"Per un'Europa dei diritti, della laicità e delle libertà" di Mauro Palma, Il manifesto, 06/05/2009

In Europa sinistra e libertà sono due parole che vanno d'accordo. In Europa destra e libertà sono una contraddizione. Da sempre il mio impegno, prima con Antigone, poi nelle istituzioni europee, è stato in difesa delle garanzie e dei diritti umani, troppo spesso trascurati e violati anche in Europa. Credo che la presenza, nel parlamento europeo, di una sinistra molto attenta alla difesa delle libertà e dei diritti sia fondamentale nella difficilissima fase politica che è iniziata dopo l'11 settembre del 2001. Per questo ho accettato la proposta di candidarmi nelle liste di Sinistra e libertà.
Giro l'Europa dagli Urali all'Atlantico da più di un decennio per ispezionare carceri, centri di detenzione per immigrati, caserme, posti di polizia e ospedali psichiatrici. Con il Comitato contro la tortura interveniamo in prima persona in 47 paesi, in ogni luogo ci sia il rischio di tortura e di trattamenti disumani e degradanti.

Era la metà degli anni '80 quando usciva come allegato del manifesto la rivista Antigone. Già allora la nostra era una critica profonda dell'emergenza. In quegli anni c'era l'emergenza terroristica. Noi contestavamo gli strappi continui allo stato costituzionale di diritto. Contestavamo gli eccessi di pena, gli arresti facili, la persecuzione dei reati di opinione.
Di emergenza in emergenza siamo all'oggi, con una destra che sotto lo slogan della sicurezza propone norme palesemente razziste e intrise di violenza istituzionale. In giro per l'Europa, proprio in questi giorni torno dalla Cecenia, si verifica costantemente come il sistema delle regole e dei diritti umani siano ormai a rischio. Il welfare occidentale sta tragicamente lasciando spazio a forme sempre più estese di controllo penale, fino al corpo stesso delle donne e degli uomini. L'Europa che invece vorremmo è quella dei diritti, della laicità e delle libertà, l'Europa del reddito garantito ai tempi della crisi. Perché i diritti sociali sono interdipendenti con quelli civili e politici.
L'Europa non riesce più a tradurre la propria storia e il proprio passato di pensiero e di cultura in un presente che parli il linguaggio universale dell'uguaglianza e della libertà. Timorosa per il declino delle ideologie che l'hanno attraversata, non sembra trovare valori e aspirazioni che superino un'unione economica sempre più effimera in tempi di crisi . Valori e modelli che possano costituire riferimenti profondi e duraturi per le nuove generazioni. È un'Europa ansiosa, lacerata da una crescente disuguaglianza delle chance di vita di chi la abita e dalla drastica restrizione dei processi di inclusione, dovuta al progressivo venire meno delle reti dei diritti sociali costruite nel corso del XX secolo. Un'Europa che sempre più spesso risponde ai suoi cittadini in termini di egoistica difesa, di «egoismo proprietario», e di richiesta, sempre crescente e dunque mai appagabile, di «sicurezza».
L'Europa vive due profonde contraddizioni. La prima, al proprio interno, dovuta alla crescita del divario tra coloro che «hanno» - reddito, lavoro, mezzi di conoscenza, disponibilità finanziarie, cittadinanza - e coloro che «non hanno». E' chi non ha nemmeno accesso a diritti, beni e servizi essenziali a costituire una fascia di povertà che progressivamente si amplia sempre di più. La seconda contraddizione nasce dall'essere un riferimento internazionale sempre più interrogato da uomini e donne dei paesi più poveri, e in maggiore espansione demografica, che chiedono integrazione e che impongono il confronto con altre culture. È questa Europa timorosa che dobbiamo cambiare per evitare una definitiva sottrazione di spazi di libertà sempre più necessari.

* Presidente del comitato europeo contro la tortura. Candidato indipendente per Sinistra e libertà nella circoscrizione Centro
Iscriviti alla newsletter
Acconsento al trattamento dei miei dati personali

Emergenza coronavirus

Scopri cosa stiamo facendo e come possiamo aiutarti

Pagina Coronavirus

BANNER rapporti precedenti

Dona il 5x1000
AntigoneCinquePerMille

Sostieni Antigone
con una donazione