Libro bianco sulla Fini-Giovanardi: sempre di più i tossicodipendenti in carcere

HTML clipboard

Stamane a Trieste, a margine della Conferenza nazionale sulle droghe, il cartello di associazioni firmatarie del documento “A Trieste senza dogmi né pregiudizi” ha presentato un Libro Bianco sulla legge Fini-Giovanardi. Abbiamo chiesto al curatore, Alessio Scandurra, della associazione Antigone, che cosa è emerso da questa ricerca.

 

Alessio Scandurra, come mai questa iniziativa, e come mai proprio a Trieste?
La Conferenza nazionale sulle droghe sarà l’ennesima occasione di confronto mancata. Molti temi resteranno fuori dalla conferenza, così come molti interlocutori indispensabili, il tutto in violazione delle finalità che la legge stessa alla conferenza attribuisce. Per questi motivi organizziamo alcune iniziative esterne alla conferenza, tra cui quella di domani.

HTML clipboard

 

Quale è il quadro descritto dal Libro Bianco?
Si tratta di un quadro molto allarmante. Aumenta il numero delle sanzioni amministrative (dal 2004 addirittura +62,6%), ma aumentano anche le conseguenze sul carcere. Subito prima della approvazione dell’indulto i tossicodipendenti in carcere erano il 26,4% dei detenuti. Con l’indulto la percentuale è scesa notevolmente (21,4%), perché i tossicodipendenti sono spesso condannati per reati di modesta entità, e quindi molti sono usciti con l’indulto. Nonostante questo già alla fine del 2007 la percentuale di tossicodipendenti in carcere era risalita al 27,6%. Il numero dei detenuti, e dei tossicodipendenti in carcere, cresce dunque con una velocità mai vista prima. Il dato relativo al numero delle persone in carcere (anche) per spaccio resta invece stabile, ma impressionante. Alla metà del 2008 il 38,2% dei detenuti è ristretto per l’art. 73 del DPR 309/90 (NdR, che punisce produzione, traffico e detenzione illeciti di sostanze stupefacenti o psicotrope), e addirittura il 49,5% dei detenuti stranieri. L’impatto del reato di spaccio sul carcere è incomparabile rispetto a qualunque altro reato.

E come si caratterizza il flusso in ingresso nelle carceri italiane, soprattutto per quanto riguarda i tossicodipendenti?
I tassi di carcerizzazione di questo paese sono ormai fuori controllo e, bisogna ammetterlo, senza l’indulto avremmo tassi di sovraffollamento unici nel mondo industrializzato, paragonabili solo ad alcune (poche) situazioni della America Latina. Detto questo, rispetto a prima dell’indulto cresce notevolmente la percentuale di persone che quotidianamente entrano in carcere dalla libertà per violazione dell’art. 73 (+3,6%), ma soprattutto aumenta l’ingresso dei tossicodipendenti (+8,4%). E se si entra facilmente, non altrettanto facilmente poi si esce. Il numero delle misure alternative, a differenza di tutti gli altri dati presentati, uguali o superiori al pre-indulto, è ancora fermo ad un quinto rispetto alla metà del 2006.

Sono in vista soluzioni per contenere questa crescita della popolazione detenuta?
Al contrario! Rispetto a prima della approvazione dell’indulto cresce del 31,5% il numero di procedimenti pendenti per art. 73, e addirittura del 44,5% il numero degli imputati per lo stesso reato. La macchina della criminalizzazione è lanciata a pieno regime, e gli effetti che già si vedono sul sistema penitenziario, anche per i tossicodipendenti, sono destinati ad aggravarsi.

(13 marzo 2009)

Iscriviti alla newsletter
Acconsento al trattamento dei miei dati personali

Emergenza coronavirus

Scopri cosa stiamo facendo e come possiamo aiutarti

Pagina Coronavirus

BANNER rapporti precedenti

Dona il 5x1000
AntigoneCinquePerMille

Sostieni Antigone
con una donazione