Cure gratuite anche a comunitarie non assicurate, Metropoli, 20/02/08

Salute

Cure gratuite anche a comunitarie non assicurate

di Valeria Pini
ROMA -Bulgare e romene che si trovano in Italia non dovranno più pagare per partorire o abortire negli ospedali italiani. Dopo le polemiche sulla circolare dell'agosto 2007 sulle cure per i neocomunitari, che ha spinto alcune Regioni a chiedere parcelle salate a molte pazienti comunitari, il ministero della Salute fa marcia indietro. In un comunicato fa sapere che anche chi è presente nel nostro paese senza assicurazione e non è iscritto al Servizio sanitario nazionale potrà ricevere "le prestazioni relative alla tutela della salute dei minori" e "alla tutela della maternità, all'interruzione volontaria di gravidanza, a parità di condizione con le donne assistite iscritte al Sistema sanitario nazionale". Inoltre verranno rivolte anche a loro le "campagne di vaccinazione, gli interventi di profilassi internazionale e la profilassi, diagnosi e cura delle malattie infettive".

Il problema era emerso in questi giorni, in seguito a un allarme lanciato dai ginecologi degli ospedali. Dal primo gennaio 2008 molte romene o bulgare, in Italia senza un regolare contratto di lavoro, si sono trovate di fronte a parcelle di 800 euro per un’interruzione di gravidanza e di 2.500 per un parto. Soldi che donne senza reddito avevano difficoltà a trovare, con il conseguente rischio di un aumento degli aborti clandestini. Ma in questi mesi la maggior parte delle Regioni, tranne Marche e Piemonte, hanno chiesto il rimborso degli interventi alle pazienti, applicando la circolare alla lettera.

Solo Marche e Piemonte hanno continuato a curare i neocomunitari fornendo loro il codice Eni ovvero europeo non in regola. Il metodo si avvicina al tesserino Stp (Straniero temporaneamente presente), un documento destinato agli immigrati irregolari e che romeni e bulgari potevano usare per curarsi nelle strutture ospedaliere fino al 2007.

Ora il ministero chiarisce che nelle prestazioni indifferibili e urgenti che fino a oggi ha assicurato anche ai neocomunitari non assicurati ci sono anche la tutela dei minori, quella della maternità e l’Ivg (Interruzione volontaria di gravidanza).
“Di tutte queste prestazioni dovrà essere tenuta, da parte delle Asl, una contabilità separata, da cui risulti l'identità del cittadino comunitario e le cure ricevute, di cui si terrà conto per l'azione di recupero e negoziazione nei confronti degli Stati competenti in sede comunitaria o diplomatica – si legge ancora nel comunicato - . Sono infatti in corso con le autorità sanitarie dei paesi neocomunitari trattative per una regolamentazione delle procedure e dei rapporti contabili relativi alla mobilità sanitaria internazionale”.

Il ministero chiede inoltre alle Regioni di assicurare alle aziende sanitarie ed ospedaliere un adeguato supporto per una omogenea e uniforme applicazione della normativa vigente al fine di assicurare una piena tutela del diritto alla salute. Va inoltre "ricordato che uno dei principi sanciti dai regolamenti comunitari di sicurezza sociale è quello della parità di trattamento - spiega ancora la nota - tra l'assistito di uno Stato che si trova in un altro Stato-membro con gli assistiti di questo ultimo".

Nei primi mesi del 2008 il problema della cura dei neocomunitari senza contratto di lavoro e in particolare quello dell’Ivg e della tutela della maternità era stato segnalato da varie Regioni e da associazioni come l’Asgi (Associazione per studi giuridici sull’immigrazione).

Solo qualche mese dopo si è infine deciso di garantire anche ai neocomunitari “le stesse condizioni di tutela della salute riservate agli iscritti al Servizio sanitario nazionale”.

 

La nota del ministero

Iscriviti alla newsletter
Acconsento al trattamento dei miei dati personali

Emergenza coronavirus

Scopri cosa stiamo facendo e come possiamo aiutarti

Pagina Coronavirus

BANNER rapporti precedenti

Dona il 5x1000
AntigoneCinquePerMille

Sostieni Antigone
con una donazione