Carceri. Il 2021 nei nostri dati: "fondamentale rilanciare la strada delle riforme"

8197402220 564af88270 oIl 2021 è stato un anno di attesa per quanto riguarda il sistema penitenziario italiano. Colpito e sconvolto dal Covid-19 nel corso del 2020, quello che abbiamo potuto verificare nel corso di quest'anno è stato un tentativo di ritorno alla normalità che, purtroppo, non in tutti gli istituti è stato tale e non in tutti con la prontezza necessaria. 

Nel corso del 2021 l'osservatorio di Antigone sulle condizioni di detenzione ha visitato 99 carceri per adulti, più della metà di quelli presenti in Italia, da Sciacca in Sicilia a Bolzano in Alto-Adige. Il più grande Napoli Poggioreale, con oltre 2.200 presenze, i più piccoli Lanusei in Sardegna e Grosseto in Toscana, entrambi con 28 presenti. Tra gli istituti visitati alcune delle situazioni più difficili da segnalare sono state rilevate nel carcere fiorentino di Sollicciano, dove sono stati registrati in media in un anno 105 atti di autolesionismo ogni 100 detenuti, o nel Lorusso Cotugno di Torino, dove nel reparto Sestante erano ristretti in condizioni inaccettabili 17 pazienti psichiatrici.   

Dalle nostre visite è emerso che in un terzo degli istituti visitati c'erano celle in cui i detenuti avevano meno di 3 mq a testa di spazio calpestabile, quindi al di sotto del limite per il quale la detenzione viene considerata inumana e degradante. Ma non è solo il dato dei metri quadri a destare preoccupazione. Nel 40% delle carceri che abbiamo monitorato c'erano infatti celle senza acqua calda e nel 54% celle senza doccia, come pure sarebbe previsto dal regolamento penitenziario ormai in vigore dal 2000. Mentre in 15 istituti non ci sono riscaldamenti funzionanti e in 5 il wc non è in un ambiente separato rispetto al luogo dove si dorme e vive. Altro dato importante è il fatto che il 34% degli istituti non abbia aree verdi per i colloqui nei mesi estivi.   

Se si guarda al personale, le cose non vanno di certo meglio. Solo il 44% delle carceri aveva un direttore incaricato solo in quell'istituto e solo nel 21% degli istituti c'era un qualche servizio di mediazione linguistica e culturale. In media, nelle strutture che abbiamo visitato, gli stranieri erano il 32,6%. Ogni 100 detenuti erano in media disponibili 8 ore di servizio psichiatrico e 17 di servizio psicologico, anche se, sempre in media, il 7% dei detenuti aveva una diagnosi psichiatrica grave e il 26% faceva uso di stabilizzanti dell'umore, antipsicotici o antidepressivi. Segno di un carcere che oggi, ancor più del passato, è un contenitore dell’emergenza sociale, della povertà e dell’esclusione. Per quanto riguarda infine il lavoro, in media lavorava nel 2021 il 43,7% dei detenuti. La maggior parte di loro alle dipendenze dell'Amministrazione penitenziaria e con mansioni che spesso non hanno alcuna spendibilità all'esterno. Inoltre, per far lavorare più detenuti possibili, il numero di ore lavorate è molto basso, come dimostra lo stipendio lordo medio percepito che è di 560 € al mese. 

"Il sistema penitenziario italiano ha bisogno di importanti riforme" dichiara Patrizio Gonnella, presidente di Antigone. "Proprio negli ultimi giorni la Commissione per l'innovazione del sistema penitenziario, voluta dalla Ministra Cartabia e presieduta dal Prof. Marco Ruotolo, ha presentato una relazione che contiene diverse proposte in tal senso. Alcune di queste proposte - prosegue Gonnella - erano state inserite anche nel nostro documento che alcune settimane fa avevamo presentato pubblicamente: dalla previsione di più contatti telefonici e visivi con l’esterno, al maggiore spazio assegnato alle tecnologie; dalla previsione di garanzie nei procedimenti disciplinari nei confronti delle persone detenute, fino all’attenzione prestata alla sofferenza psichica. E' importante che le autorità politiche e amministrative si adoperino affinché nel più breve tempo possibile possano essere rese operative. Ma è al contempo importante - conclude il presidente di Antigone - che venga bloccata la volontà dell'Amministrazione Penitenziaria di riformare il circuito di media sicurezza, cosa che farebbe fare un passo indietro preoccupante all'intero sistema trattamentale e rieducativo". 

Negli ultimi giorni dell'anno sono nel frattempo partiti tre processi per violenze nelle carceri italiane: Monza, Santa Maria Capua Vetere e Torino. Per tutti e tre Antigone aveva presentato degli esposti alla competenti Procure della Repubblica e nei procedimenti è presente con i propri avvocati.

Iscriviti alla newsletter
Acconsento al trattamento dei miei dati personali

Il carcere visto da dentro

Dona il 5x1000
AntigoneCinquePerMille

Sostieni Antigone
con una donazione