Nel 2015 ci saranno 252mila immigrati pensionati, 04/12/06

La ricerca
Nel 2015 ci saranno 252mila immigrati pensionati
Le stime Inps-Caritas: per la maggior parte di loro non ci sono prospettive di ampio benessere
Invia questo articolo   Stampa questa pagina   Ingrandisci il testo   Diminuisci il testo

ROMA - Per gli immigrati che lavorano in Italia la pensione su cui possono realisticamente contare, sia oggi che nel futuro, è quella integrata al minimo, ossia 500 euro. Per i beneficiari di queste pensioni, non ci sono perciò prospettive di ampio benessere.

Lo afferma una ricerca realizzata dall'Inps e dalla Caritas-Migrantes sul pensionamento degli immigrati.

Attualmente gli immigrati in pensione sono 100 mila ma si stima che nel 2015 saranno 252 mila. Ora, tra gli italiani vi è un pensionato ogni 5 mentre tra gli immigrati, sempre fra 9 anni, si prevede un pensionato ogni 24. Nel periodo 2006-2015, il flusso più consistente di pensionati immigrati, comunitari e non, riguarderà la Lombardia (32 mila); segue Lazio (25 mila), Emilia Romagna (14 mila), Piemonte (10 mila), Campania (9 mila), Sicilia (5 mila). E poi 4 mila in Liguria, Friuli Venezia Giulia e Marche; 3 mila in Trentino Alto Adige e Puglia; 2 mila in Abruzzo e Calabria; mille in Sardegna. Molise e Basilicata sotto i mille.

Le aree che prevalgono sono il Nord Ovest (47 mila) e il centro (44 mila); il nord-est al terzo posto (36 mila), seguono il sud (18 mila) e le isole (6 mila). Al nord spetta il 55% dei pensionati immigrati e al Centro il 29%. Rispetto alle retribuzioni, "gli immigrati - sottolinea l'indagine - sembrano destinati ad ingrossare le fila dei poveri e questo perché le loro pensioni il più delle volte saranno integrate al trattamento minimo, 500 euro al mese".

Iscriviti alla newsletter
Acconsento al trattamento dei miei dati personali

Emergenza coronavirus

Scopri cosa stiamo facendo e come possiamo aiutarti

Pagina Coronavirus

BANNER rapporti precedenti

Dona il 5x1000
AntigoneCinquePerMille

Sostieni Antigone
con una donazione