Le carceri più piccole chiudono per indulto, corriere della sera 13/11/06

Il rapporto di Antigone sulla situazione dei 208 istituti di pena italiani
 
Le carceri più piccole chiudono per indulto
Tutti fuori i detenuti. Nelle grandi città celle di nuovo pieneLe carenze: non ci sono docce né acqua calda. «Tre anni per le riforme»
 
ROMA - Piccole carceri senza più detenuti. Dopo l' indulto varato dal Parlamento sono decine gli istituti di pena rimasti letteralmente deserti: agenti penitenziari a guardare celle vuote. Il primato spetta alla Puglia, regione nella quale sono due le case circondariali «chiuse per indulto»: quella di San Severo (Foggia) e quella di Spinazzola (Bari). E anche in Sardegna, ormai, alcune colonie agricole e pastorali per reclusi sembrano destinate a chiudere i battenti: nell' alta Valle del Tirso, c' è la colonia di Lodè-Mamone (Nuoro) che attualmente ospita 19 detenuti mentre ad Is Arenas (la struttura nella quale ci sono i bungalow utilizzati in passato anche dal ministro Castelli per le sue vacanze al mare) sono i rimasti solo in 26 (dei 124 che erano presenti fino a luglio) ad allevare ovini, polli, cavalli e asini bianchi dell' Asinara. Il prosciugamento della popolazione carceraria ha agito a macchia leopardo. Fatte salve le grandi città, dove il turn over dei nuovi ingressi è molto alto, tant' è che a Roma Regina Coeli si è già tornati a livelli di guardia, l' effetto indulto ha messo in evidenza un problema di gestione delle piccole carceri: a chi giova e quanto costa tenere aperta una struttura con meno di dieci detenuti? Se lo sono chiesto, in Sicilia, i responsabili delle carceri di Castelvetrano (8 detenuti), Giarre (7) e Mistretta (8). Ma lo stesso problema è emerso anche a Locri (3), ad Altamura (2), a Sala Consilina (8), Ancona (9), a Grosseto (6), a Venezia-Sat (5). I dati dello spopolamento, scomposti secondo i flussi d' uscita di tutte e 208 le carceri italiane, emergono dal Rapporto dell' Osservatorio di Antigone che annualmente propone la più accurata delle radiografie sul sistema penitenziario italiano. E per il 2006, lo studio curato da Laura Astarita, Paola Bonatelli e Susanna Marietti conduce ad un' unica conclusione: quella dell' indulto è un' occasione unica per riportare le carceri italiane in una situazione di normalità e di legalità. «Bisogna innanzitutto creare le condizioni affinché venga attuato il regolamento carcerario del 2000», osserva il presidente di Antigone, Patrizio Gonnella, riferendosi al testo voluto dal direttore del Dap Alessandro Margara e poi varato durante la gestione di Gian Carlo Caselli. Così, mentre montano le polemiche sugli effetti indesiderati dell' indulto, che ha sgonfiato la popolazione carceraria da 61.246 a circa 39 mila presenze, Antigone dà all' amministrazione tre anni di tempo per fare le riforme necessarie: altrimenti tutto sarà come prima e un nuovo sovraffollamento, con un tasso previsto di crescita di 2.000 presenze in più ogni anno, renderà inutile ogni tentativo di cambiamento. Anche per questo Gonnella osserva che «l' amnistia è a questo punto un atto necessario perché sarebbe controproducente impegnare la magistratura in procedimenti che non avranno alcun esito essendo la pena già condonata». Con o senza amnistia, l' indulto rappresenta comunque una occasione unica per effettuare i lavori straordinari di manutenzione alle carceri italiane. In molto casi, gli interventi sono di carattere strutturale e si possono eseguire solo liberando le sezioni dai detenuti. Sei anni dopo il varo del Regolamento Margara, l' 89% dei detenuti non ha la doccia in cella, il 69% non dispone di acqua calda. Sei detenute su 10 non possono utilizzare il bidet. E quasi il 13% ancora dorme nelle brande accanto al bagno senza parete di separazione. E poi c' è la luce: il 18% dei reclusi deve tenerla sempre accesa, mentre uno su tre non ha l' interruttore nella cella. Ma tutti gli esperti del settore ripetono che non c' è cambiamento possibile in carcere senza una riforma del codice penale che ridisegni la geografia dei reati e delle pene. Osserva infatti Mauro Palma, presidente onorario di Antigone: «Su questi punti c' è lo spazio temporale per intervenire e occorre farlo con urgenza. Tenendo ancora una volta uniti il problema penale e quello penitenziario perché non si riforma l' uno senza aver ben chiaro un progetto per l' altro». * * * La riduzione 1 I detenuti presenti nelle carceri italiane sono 38.848. Il dato è al 31 agosto 2006. Tra questi, 1.818 donne. Solo tre mesi prima, il primo giugno scorso, i carcerati che affollavano i penitenziari italiani erano 61.246 * * * Gli arresti 3 Tra il 1° agosto al 1° settembre sono entrate in carcere 6.337 persone. Rispetto allo stesso periodo del 2005 gli arrestati che hanno fatto ingresso in carcere sono 600 in meno * * * Il ritorno 2 Sono 1407 i detenuti scarcerati grazie all' indulto che sono tornati in carcere per aver commesso un altro reato. Il dato è al 31 Ottobre. Gli stranieri sono oltre 500, in parte arrestati per non aver lasciato l' Italia
 
Martirano Dino
Iscriviti alla newsletter
Acconsento al trattamento dei miei dati personali

Emergenza coronavirus

Scopri cosa stiamo facendo e come possiamo aiutarti

Pagina Coronavirus

BANNER rapporti precedenti

Dona il 5x1000
AntigoneCinquePerMille

Sostieni Antigone
con una donazione