Un poliziotto-garante a Roma? Finalmente una marcia indietro

 di Patrizio Gonnella

Il garante-poliziotto nominato dal sindaco di Roma Alemanno allo scopo di tutelare i diritti dei detenuti ha rinunciato “per ragioni personali e di incompatibilità con il ruolo ricoperto presso l'amministrazione penitenziaria”. Tali e tante erano state le critiche, le perplessità, gli stupori per aver affidato a un agente di polizia penitenziaria in servizio un incarico di protezione dei diritti delle persone private della libertà personale, che l’ispettore (mancato garante) e il Sindaco hanno dovuto fare marcia indietro.
Quella nomina era una provocazione politica e culturale. Un unicum al mondo. Il passo indietro, dovuto, è stato comunque importante. Tutti possono sbagliare.

Anche Alemanno, chi lo ha male consigliato o coloro i quali hanno inopinatamente plaudito a quella nomina la cui incompatibilità e stridore con il diritto e il buon senso erano evidenti e sotto gli occhi di tutti sin dall’inizio.

Roma ora ha la possibilità di scegliere bene, di affidarsi a figure sopra le parti, indipendenti e autorevoli. Figure capaci di dare grande prestigio e forza a una funzione, quella di garanzia dei diritti dei prigionieri, che oggi è di particolare centralità, visto il sovraffollamento intollerabile, viste le tragiche condizioni di vita interne alle carceri, viste le storie di brutalità dell’ultimo anno.

*Presidente della Associazione Antigone

Articolo pubblicato sul Manifesto il 10 novembre 2010

(10 novembre 2010)
Iscriviti alla newsletter
Acconsento al trattamento dei miei dati personali

Emergenza coronavirus

Scopri cosa stiamo facendo e come possiamo aiutarti

Pagina Coronavirus

BANNER rapporti precedenti

Dona il 5x1000
AntigoneCinquePerMille

Sostieni Antigone
con una donazione