Lazio: troppi detenuti e il 21 % aspetta il processo

Dalle mura storiche di Regina Coeli - 1.053 detenuti rispetto a una capienza prevista di 724 - alla struttura di Rieti che, aperta un anno fa, potrebbe ospitare 306 persone, ma invece ne custodisce appena 94. Senza dimenticare Latina: vi sarebbe posto per 86 detenuti, ma ci vivo no in 166. È un bilancio in chiaroscuro perle carceri del Lazio quello tracciato dall'associazione Antigone e dal gruppo regionale di Sinistra ecologia e Libertà. Al 30 novembre nelle carceri laziali erano 6.400 i detenuti - e tra loro2.502 sono stranieri - a fronte di una capienza regolamentare di 4.661. «Iltasso di sovraffollamento è del 137 per cento» dice Luigi Nieri, capogruppo di Sei alla Regione. A Rebibbia la situazione è complessa: 370 detenuti al penale, 1.653 al nuovo complesso (dove la capienza sarebbe di 1.194), 37 alla Terza casa, e 385 al femminile dove gli spazi sono previsti per 274 donne. E se i giovani sotto i 35 anni sono il 39 per cento della popolazione carceraria laziale, 44 sono gli ultrasettentenni. Dall'ali raparle, sono I7i bambini finoai Ire anni che vivono in carcere, 8 le donne incinte e 125 gli ergastolani: soltanto 7 di loro sono stranieri. Altro capitolo è quello dei detenuti in attesa di giudizio : il 21 per cento del totale non ha avuto nemmeno la sentenza di primo grado...continua
Iscriviti alla newsletter
Acconsento al trattamento dei miei dati personali

Emergenza coronavirus

Scopri cosa stiamo facendo e come possiamo aiutarti

Pagina Coronavirus

BANNER rapporti precedenti

Dona il 5x1000
AntigoneCinquePerMille

Sostieni Antigone
con una donazione