web

statistics
Italia inadempiente su tratta e asilo, stranierinitalia.it, 06/07/07

Italia inadempiente su tratta e asilo, stranierinitalia.it, 06/07/07

Commissione europea
Italia inadempiente su tratta e asilo
In stato avanzato le procedure di infrazione per il mancato recepimento di due direttive. Frattini: "Pronti a rivolgerci alla Corte di Giustizia"

BRUXELLES - L'Italia rischia di finire di fronte alla Corte di Giustizia per non aver recepito due direttive europee sulla tratta degli esseri umani e sull' asilo politico.

La direttiva sulla tratta (2004/81) vuole colpire i trafficanti e proteggere i diritti delle loro vittime. In particolare, stabilisce chiaramente i criteri per concedere un permesso di soggiorno a chi denuncia i suoi aguzzini e collabora con le autorità.

Quella sull'asilo (2004/83) definisce invece i criteri comuni per identificare chi può accedere allo status di rifugiato e un livello minimo di diritti e benefici (permesso di soggiorno, accesso a lavoro e istruzione, assistenza sociale e sanitaria ecc.) , e armonizza la "protezione sussidiaria" per chi, pur non avendo diritto all'asilo, corre comunque dei pericoli gravi in patria.

La Commissione europea ha reso che la procedura di infrazione è in stato avanzato. Le direttive andavano recepite rispettivamente entro agosto e ottobre 2006, ma l'Italia non si è adeguata nonostante la messa in mora. Alla fine di giugno si è passati quindi alla fase due, con l'invio di pareri motivati da parte della Commissione, che sollecita i ritardatari a mettersi in regola entro due mesi.

Siamo, comunque, in buona compagnia. Anche Germania, Spagna, Francia, Cipro, Lettonia, Lussemburgo, Malta e Portogallo non hanno recepito al direttiva sulla tratta, e per quanto riguarda quella sull'asilo mancano all'appello Germania, Grecia, Spagna, Cipro, Lettonia, Ungheria, Malta, Olanda, Austria, Polonia, Portogallo, Finlandia, Svezia e Gran Bretagna.

"Sull'immigrazione dobbiamo lavorare insieme per un approccio comune. Monitorare il recepimento completo e tempestivo delle direttive è una delle priorità della Commissione" ha detto il vicepresidente Franco Frattini, spiegando che l'esecutivo Ue perseguirà gli stati inadempienti "indipendentemente da quanti sono". "Se necessario - ha minacciato Frattini- porteremo questi casi di fronte alle Corte di Giustizia europea".

 

EP

Iscriviti alla newsletter
Acconsento al trattamento dei miei dati personali

Il carcere visto da dentro

Dona il 5x1000
AntigoneCinquePerMille

Sostieni Antigone
con una donazione