Fuga dei disperati dalla Birmania, 54 morti nel cassone di un camion, La Repubblica, 10/04/08

La tragedia scoperta in Thailandia dove i poveretti (molte donne) cercavano
di arrivare per trovare un lavoro. Un guasto all'impianto di areazione

Fuga dei disperati dalla Birmania, 54 morti nel cassone di un camion

BANGKOK - Tragedia della disperazione tra la Birmania e la Thailandia: 54 birmani, che erano riusciti ad attraversare illegalmente il confine, sono rimasti soffocati all'interno del frigorifero di un camion per il trasporto del pesce. Al viaggio, organizzato dai trafficanti di lavoratori, sono sopravvissuti 67 altri disperati, molti dei quali però sono stati ricoverati in ospedale, in stato di semi-incoscienza.

La tragedia, l'ultima in una serie di fatalità che hanno coinvolto birmani in fuga dalle precarie condizioni di vita nel loro Paese, uno dei più poveri del mondo, è accaduta nella provincia di Ranong, una zona al confine dove sono molte attive le bande di criminali dedite al contrabbando degli immigrati destinati al lavoro illegale in Thailandia.

La polizia ha spiegato che i clandestini, in gran parte donne, sono rimasti chiusi per ore all'interno del container, con l'aria che scarseggiava man mano che il tempio trascorreva, perchè il sistema di ventilazione aerea non funzionava per un guasto.

I birmani avevano pagato circa cinquemila bat a testa (più o meno 160 dollari) nella speranza di arrivare a Phuket, la località turistica distante circa 150 chilometri a sud di Ranong, dove lavorano illegalmente decine di migliaia di birmani in cerca di una vita migliore.

Iscriviti alla newsletter
Acconsento al trattamento dei miei dati personali

Emergenza coronavirus

Scopri cosa stiamo facendo e come possiamo aiutarti

Pagina Coronavirus

BANNER rapporti precedenti

Dona il 5x1000
AntigoneCinquePerMille

Sostieni Antigone
con una donazione