Free cookie consent management tool by TermsFeed Policy Generator News

Vita e morte in cella, così il governo aggrava la pena

16617546469 1741046799 odi Patrizio Gonnella su il manifesto del 5 aprile 2024

“Nodo alla gola” è il titolo del prossimo Rapporto di Antigone sulle carceri. Sono già 28 i suicidi nel 2024. L’ultimo della lunga e tragica sequenza è stato quello di un giovane trentaduenne nel carcere cagliaritano di Uta. Era finito in prigione un paio di giorni prima per furto. Lui è l’immagine di un sistema penale e penitenziario in crisi. Nelle carceri si respira un’aria di tensione preoccupante. Il personale deve governare durante la giornata situazioni drammatiche: detenuti che stanno male, detenuti a cui manca lo spazio vitale in quanto il sovraffollamento è cresciuto enormemente (sono 61mila secondo le più recenti rilevazioni, i più alti nell’ultimo decennio), detenuti che si tagliano, detenuti che non capiscono perché devono essere sempre chiusi in cella mentre prima non lo erano, detenuti che sono confinati in celle con letti a castello a tre piani fino anche a venti ore al giorno, detenuti che non possono andare a scuola perché la scuola è stata trasformata in dormitorio, detenuti che vorrebbero telefonare frequentemente ai propri cari come al tempo del Covid ma che non gli è più consentito, detenuti che diventano aggressivi, detenuti che subiscono aggressioni, detenuti che vengono puniti con l’isolamento, detenuti che si tolgono la vita o che ci provano e vengono salvati in extremis. 

Di fronte a tutto ciò si preannunciano alcune misure da parte del Governo, da un lato per prevenire i suicidi e dall’altro per ridurre la pressione data dall’affollamento carcerario. Vengono stanziati cinque milioni di euro per rinforzare l’assistenza psicologica. Viene aumenta l’irrisoria paga oraria degli operatori in servizio che fino a gennaio 2024 ricevevano soli 17 euro lordi l’ora. Con quelle cifre è chiaro che il carcere sarà l’ultima opzione di lavoro per qualsiasi professionista. È ciò sufficiente per prevenire gesti suicidari? La storia del giovane che si è tolto la vita a Cagliari ci dimostra che molti suicidi avvengono nell’immediatezza dell’arresto e sono segnati da disperazione, senso di abbandono, solitudine. 

Leggi tutto...

Roma, 13 maggio: "Contro l'isolamento", un convegno organizzato da Antigone

IT IsolamentoIl prossimo 13 maggio, presso la Sala del Consiglio del Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università Roma Tre (Via Ostiense 161), avrà luogo il convegno “Contro l’isolamento” organizzato da Antigone.

Circa due anni fa, nella convinzione che il tema dell’isolamento penitenziario rappresenti una delle criticità maggiori del panorama carcerario mondiale, Antigone e Physicians for Human Rights Israel hanno riunito e coordinato un gruppo di esperti a livello mondiale per discutere di isolamento in carcere. L’obiettivo primario di questo gruppo di lavoro è stato quello di individuare alternative concrete affinché l’isolamento venga superato e progressivamente abolito a livello mondiale. Il frutto di questo lavoro sono le Linee Guida Internazionali sulle Alternative all’Isolamento Penitenziario, che suggeriscono alle autorità nazionali, ai direttori penitenziari e agli operatori sanitari l'adozione di misure specifiche volte a ridurre e, infine, eliminare l’isolamento penitenziario.

Le Linee Guida, e il Documento di Contesto che le integra, verranno presentate e commentate in occasione del convegno che vedrà i seguenti interventi: Antonio Carratta - Direttore del Dipartimento di Giurisprudenza Università Roma Tre; Susanna Marietti - Antigone; Oneg Ben Dror - Physicians for Human Rights Israel; Nuno Henrique Pontes - lSCTE University Institute di Lisbona; Juan Méndez - American University W.C.L., UN Expert Mechanism to Advance Racial Justice and Equality in Law Enforcement, già Relatore Speciale ONU sulla Tortura; Mauro Palma - Presidente European Penological Center Università Roma Tre; Richard Franz Raemisch - già Direttore Esecutivo Colorado Department of Corrections; Pau Pérez Sales - Psichiatra e Direttore «Torture Journal»; Alessio Scandurra - Osservatorio sulle condizioni di detenzione Antigone.

A seguire si terrà una tavola rotonda con gli interventi di: Michele Miravalle - Antigone, Università di Torino; Rachele Stroppa - Antigone; Monica Cristina Gallo - Garante dei Diritti delle Persone Private della Libertà Comune di Torino; Giuseppe Nese - Psichiatra; Moreno Versolato - Cappellano presso la Casa Circondariale di Rebibbia; Simona Filippi - Avvocata, Antigone; Simone Spina - Giudice Tribunale di Siena, membro Esecutivo di Magistratura Democratica; Patrizio Gonnella - Presidente di Antigone.

Per partecipare è necessario iscriversi compilando questo form.

Suicidi e detenuti stranieri. Antigone: "il governo si muove o prova a farlo, ma con ricette insufficienti o sbagliate"

8196398253 b323a88bf7 o5 milioni di euro per prevenire i suicidi in carcere e accordi per inviare a scontare la pena nel loro paese per i detenuti stranieri. Queste sono le due proposte arrivate nelle ultime ore dal Governo. 

Nel primo caso si tratta di risorse senza dubbio fondamentali per migliorare l'assistenza psicologica nelle carceri che, dai dati raccolti dall'Osservatorio di Antigone sulle condizioni di detenzione, era riconosciuta nel limite di 20 ore ogni 100 persone recluse, per quanto riguarda gli psicologi, 10 ore ogni 100 persone recluse, per quel che concerne gli psichiatri (operatori in forza alle Asl). Ma non è l'unico provvedimento che può bastare. C'è bisogno di garantire una disponibilità maggiore di attività, che siano lavorative, formative, culturali. Le giornate delle persone detenute vanno riempite e non passate sdraiati sul letto a guardare il soffitto o a passeggiare per la sezione. Vanno inoltre garantiti i contatti con l'esterno, liberalizzando le telefonate e andrebbe dato seguito alla sentenza della Corte Costituzionale in merito al diritto all'affettività, prevedendo nelle carceri anche luoghi dove siano possibili colloqui intimi.

Leggi tutto...

Carcere di Viterbo. Condannato direttore del carcere nel procedimento per la morte di un detenuto. Il commento di Antigone

Mammagialla-viterbo-carcere-675Comunicato stampa del 27 marzo 2024.

Oggi il direttore della Casa Circondariale di Viterbo è stato condannato (con pena sospesa) per omissione di atti d'ufficio nell'ambito del procedimento che sta accertando le responsabilità sulla morte di Hassan Sharaf, un ragazzo di 21 anni che si era tolto la vita il 23 luglio del 2018, impiccandosi con un lenzuolo nella cella di isolamento di questo istituto. 

"La responsabilità del direttore, riconosciuta dal Tribunale di Viterbo, è quella di non aver trasferito il ragazzo in un Istituto Penale per Minorenni. Infatti Sharaf aveva commesso il reato da minorenne e avrebbe dovuto scontare la sua pena in un carcere minorile e non in quello per adulti dove si trovava". A dichiararlo è Simona Filippi, avvocata di Antigone, associazione che dopo aver presentato un esposto su questo caso si era costituita parte civile nel procedimento. 

La condanna di oggi arriva nell'ambito di un procedimento per omicidio colposo per cui sono indagati anche alcuni agenti penitenziari e medici che, a differenza del direttore e due agenti (oggi assolti), hanno scelto il rito ordinario in luogo di quello abbreviato. 

Leggi tutto...

Le carceri in Emilia Romagna: non solo sovraffollamento

carcerierrapportoAnche per l’anno 2023 l’Associazione Antigone Emilia Romagna ha completato le visite in tutti gli istituti di pena della regione, proseguendo con la sua attività di monitoraggio sulle condizioni di detenzione. 

Questo resoconto esce mentre si ripetono gravi notizie sulle condizioni di detenzione nelle carceri emiliano-romagnole, in primis Bologna, che solo nella settimana appena passata ha fatto registrare un suicidio e un tentato suicidio nella sezione femminile e da cui le notizie circa il conflitto interno sono ormai all’ordine del giorno. Contestuali sono le notizie della richiesta di rinvio a giudizio per dieci poliziotti della penitenziaria del carcere di Reggio Emilia con accuse, a vario titolo, di tortura, lesioni e falso in atto pubblico a danno di un detenuto, per fatti che risalgono ad aprile 2023 documentati da video riprese. Come Antigone abbiamo presentato un esposto e, all’udienza del 14 marzo scorso, ci siamo costituiti parte civile. Nel frattempo, a Modena, sede dei tragici eventi che a marzo 2020 avevano portato alla morte di 9 detenuti (caso archiviato), è iniziata l’udienza dove si discute dell’opposizione all’archiviazione del fascicolo che vede 120 appartenenti alla polizia penitenziaria indagati per tortura in relazione a quei fatti. Antigone, che aveva presentato opposizione alla richiesta di archiviazione, è riconosciuta come parte offesa del reato. 

La situazione delle carceri in Italia e in regione è quanto mai delicata, per non dire esplosiva. Portare avanti un’attività di osservazione attenta e costante appare essenziale.

LEGGI IL RAPPORTO SULLE CARCERI DELL'EMILIA-ROMAGNA

Guide al rilascio. Informazioni importanti per chi è a fine pena

guida rilascioll momento del fine pena rappresenta per molte persone una fase di grande smarrimento, soprattutto per chi non ha una rete di riferimento all'esterno.

Per aiutare ad orientarsi una volta fuori dal carcere, Antigone ha realizzato delle "Guide al rilascio" con informazioni semplici e di aiuto immediato, volte a favorire il processo di reinserimento in società. Dopo l'elaborazione di una guida a carattere nazionale (pubblicata nel 2019 e disponibile qui) e quella relativa alla città di Bologna (disponibile qui), si è optato per la realizzazione di strumenti analoghi ma di carattere regionale, in modo da inserire informazioni più dettagliate a livello territoriale (e più ampie rispetto alle guide cittadine). Le regioni coinvolte sono la Campania, la Puglia, la Sicilia e il Lazio. 

Le guide sono divise in dieci sezioni tematiche: servizi assistenziali; casa; lavoro; scuola e formazione; salute; dipendenze; affettività; genitorialità; documenti e questioni di giustizia. Ogni guida contiene sia informazioni di carattere generale che contatti utili a livello territoriale.

Leggi tutto...

Presunte torture nel carcere di Foggia. Antigone: "si accertino le responsabilità. Clima preoccupante in molte carceri"

Carcere-di-Foggia"Si accertino le eventuali responsabilità rispetto a quanto sarebbe accaduto nel carcere di Foggia dove dieci agenti penitenziari sono accusati di tortura per le violenze contro due persone detenute. Si tratta dell'ennesimo caso emerso nelle cronache da quando, nel 2017, è stata approvata la legge che punisce i torturatori. Una legge che ha aiutato a superare quel clima di impunità che, troppo spesso, si registrava.  Sono diversi gli agenti penitenziari in questo momento indagati, imputati o già condannati nei primi gradi di giudizio per tortura. Se ci fosse una modifica dell'attuale legge, come il Ministro della Giustizia Carlo Nordio ha dichiarato e ribadito essere nelle sue intenzioni e in quelle del governo, tutte queste indagini e processi potrebbero saltare. Per questo difenderemo strenuamente l'attuale impianto normativo.  Questi casi si inseriscono in un clima che, in alcune carceri, è sempre più teso a causa della crescita del sovraffollamento e una popolazione detenuta che nel tempo sta cambiando sempre di più e richiede una gestione che gli operatori, a causa dell'assenza di aggiornamento professionale e del loro ridotto numero, non riescono a garantire. Per questo crediamo che il governo dovrebbe impegnarsi urgentemente su questi fronti. Le inchieste nulla tolgono all'impegno di quei tanti operatori penitenziari che si muovono nel solco della legalità e che avrebbero bisogno di una mano per continuare a farlo". 

Queste le dichiarazioni di Patrizio Gonnella, presidente di Antigone, in merito ai fatti riferiti alle presunte torture avvenute nel carcere di Foggia.

Suicidi in carcere. Antigone: "tre in poche ore: un 26enne a Pavia, un 20enne a Teramo e un 33enne a Secondigliano. Il totale è di 23 da inizio anno"

16616189218 441c0ed5e5 oContinua a crescere il numero dei suicidi nelle carceri italiane. Gli ultimi tre sono avvenuti a distanza di poche ore nel carcere di Pavia e in quello di Teramo. Il primo - su cui si attendono conferme - riguarda il trapper Jordan Jeffrey Baby ed è avvenuto nel carcere di Pavia. Il secondo, poche ore dopo, nel carcere di Teramo, dove un ragazzo di venti anni si è tolto la vita nel giorno del suo compleanno. Mentre sempre ieri si era tolto la vita nel carcere di Secondigliano una persona di 33 anni. Il totale nel 2024 è di 23 suicidi, uno ogni 3 giorni.   

"Tre detenuti che si suicidano in un giorno segnano il fallimento delle istituzioni. Una tragedia che ci dovrebbe far fermare tutti e programmare azioni e politiche di segno opposto a quelle in discussione. Fermatevi con il ddl sicurezza e approvate norme di umanità. Ogni suicidio è un atto a sé ma, quando sono così tanti, evidenziano un problema sistemico. Il sovraffollamento trasforma le persone in numeri di matricola, opachi agli operatori. Vanno prese misure dirette a ridurre drasticamente i numeri della popolazione detenuta. Il ddl sulla sicurezza in discussione va nella direzione opposta e potrebbe determinare una esplosione di numeri e sofferenze. Le misure che da tempo sollecitiamo non sono mai state approvate. Una telefonata salva la vita, abbiamo sempre ricordato. Facciamo sì che i detenuti comuni possano  chiamare quotidianamente i propri cari e non una telefonata a settimana. Se quei ragazzi che hanno perso la vita avessero potuto farlo, forse quelle morti inutili si sarebbero potute evitare. Specialmente in momenti di profonda depressione i contatti con i propri cari possono essere la via di salvezza. Per questo chiediamo ancora una volta che Governo e Parlamento aprano una discussione pubblica sul tema carceri. Chiediamo a tutti i parlamentari di visitare le sezioni più affollate delle carceri e quelle dove si vive peggio, come il settimo reparto di regina Coeli. Lanciamo anche un allarme sul nuovo reato di rivolta penitenziaria, previsto nel ddl sicurezza che andrà a punire persino la resistenza passiva dei detenuti con tanti anni di carcere. La disobbedienza nonviolenta gandhiana è trattata come un crimine. Il rischio è che aumentino ancora atti di autolesionismo, tentativi di suicidio e suicidi. Per questo auspichiamo che questo provvedimento venga presto ritirato e che si approvino norme nel segno della modernizzazione, umanizzazione, deflazione. Siamo pronti a discuterne con chi vuole ascoltare il nostro parere e le nostre proposte". Queste le dichiarazioni di Patrizio Gonnella, presidente di Antigone. 

Leggi tutto...

Una delegazione di Antigone dal Presidente della Repubblica

WhatsApp Image 2024-03-04 at 12.55.06Ieri una delegazione di Antigone, guidata dal Presidente dell'Associazione Patrizio Gonnella, è stata ricevuta dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. A lui va il nostro ringraziamento per le parole e la sensibilità dimostrate sul tema delle carceri.

Qui il comunicato del Quirinale: https://www.quirinale.it/elementi/107862








È Online il calendario dei colloqui di selezione per il progetto bando SCU 2023

scuÈ Online il calendario dei colloqui di selezione per il progetto bando SCU 2023 "La tutela dei diritti delle persone private della libertà 2024".

I colloqui di selezione si terranno i giorni 25-26-28 marzo e i giorni 4-8 aprile, presso la sede di Antigone, in via Monti di Pietralata 16, Roma. Per scoprire il giorno e l’orario di convocazione, i candidati sono pregati di consultare il calendario, disponibile qui.

Come previsto dal bando, la pubblicazione del calendario avviene almeno dieci giorni prima della data di convocazione e vale come notifica della convocazione.

Nel rispetto della privacy, si è scelto di non pubblicare il nominativo dei candidati, ma il numero di riferimento domanda, che è possibile trovare in alto a sinistra su ogni domanda generata dal sistema, al momento della presentazione della propria candidatura.    

Per eventuali supporti, scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ricordiamo che i colloqui di selezione sono possibili solo in presenza, così come il progetto richiede la presenza a Roma durante tutto il periodo di svolgimento.

Iscriviti alla newsletter
Acconsento al trattamento dei miei dati personali

Rapporto Antigone

Rapporto Annuale

Dona il 5x1000
AntigoneCinquePerMille

Sostieni Antigone
con una donazione