Mega-sbarco natalizio, Il Manifesto, 20/12/06

Sicilia
Mega-sbarco natalizio
Licata (Agrigento)
Sono arrivati tutti sani e salvi, sbarcati nella notte sul litorale di Licata, nell'agrigentino, con l'aiuto di varie motovedette della guardia costiera che l'avevano avvistati nel pomeriggio di lunedì a più di 18 miglia dalla costa siciliana. In tutto sono 648, di cui 21 donne e 7 bambini, e hanno attraversato il canale di Sicilia, partiti probabilmente il giorno prima dalla Libia, con una barca lunga non più di trenta metri.
E' l'ultimo megasbarco registrato negli ultimi mesi, ma non è il più grande in assoluto avvenuto in Sicilia negli ultimi anni, come si sono invece affannati a sostenere alcuni esponenti del centrodestra addossandone le colpe alle presunte «politiche colabrodo» del governo Prodi sull'immigrazione.
A colpire è semmai l'insolito periodo in cui l'eccezionale sbarco è avvenuto - anche se non va dimenticato che la più grave tragedia dell'immigrazione in Italia è avvenuta alla vigilia del Natale del '96 nelle acque di Portopalo dove morirono quasi trecento persone.
Solitamente però i «viaggi della speranza» avvengono in estate, e il fatto che in oltre seicento si siano avventurati per le acque gelide del Mediterraneo - per di più stipati come sardine su una carretta che dio solo sa come sia potuta arrivare integra a destinazione - lascia aperti tutti i dubbi del caso sulla reale efficacia dei cosiddetti accordi anti-sbarco che ripetutamente vengono siglati dai governi italiani e quello libico.
Gran parte degli immigrati, che hanno dichiarato di essere di nazionalità egiziana, nella giornata di ieri sono stati trasferiti con un ponte aereo nel centro di permanenza temporanea di Crotone, in Calabria. Circa duecento sono invece rimasti in Sicilia, accompagnati nel Cpt più vicino a Licata, quello di Pian del Lago a Caltanissetta, in attesa di essere identificati per poi essere - con ogni probabilità - rimpatriati o rilasciati con foglio di via.

Iscriviti alla newsletter
Acconsento al trattamento dei miei dati personali

Emergenza coronavirus

Scopri cosa stiamo facendo e come possiamo aiutarti

Pagina Coronavirus

BANNER rapporti precedenti

Dona il 5x1000
AntigoneCinquePerMille

Sostieni Antigone
con una donazione