Immigrazione e asilo. Approvati in consiglio dei ministri quattro schemi di decreti legislativi, Ministero dell'Interno, 27/07/07

Immigrazione e asilo. Approvati in consiglio dei ministri quattro schemi di decreti legislativi

Amato: ci adeguiamo alle regole minime previste dalla Ue

Nuove procedure per il riconoscimento dello status di rifugiato o di persona bisognosa di protezione: ricorsi al giudice e norme anti-abusi. Semplificato l’ingresso in Italia di studenti e ricercatori extracomunitari

Quattro schemi di decreti legislativi sono stati approvati questa mattina dal Consiglio dei Ministri, in attuazione di direttive comunitarie. Lo ha annunciato il ministro dell'Interno Amato nel corso di una conferenza stampa a Palazzo Chigi, al termine della riunione dell’esecutivo.
In questo modo, ha spiegato Amato presentando i provvedimenti, “ci adeguiamo alle regole minime previste dell'Ue e non precludiamo al Parlamento la possibilità di attuare norme ulteriori”.

Nel corso della conferenza stampa, il ministro ha ricordato la presenza in Italia dei rifugiati: circa 8 mila, ai quali si aggiungono 7 mila titolari di permesso umanitario, i cosiddetti “protetti”. Il ministro ha voluto precisare che i provvedimenti approvati non aumenteranno questi numeri che in media restano tali, nonostante “ogni tanto ci sia qualche ondata, come l'anno scorso, con 800 richieste”.
Gli schemi dei disegni di legge approvati, ha spiegato Amato, rendono chiaro che la Commissione nazionale per il diritto di asilo e le commissioni territoriali “non dipendono dal ministero dell'Interno, ma ricevono da esso solo supporto logistico”. “Io – ha precisato Amato - non posso intervenire con indirizzi operativi”.

Inoltre, ha aggiunto, “le garanzie procedurali per il richiedente asilo sono molto ben precisate. Se viene respinta la domanda, poi, il richiedente può fare ricorso al giudice ottenenendo la sospensiva dell’esecuzione del provvedimento. Ma ci sono norme ad hoc per evitare gli abusi. Il criminale da espellere che volesse sfruttare il ricorso solo per restare in Italia trova infatti clausole specifiche anti-abusi”. E’ importante anche che il tribunale dovrà prendere la sua decisione entro tre mesi.

Il ministro ha ricordato poi che le nuove norme sono regole minime in linea con l’Europa e che in futuro queste potranno sempre essere adeguate dal Parlamento: “E’ un fatto di civiltà - ha sottolineato il ministro - visto che viviamo in un paese la cui Costituzione all'articolo 10 riconosce l'asilo come uno dei diritti fondamentali della persona”.

ASILO

Schema di decreto legislativo di attuazione della direttiva 2005/85/CE del Consiglio del 1 dicembre 2005, recante norme minime per le procedure applicate negli Stati membri ai fini del riconoscimento e della revoca dello status di rifugiato

Schema di decreto legislativo recante attuazione della direttiva 2004/83/CE del Consiglio del 29 aprile 2004 recante norme minime sull’attribuzione, a cittadini di Paesi terzi o apolidi, della qualifica di rifugiato o di persona altrimenti bisognosa di protezione internazionale, nonché norme minime sul contenuto della protezione riconosciuta.

Il Consiglio dei ministri ha semplificato, inoltre, l'iter per l'ingresso in Italia dei cittadini di Paesi terzi ai fini della ricerca scientifica, per motivi di studio, scambio di alunni, tirocinio non retribuito e volontario. Anche questi decreti danno attuazione ad altrettante direttive europee.
“Finalmente - ha spiegato Amato con soddisfazione - realizziamo un sistema che, attraverso l'accreditamento delle istituzioni universitarie e scolastiche presso le quali gli stranieri studieranno, determina procedure accelerate per l'ingresso di studenti e ricercatori stranieri”.
Tale mobilità, ha dichiarato il ministro, è cruciale, “uno dei pilastri della Strategia di Lisbona”.

IMMIGRAZIONE

Schema di decreto legislativo in attuazione della direttiva 2005/71/CE, del 18 novembre 2003, relativa a una procedura specificamente concepita per l’ammissione di cittadini di Paesi terzi a fini di ricerca scientifica.

Schema di decreto legislativo di attuazione della direttiva 2004/114/CE relativa alle condizioni di ammissione dei cittadini di Paesi terzi per motivi di studio, scambio di alunni e tirocinio non retribuito o volontariato.

Iscriviti alla newsletter
Acconsento al trattamento dei miei dati personali

Emergenza coronavirus

Scopri cosa stiamo facendo e come possiamo aiutarti

Pagina Coronavirus

BANNER rapporti precedenti

Dona il 5x1000
AntigoneCinquePerMille

Sostieni Antigone
con una donazione