Corte europea: possibili condizioni ai ricongiungimenti familiari

 Source : stranierinitalia.it

Corte europea: possibili condizioni ai ricongiungimenti familiari
No al ricorso del Parlamento europeo Invia questo articolo   Stampa questa pagina   Ingrandisci il testo   Diminuisci il testo

BRUXELLES - La Corte europea del Lussemburgo ha detto no al ricorso del Parlamento europeo contro una direttiva europea, adottata nel 2003, che consente deroghe per porre condizioni all'immigrazione di un ragazzo di più di 12 anni, nell'ambito del ricongiungimento familiare.

Il diritto al rispetto della vita familiare e la carta dei diritti fondamentali dell'Ue, secondo i giudici europei, "non creano il diritto soggettivo per i membri di una famiglia di essere ammessi nel territorio di uno Stato". Tuttavia, osserva la Corte, gli Stati membri sono tenuti nelle loro valutazioni a tenere in considerazione gli interessi superiori del minore.

Ma per i giudici europei, la scelta dell'età di 12 anni "non viola il principio di non discriminazione in merito all'età, trattandosi di uno stadio della vita in cui il ragazzo ha già vissuto per un periodo relativamente lungo in un paese terzo senza i membri della sua famiglia e un'integrazione in un altro ambiente è suscettibile di provocare delle difficoltà".

La Corte sottolinea inoltre che gli Stati membri possono riservare l'applicazione del ricongiungimento familiare a domande presentate prima che il figlio abbia compiuto i 15 anni di età senza che questo violi il diritto al rispetto della vita familiare e possono anche attendere due o tre anni a dare l'autorizzazione se questo permette di assicurare che il ricongiungimento familiare avviene in condizioni adeguate.

Iscriviti alla newsletter
Acconsento al trattamento dei miei dati personali

Emergenza coronavirus

Scopri cosa stiamo facendo e come possiamo aiutarti

Pagina Coronavirus

BANNER rapporti precedenti

Dona il 5x1000
AntigoneCinquePerMille

Sostieni Antigone
con una donazione