I "nuovi cittadini" al Quirinale, Ministero dell'Interno, 12/02/07

I "nuovi cittadini" al Quirinale
Il Presidente della Repubblica Napolitano ed il Ministro dell'Interno Amato hanno incontrato 50 'nuovi italiani' e le loro famiglie

Cinquanta donne e uomini entrati a pieno titolo come cittadini nella comunità nazionale hanno partecipato al Quirinale, con le loro famiglie, a un incontro con il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, presente il Ministro dell'Interno Giuliano Amato.

L'incontro, avvenuto nel Salone degli Specchi del Palazzo, ha riunito i "nuovi cittadini", espressione delle comunità straniere maggiormente presenti nel nostro paese, in particolare di quelle protagoniste dei primi flussi di immigrazione, rappresentano i 3.500 stranieri per i quali si è completato il procedimento di attribuzione della cittadinanza con la firma del relativo decreto da parte del Presidente Napolitano.

"Tengo particolarmente - ha detto il Presidente Napolitano - a una prerogativa e a un compito che la legge mi assegna: quello di firmare i decreti di concessione della cittadinanza. Si tratta dell'atto conclusivo di un percorso burocratico spesso e lungo e difficile; di una scelta importante perché segna il passaggio dalla condizione di straniero a quella di membro a pieno titolo della nostra comunità".

Per il Ministro Amato la legge vigente in Italia é "ancorata a principi che riportano all'assimilazione attraverso il legame del sangue o della famiglia. La possibilità di diventare cittadini al di là di questi vincoli é tuttora marginale".

"In tema di cittadinanza - ha proseguito Amato - é tempo di cambiare la nostra legislazione, che é ancorata ad una nozione superata dai principi su cui é fondata l'Unione europea"

Iscriviti alla newsletter
Acconsento al trattamento dei miei dati personali

Emergenza coronavirus

Scopri cosa stiamo facendo e come possiamo aiutarti

Pagina Coronavirus

BANNER rapporti precedenti

Dona il 5x1000
AntigoneCinquePerMille

Sostieni Antigone
con una donazione