeggeri della barca e i connazionali residenti in Europa si sono interrotte. Verso le 16, l'aereo ricognitore maltese è tornato nella zona e non ha trovato nulla. Poco dopo, quello stesso punto mare (a una ottantina di miglia a sud di Malta) è stato raggiunto, all'ora programmata, le 18 della sera, da una motovedetta. La barca non c'era più e il mare era molto mosso. Lo era già quando i passeggeri hanno chiesto soccorso.

Inoltre il motore era rotto e lo scafista stava male, vomitava, non era nelle condizioni fisiche per governare la barca che il vento trascinava verso sud. Ma è difficilissimo che abbia raggiunto la terra. Le fotografie scattate dall'aereo mostrano i passeggeri, molto probabilmente nelle ultime ore di vita, che indossano i salvagenti e armeggiano con delle taniche. Si distingue anche, in braccio alla madre, un bambino di pochi mesi.
Iscriviti alla newsletter
Acconsento al trattamento dei miei dati personali

Emergenza coronavirus

Scopri cosa stiamo facendo e come possiamo aiutarti

Pagina Coronavirus

BANNER rapporti precedenti

Dona il 5x1000
AntigoneCinquePerMille

Sostieni Antigone
con una donazione