Contro la tratta: nasce il coordinamento nazionale degli enti locali, asgi.it, 18/12/06

Contro la tratta: nasce il coordinamento nazionale degli enti locali

La Commissione Pari opportunità dell’ANCI ha deciso di costituire un Coordinamento nazionale degli enti locali contro la tratta.

Il Coordinamento, presieduto dalla delegata alle Pari Opportunità e Presidente di ANCI Piemonte, il sindaco di Rivalta di Torino Amalia Neirotti, si e' riunito per la prima volta giovedi 14 dicembre 2006.
Obiettivo dell'iniziativa e' la valorizzazione e il sostegno verso il ruolo giocato dagli enti locali nel sostenere le persone vittime di tratta a uscire dalla condizione di sfruttamento, a partire dalla gestione dei Programmi di protezione c.d. “articolo 18”.

Secondo i dati del Dipartimento Diritti e Pari opportunità della Presidenza del Consiglio sono state 45mila le persone sostenute ad uscire dalla condizione di sfruttamento dal 2000 al 2006, grazie ad una rete di 450 progetti sull’intero territorio e da azioni di sistema di rilievo nazionale, a partire dal Numero Verde Antitratta, che hanno visto l’ampio e partecipato coinvolgimento dei territori. Alla luce di questi dati, i Programmi rappresentano uno strumento di protezione fondamentale, istituito dal Testo Unico Immigrazione, poiché permettono alle vittime di tratta di accedere a un permesso di soggiorno a titolo umanitario e di inserirsi in progetti per l’integrazione lavorativa, linguistica e sociale. Il Coordinamento ha voluto esprimere il suo apprezzamento per l’iniziativa, definendo le priorità degli enti locali da portare all’attenzione del Governo, a partire dall’indispensabile incremento delle risorse disponibili e la semplificazione delle procedure di bando. Il Coordinamento ha visto l’attiva partecipazione di rappresentanti di Comuni, Province e Regioni, che hanno condiviso l’esigenza di lavorare insieme per la definizione di una strategia comune. “La tratta a scopo di sfruttamento è un crimine odioso, al quale l’Italia ha voluto e saputo rispondere con strumenti concreti, la cui innovatività ed efficacia sono riconosciute a livello internazionale”, ha dichiarato la Presidente Neirotti. “Tuttavia le Autonomie richiedono, a questo punto, un salto di qualità, che comporti la conclusione di questa lunga fase di sperimentazione e l’avvio di un vero e proprio Sistema nazionale che metta in condizione l’Amministrazione centrale, le Regioni, le Province, i Comuni e le Associazioni di tutela di lavorare insieme, condividendo obiettivi e strategie, ciascuno secondo il suo ruolo. Tanto più in un momento come questo”, ha concluso Neirotti “in cui cresce la complessità di un fenomeno che si va estendendo fino a comprendere tutte le più drammatiche forme di sfruttamento, da quello lavorativo, a quello delle economie illegali e dell’accattonaggio, fino ai più devastanti casi di traffico di organi”. La prossima riunione è convocata per il 1 febbraio 2007.

Fonte : ANCI
Iscriviti alla newsletter
Acconsento al trattamento dei miei dati personali

Emergenza coronavirus

Scopri cosa stiamo facendo e come possiamo aiutarti

Pagina Coronavirus

BANNER rapporti precedenti

Dona il 5x1000
AntigoneCinquePerMille

Sostieni Antigone
con una donazione